Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

L’ASTRAGALO: UNA DIFESA NATURALE DEGLI ORGANI

L’Astragalo è una leguminosa che difende i nostri organi, grazie alle virtù terapeutiche riconosciute dalla tradizione erboristica occidentale ed orientale. Vediamo come protegge il nostro organismo e lo rafforza

La radice della pianta Astragalo è un pieno di forza, energia, in grado di sostenere il nostro organismo da più direzioni.

Se da un lato sollecita il nostro sistema immunitario a rafforzarsi per contrastare eventuali attacchi virali, dall’altro si comporta da scudo per proteggere il nostro organismo e le funzionalità specifiche di ogni organo.

 

Proprietà immunostimolanti dell'astragalo

L’astragalo svolge un’attività di sollecitazione del sistema immunitario, in particolare dei linfociti T, quelli atti a contrastare virus e batteri. Recenti studi stanno addirittura verificando l’efficacia dell’astragalo in casi di HIV.

Svolge questa sua azione anche in modo indiretto, esercitando un’attività di conservazione di quelle ghiandole sentinella atte a difendere l’organismo come il timo, la milza e alcuni linfonodi, che generalmente con il tempo tendono ad atrofizzare la loro funzionalità.

Rivolge il suo tropismo anche verso i linfociti NK, prima barriera della nostra immunità innata: una protezione fondamentale contro le forme tumorali.

 

L'astragalo è un ottimo rimedi contro lo stress. Scopri gli altri

 

Proprietà difensive dell'astragalo

L’Astragalo possiede proprietà adattogene, in grado di modulare quindi la sua azione nei confronti dei nostri possibili disequilibri organici.

È un regolatore del metabolismo di sodio e potassio, in grado di garantire il corretto sostegno al sistema cardiocircolatorio e di esercitare il giusto controllo della pressione arteriosa.

La componente in saponine connota l’astragalo come epatoprotettore, perché consente di proteggere il fegato da eventuali danni provocati da elementi tossici e stimola la rigenerazione di epatociti.

 

Come assumere l'Astragalo

  • In estratto secco: 400 mg, 3 volte al giorno
  • In tisana: 20 grammi in una tazza d'acqua, in decozione
  • In tintura: 30 gocce in poca a acqua. 2 volte al giorno lontano dai pasti

 

Curiosità

L’Astragalo vanta particolari virtù restitutive e viene utilizzato dopo cicli di chemioterapia per favorire il recupero del paziente, la riparazione dei tessuti danneggiati da cure così invasive.

 

Per il sistema immunitario prova astragalo ed echinacea

 

 

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: