Logo

Dieta alimenti

ORIENTARSI TRA I SEMI OLEOSI

Piccoli e preziosi, ecco a voi 4 prodi difensori dell'organismo arruolati nell'esercito dei semi oleosi: dai semi di zucca a quelli di girasole, passando per i più noti semi di lino e di sesamo. Come prepararli, quante dosi assumerne, quali sono le proprietà

Orientarsi tra i semi oleosi

Non si sa mai bene come usarli, dove metterli, se tritarli o spargerli così come sono, se comprarli all'alimentari o farseli da sé. Andiamo a scoprire qualcosa di più sui semi oleosi, che siano di lino, girasole, sesamo o zucca. 

 

Semi a difesa dell'organismo 

Piccoli tesori pieni di proprietà benefiche per l'organismo, i semi oleosi hanno doppio scopo curativo e alimentare. Esistono molte specie di semi (avena, anice, canapa, cardo, miglio, papavero, finocchio, soia, etc.).

Per tutti vale la pena osservare qualche semplice regola: è bene consumarli l’anno di produzione e conservarli in luoghi freschi, asciutti e al riparo dalla luce, per evitare che i grassi si alterino.

Meglio scegliere semi provenienti da coltivazioni biologiche ed è bene avvicendarli a tavola, alternarli con fantasia. Sono calorici, è vero, ma proteggono il cuore, sono una fonte proteica indispensabile, oltre a saziare l'appetito. 

 

Varietà di semi 

Prendiamo in esame alcuni tra i semi oleosi che portiamo a tavola con maggiore frequenza.

Semi di lino 

Ottenuti dal Linum usitatissimum, i semi di lino, scrigni di Omega-3, sono famosi per le loro proprietà lassative. Ma perché i rimedi della nonna annoveravano i semi di lino come soluzioni infallibili in caso di stitichezza? Provate a metterne un cucchiaio in un bicchiere d'acqua e lasciateli a macerare per qualche ora. Li ritroverete gonfi e avvolti in una sorta di mucillagine.

È proprio quest'ultima che ha un'azione lassativa meccanica. Molto diffusa anche la pratica dei cataplasmi di semi di lino utili in caso di tosse o catarro bronchiale. Ne bastano da 1/2 a 1 cucchiaio al giorno.

 

Semi di sesamo 

Il sesamo è caratterizzato da proteine (18,7%), grassi (53,5%) e carboidrati (15,6%). A fronte del potere calorico dei semi di sesamo (595 kcal), c'è un'elevata azione di protezione, rafforzamento del sistema immunitario e stimolazione del sistema nervoso.

Con i semi di sesamo si può preparare una valida alternativa al sale, il gomasio, tradizionalmente usato in Giappone per aromatizzare zuppe, minestre, pasta, riso e condire le insalate. Per fare il gomasio occorrono solo due ingredienti: sale grezzo (marino, integrale) e semi di sesamo. Si mescolano 7 parti di semi di sesamo (7 cucchiai)  con 1 parte di sale (1 cucchiaio).

Una volta spianati su carta da forno su una teglia, tostateli in forno a 100 gradi per 15 minuti e si lasciate a raffreddare. Se preferite, si possono tostare anche facendoli saltare in padella. Poi si macina il tutto, fino ad ottenere una polvere a grana grossa e oleosa. Conservate in frigorifero.

 

Prova 3 ricette con i semi di sesamo

 

Semi di girasole 

Sono tre le tipologie di girasole (bianco, nero, striato) e in tutti e tre i casi i semi di girasole sono alimenti particolarmente nutrienti, in cui è presente la rara e preziosa vitamina B12 e l'acido clorogenico, che svolge un'azione di protezione dell’organismo sia come antibatterico e antinfettivo, sia come agente antitumorale e antimutageno.

I semi di girasole bianco sono ricchi di acido linoleico (Omega-6), un acido grasso che abbatte l'azione dei radicali liberi; i semi di girasole nero contengono una buona percentuale di ferro, manganese, zinco, oltre a essere ricchi di fibre; i semi di girasole striato sono utili per migliorare le funzioni intestinali. Un paio di cucchiai al giorno (tre se germogliati), è un quantitativo da non superare.

 

Semi di zucca 

Amici di intestino, vescica e muscoli, ecco a voi i semi di zucca. Se volete prepararveli da soli ed evitare di comprarli, potrete farlo nel momento in cui la natura offre la zucca tra i suoi alimenti stagionali.

Tagliate a metà la zucca e raschiatene l'interno, facendo attenzione a separare i semi dai filamenti con cura. Una volta estratti, lavate i semi e metteteli in una pentola con acqua (1 tazza d'acqua ogni mezza tazza di semi) e sale (1 cucchiaio da tavola per ogni tazza d'acqua). fate bollire l'acqua e lasciate cuocere per circa 10 minuti.

 Scolate i semi e disponeteli su una teglia ricoperta di cartaforno. Fate tostare i semi in forno per almeno 20 miuti a 180°, o fino a quando non sono dorati. Suggeriamo di usarli come decorazione per una più che attinente crema di zucca per fare il pieno di ferro, zinco e fosforo.

Oltre alle famose barrette di sesamo, si trovano in commercio anche le barrette snack ai semi di zucca, indicati per una pausa equilibrata e nutriente, energizzante. 

 

Come integrare i semi oleosi nella dieta quotidiana?

 


Per approfondire:

> Tutti i semi oleosi e le loro proprietà


Immagine | Fugzu 

 

CONTENUTI SU SEMI OLEOSI PAGINA SUCCESSIVA


Ti potrebbe interessare anche: