Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

LE COSTELLAZIONI FAMILIARI

Le costellazioni familiari: una rappresentazione, quasi una recita, che ci aiuta a capire i legami nascosti, i segreti, gli “irretimenti” che ci provengono, spesso inconsciamente, dalla nave-famiglia. Una via istintiva della psicologia, profonda, ancora poco praticata in Italia, scopriamola insieme

Cosa sono le costellazioni familiari?

Le costellazioni familiari sono una delle varie espressioni della psicologia fenomenica e sistemica, la cui scoperta è legata alla personalità di Bert Hellinger, filosofo, teologo, pedagogista e psicoterapeuta tedesco. Come lo stesso studioso ha affermato, spesso la vita di ognuno di noi è condizionata da sentimenti e destini che non sono davvero propri e personali, ma che derivano da nodi rimasti tali, grovigli non sciolti, garbugli e irretimenti del sistema-famiglia che ancora ci condizionano e che si possono portate alla luce grazie al processo delle costellazioni familiari.

Gli "Ordini dell'Amore", una componente arcaica della struttura familiare tanto potente da indirizzare i destini dei singoli individui, esistono anche nel sistema stellare, ecco l’origine del termine universale coniato da Hellinger.

 

Chi è Bert Hellinger?

Bert Hellinger è nato a Colonia nel 1925. Studioso di psicologia, pedagogia, filosofia e teologia, è stato per sedici anni missionario in Sudafrica, dagli Zulu. Tornato in patria, ha ripreso a studiare profondamente: le dinamiche di gruppo,  terapie di ogni tipo, l’analisi transazionale, l'ipnosi Ericksoniana, la programmazione neurolinguistica tra le sue materie preferite, fino ad approdare al perfezionamento del metodo delle costellazioni familiari, con cui è diventato famoso in Germania, Austria e Svizzera. Hellinger parte dal principio che il metodo delle costellazioni familiari non può essere insegnato, ma deriva dall'allenamento e dall'esperienza. Questo perché non si tratta di trasmettere un sapere ma di esporsi ai fenomeni, osservarli, sentirli e, in base a una forza equilibratrice, ricondurre il tutto al proprio posto, senza alcun obiettivo stabilito o conoscenza preliminare.

Lo studioso non si considera infatti l’inventore di una scuola o di un movimento, ma semplicemente una persona che ha avuto un’intuizione "Quando qualcuno mi chiede l'autorizzazione per utilizzare qualcosa che ho detto o fatto, mi sento contrariata, come se fossi il padrone di queste scoperte, esse non hanno fatto altro che rivelarsi e appartengono a tutti. Ho semplicemente avuto delle intuizioni e sono felice se altri ne avranno".

 

Intraprendere il percorso delle costellazioni familiari

Iniziare il percorso delle costellazioni familiari significa anzitutto voler provare un’altra strada per liberarsi da malattie gravi, depressione oppure semplicemente per cercare di dare un la alla risoluzione di problemi sul lavoro o sentimentali, a cui non si riesce ad andare a capo. Questi irretimenti, che si manifestano sottoforma di disturbi fisici o psichici, condizionano la vita di ognuno, rendendo le persone prigioniere, come se fossero ingarbugliate dentro a una lunghissima rete che un peschereccio si sta trascinando dietro da anni.

Il compito delle costellazioni familiari è proprio quello di tagliare, o meglio, sciogliere quella rete, liberando le persone, slegandole dalla nave-famiglia e dai legami inconsci annessi. Il sistema famiglia viene, all’atto pratico, riprodotto al fine di realizzare questo tipo di terapia: lo psicologo fa recitare a dei rappresentanti, in modo del tutto istintivo, i rapporti esistenti tra i vari membri della famiglia. In questo modo possono essere individuati i legami nascosti, i segreti irrivelati, il punto d’azione dell’amore: il terapeuta lavora in sintonia con le forze che agiscono e guidano il campo, spostando fisicamente le persone nelle posizioni che occupano nel campo (esempio di costellazioni aziendali) fino ad arrivare ad uno stato di calma e tranquillità per tutti i partecipanti; a quel punto le tensioni spariscono e arriva la pace per tutti.

 

Questa messa in scena va spontaneamente a tirare fuori e a evidenziare le dinamiche inconsce che causano sofferenza nella vita di ognuno, nelle relazioni affettive, nelle relazioni in ambito professionale, nel rapporto con il denaro e con la salute, rendendo le persone consapevoli. Fa tenezza la dinamica che sta alla base del tutto: Bert Hellinger ha evidenziato che esistono in ogni sistema familiare degli ordini strutturali fissi per mantenere in equilibrio il sistema e provvedere alla sua sopravvivenza e li ha chiamati "Ordini dell'Amore". La coscienza preposta all’ordine si fa carico delle persone escluse e dimenticate dalla nostra anima e non si arrende fino a che a questi non venga ridato un posto e una dignità nella famiglia: da qui i tormenti di alcuni individui, che si fanno carico, ad ogni costo e inconsciamente, di difendere e riportare l’equilibrio, immedesimandosi con l’escluso.

Immagine | Wikipedia

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: