Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
Alimenti

LA VERDURA DI LUGLIO: LE SOLANACEE

Nel mese di luglio arrivano a produzione tutte le piante che fanno parte della famiglia delle Solanacee. Vi sono i frutti delle melanzane, dei peperoni, dei peperoncini e dei meravigliosi pomodori. Conosciamoli più da vicino

Di Mira Tonioni 10989 Speciale

La famiglia delle solanacee

Le Solanacee sono piante che, come dice il nome stesso, amano il sole e il caldo tanto che nei nostri climi sono considerate piante annuali, mentre in altre parti del mondo dove il clima è più caldo riescono a diventare anche perenni visto che non arrivano gelate e freddi a fermarne la produzione.

Queste piante contengono una sostanza chiamata solanina che per l'uomo è considerata tossica soprattutto a dosaggi alti; è quindi necessario valutare e limitare il consumo dei frutti delle solanacee nell'arco dell'anno.

Infatti molte intolleranze alimentari sono state riscontrate proprio sulle solanacee, in particolar modo il pomodoro. La solanina è comunque piuttosto termolabile quindi durante la cottura viene eliminata e inoltre se il frutto è maturato al sole dell'estate e raccolto a completa maturazione la presenza di solanina è molto ridotta.

La concentrazione maggiore di solanina è prodotta quando il frutto è ancora verde e nelle coltivazioni protette (serra). Il consiglio migliore è di consumare melanzane, peperoni, peperoncini e sopratutto pomodori nella stagione effettiva di raccolta (indicativamente giugno-settembre) e durante il resto dell'anno diminuirne l'utilizzo preferendo prodotti cotti.

Per il pomodoro ad esempio passate e pelati che vengono preparati nel momento di massima maturazione e poi conservati per il consumo annuale.