Logo

Dieta alimenti

GOJI, LE BACCHE DI LUNGAVITA

Da più di 2000 anni, le popolazioni del Tibet utilizzano nella loro medicina tradizionale le bacche goji per prolungare il benessere generale, in quanto la ricchezza dei principi attivi le rendono un vero "elisir di lungavita"

Goji, le bacche di lungavita

Le bacche goji sono i frutti di un arbusto spontaneo d’origine tibetana, il cui nome scientifico è Lycium Barbarum, e costituiscono uno dei capisaldi della medicina tibetana, e del territorio asiatico in generale, le cui molteplici proprietà sono tutte a favore del benessere. Conosciute come il "frutto della longevità", queste piccole drupe rosse hanno effetti salutari unici per il nostro organismo, dovute alla presenza di sostanze antiossidanti (pari a 4000 volte quella dell’arancia e vitamina C per 500 volte) in particolare vitamine, mineralicarotenoidi e polisaccaridi ad attività adattogena, protettiva e immunostimolante.

 

Le proprietà delle bacche goji

Azione adattogena: le proteine, che rappresentano ben il 16% del frutto, contengono due importanti amminoacidi, L-arginina e l-glutammina, che aumentano il livello energetico generale dell’organismo, la resistenza muscolare alla fatica, alzano il tono dell’umore, migliorano la memoria, la capacità di concentrazione, e la qualità del sonno, contrastando gli stati di indebolimento fisico e la stanchezza. Più in generale si può dire che tali principi, come in tutti gli adattogeni vegetali, favoriscono lo stato di benessere psicofisico, aiutando a predisporre e sostenere l'organismo nei periodi di cambiamenti stagionali o di maggiore stress.

- Azione immunostimolante:  è conferita alle bacche dalla presenza di  polisaccaridi denominati LBP (Lycium Barbarum Polysaccharides), definite "molecole master", perché comandano e controllano i più importanti  sistemi di difesa biochimici del nostro corpo, impedendo la colonizzazione di agenti patogeni, quanto la funzione del sistema immunitario è quella di proteggere il corpo dall'invasione degli organismi o molecole che possono causare le malattie. La Vitamina C e lo Zinco, proteggono dalle infezioni e consentono di avere una risoluzione in tempi più rapidi alle patologie da raffreddamento stagionale. Questi preziosi nutrienti sono anche in grado di contribuire alla detossificazione da metalli pesanti e dalle tossine ambientali.  

- Azione antiallergica: in Asia, le bacche goji sono utilizzate come terapia contro le allergie, in quanto aiutano il sistema immunitario a distinguere in modo più efficace tra le cellule sane e quelle malate. La reazione allergica, infatti, non è altro che una reazione anomala di ipersensibilità a una o più sostanze con cui l'organismo è venuto a contatto in precedenza e che solitamente risultano inoffensive. Un difetto di autoregolazione della risposta immunitaria, può perciò provocare malattie autoimmuni e allergie.

- Azione antiossidante: i flavonoidi, contenuti nelle goji, svolgono la funzione di “spazzini” dei radicali liberi (attività scavenging), perché riducono il colesterolo e regolarizzano i livelli degli zuccheri nel sangue. Inoltre migliorano l’elasticità dei vasi sanguigni e servono per l’ossigenazione dei tessuti. I carotenoidi che costituiscono il fitocomplesso delle bacche, proteggono la pelle dagli effetti dannosi dei raggi UV, responsabili della degenerazione cellulare e dell'invecchiamento precoce. L'assunzione di questi principi scongiura l'insorgere di malattie cardiovascolari e neurodegenerative

- Azione riequilibrante della flora batterica: le goji favoriscono inoltre la crescita di batteri benefici per il nostro apparato gastrointestinale. La combinazione di fibre e di polisaccaridi aiuta naturalmente la proliferazione dei microraganismi intestinali, noti come probiotici, fondamentali per numerose funzioni dell'organismo, tra cui: la corretta funzionalità gastrica e intestinale; la sintesi e l'assimilazione di numerosi nutrienti provenienti dal cibo; e la difesa dagli agenti patogeni, responsabili di infezioni come candida e cistite.

 

Le bacche goji: come assumerle

Normalmente se ne consuma il succo, che essendo liquido viene immediatamente assimilato dall'organismo, ma trovarlo in commercio in questa forma pura è ancora abbastanza difficile in Italia, mentre è più facile acquistare le bacche nei negozi di agricoltura biologica o di alimenti esotici, oppure sotto forma di integratori alimentari nelle erboristerie. 

Immagine | Wikimedia

Ti potrebbe interessare anche: