Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

OLII ESSENZIALI

OLII ESSENZIALI

Olio essenziale di Verbena odorosa, proprietà e benefici

L'olio essenziale di verbena è ricavato dalla Lippia citriodora, una pianta della famiglia delle Verbenacee. Conosciuto per le sue numerose proprietà, è antinfiammatorio, febbrifugo e calmante, utile anche ler le funzionalità gastriche e per le infezioni delle vie aeree. Scopriamolo meglio.

>  Proprietà dell'olio essenziale di verbena

>  Descrizione della pianta

>  Uso e consigli pratici

>  Controindicazioni dell'olio essenziale di verbena

>  Cenni storici

Olio essenziale di verbena

 

Proprietà e benefici dell’olio essenziale di Verbena odorosa

Antispasmodica, seda spasmi e dolori di origine psicosomatica, agendo come normalizzatore e calmante.

Antinfiammatorio e febbrifugo, grazie alle sue proprietà rinfrescanti, lenisce le infiammazioni di natura articolare e abbassa la febbre.

Antisettico, disinfettante in caso di infezioni delle prime vie aeree.

Calmante, è un riequilibrante dell’umore ama che un tonico del sistema nervoso, rinforza la concentrazione e la memoria.

Digestivo e stimolante epatico, facilita le funzionalità gastriche e l’assorbimento dei nutrienti.

 

Descrizione della pianta

Pianta dal fusto legnoso che può raggiungere 2 metri di altezza. È caratterizzata da foglie lanceolate e piccoli fiori bianchi disposti a spiga. È originaria dell’America Latina e viene coltivata in tutti i paesi del bacino Mediterraneo.

 

Parte utilizzata

Foglie e sommità fiorite

 

Metodo di estrazione

Distillazione in corrente di vapore

 

Nota 

Nota di testa: profumo fresco, agrumato

 

L'olio essenziale di verbena tra i rimedi naturali per dormire bene

Rimedi naturali per dormire bene

 

Uso e consigli pratici sull'olio essenziale di Verbena

L’olio essenziale di Verbena Odorosa è indicato in caso di stress, insonnia, ansia, tachicardia, febbre, reumatismi e difficoltà digestive

Per massaggi: 2 o 3 gocce in olio vettore da massaggiare sulle tempie in caso di mal di testa, per favorire il sonno. Sull’addome per calmare il respiro, sedare l’ansia e favorire la digestione.

Nel bagno: 5 gocce di olio essenziale di verbena in una manciata di sale grosso da sciogliere nell’acqua della vasca. Aiuta a contrastare i dolori reumatici, spasmi muscolari.

Per la febbre: 2 o 3 gocce su compresse fredde da apporre sulla fronte per abbassare la febbre.

In aromaterapia: 5 gocce nel diffusore per rinfrescare l’aria dell’ambiente in cui si sosta, per calmare gli stati di agitazione.

 

Controindicazioni dell'olio essenziale di Verbena

Può manifestare fenomeni di fotosensibilizzazione, si sconsiglia l’esposizione solare dopo il suo utilizzo. Sconsigliato in gravidanza.

 

Scopri anche le proprietà, l'uso e le controindicazioni della Verbena officinalis

 

Cenni Storici

I romani consideravano la verbena una pianta propiziatrice e veniva impiegata per le cerimonie di purificazione degli altari e per accompagnare le attività degli ambasciatori. Infatti questi dignitari prima di partire venivano toccati con rami di verbena raccolti in un luogo sacro del Campidoglio per insignirli dei poteri di rappresentanza dello Stato romano.

I Celti e i Germani la utilizzavano nei loro riti magici per facilitare la concentrazione e per i suoi poteri ammaliatori nelle pozioni d’amore.

 

LEGGI ANCHE

Le proprietà di Vervain, rimedio floreale di Bach

 

Altri articoli sulla verbena:
>  La verbena tra gli ingredienti delle tisane rilassanti
>  L'olio essenziale di verbena tra i rimedi naturali per la depressione

Pianta di verbena: coltivazione e usi

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy