Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

MASSAGGI E BENESSERE

Massaggio thai, benefici e controindicazioni

Il massaggio thai, basato su compressioni e digitopressioni, libera l'energia e favorisce l'eliminazione delle tossine. Scopriamolo meglio.

>  La tecnica del massaggio thai

>  La seduta

>  Benefici e controindicazioni del massaggio thai

>  Curiosità

Massaggio thai

 

La tecnica del massaggio thai

Il massaggio thai risale almeno a 2500 anni fa. L'ideatore viene identificato con la figura di Jivaka Kumar Bhacca: la leggenda vuole che abbia appreso la tecnica dalle popolazioni visitate lungo la sua peregrinazione in compagnia del Buddha.

Il massaggio thai, in effetti, è strettamente collegato al buddhismo ma, mentre la religione conobbe un periodo di eclissi, schiacciata sotto il peso dell'induismo e dell'islamismo, il massaggio rimase molto praticato in Thailandia e non solo nei templi.

Le varie tecniche del massaggio thai, basate sulla teoria dei meridiani, sono tramandate ancora oggi di generazione in generazione. Lo scopo del massaggio thai è quello di riattivare la circolazione energetica interrotta o difficoltosa, facendo leva sulle potenzialità di autoguarigione dell'organismo.

 

La seduta 

Il massaggio thai inizia con manovre lievi che aumentano gradualmente di intensità, senza mai sconfinare in un dolore eccessivo. Nonostante una sola seduta produca effetti benefici, è bene sottoporsi al trattamento 2 volte alla settimana.

Il massaggiatore ricorre a digitopressioni, compressioni. Il corpo deve appoggiare su una superficie morbida. Solitamente il paziente rimane coperto, sia per questione di tradizione che per mantenere i muscoli caldi.

 

Benefici e controindicazioni del massaggio thai

Il massaggio thai libera l'energia, aumenta l'attività vascolare, favorisce l'eliminazione delle tossine. Molto indicato in caso di problemi come nevralgie, lordosi o disturbi legati alla depressione, come l'insonnia.

Una seduta di massaggio thai lascia il corpo rilassato e la mente pronta, limpida, liberata da pensieri. Le sedute rilassano i muscoli, migliorano il sistema nervoso. 

Il massaggio thai non va praticato in caso di ernia iatalegravidanza, ipertensione arteriosa, disturbi cardiaci, fratture, gravi infiammazioni o ferite

 

Curiosità 

Un massaggiatore thai professionista sembra quasi un danzatore, a vederlo da fuori. In effetti, i movimenti sono molto coreografici: gli allungamenti dei muscoli vengono fatti con manovre di presa di polso (il paziente e il massaggiatore afferrano reciprocamente i polsi) oppure della caviglia.

 

Scopri anche

I benefici e le controindicazioni del messaggio terapeutico

> I benefici del massaggio thailandese
> Tok sen, il massaggio thailandese particolare

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy