Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

NUTRACEUTICA

Coenzima Q10, proprietà e benefici

A cura di Veronica Pacella, Nutrizionista

 

Il coenzima Q10 è una molecola di natura lipidica conosciuta prevalentemente per il suo ruolo nella catena respiratoria mitocondriale, nella fosforilazione ossidativa e per le sue proprietà antiossidanti. Scopriamolo meglio.

>  A cosa serve il Coenzima Q10

>  Il danno da radicali liberi

>  Dove si trova il coenzima Q10

Coenzima Q10


A cosa serve il Coenzima Q10

Il coenzima Q (ubichinone) ha una struttura chinonica con vari gruppi sostituenti e una catena laterale di varia lunghezza nelle diverse specie animali, che rendono questa molecola lipofila. Nell’uomo è presente la forma caratterizzata da 10 unità ioprenoidi chiamato Coenzima Q10.

Il Coenzima Q10 è fondamentale nel trasporto dei nutrienti attraverso le membrane dei mitocondri ed è coinvolto nei processi che producono energia a partire dagli alimenti. Agisce come antiossidante fenolico ed è fondamentale il suo ruolo nel proteggere diverse strutture nel nostro organismo dall’ossidazione, specialmente da parte di specie reattive all’ossigeno e da radicali liberi in genere.  

E’ un coadiuvante nei meccanismi fisiologici deputati alla regolarizzazione della pressione sanguigna e della contrazione del muscolo cardiaco.

Il nostro organismo è dotato di meccanismi antiossidanti rappresentati da molecole enzimatiche o da molecole più piccole, i cosiddetti antiossidanti solubili, fra cui il Coenzima Q10 che gioca un ruolo fondamentale.

Sebbene sia stato introdotto come farmaco, oggi in molti paesi è utilizzato come nutraceutico di supporto alla bioenergetica cellulare, antiossidante e protettore cardiovascolare.

E’ usato anche come coadiuvante nella terapia dello scompenso cardiaco, nelle malattie cutanee, nelle miopatia, nei problemi di fertilità e in varie malattie degenerative, fra cui il morbo di  Parkinson. 

 

Il coenzima Q10, come la vitamina A, tra gli integratori naturali antiossidanti: scopri gli altri

Integratori naturali alimentari antiossidanti

 

Il danno da radicali liberi

Un radicale libero è una specie chimica che contiene uno o più elettroni spaiati. Possedere un elettrone spaiato conferisce al radicale libero un’alta reattività che lo porta a interagire con altre molecole per donare o prendere altri elettroni, in un processo che genera così altri radicali. Quando questo fenomeno si verifica a livello delle catene di acidi grassi delle membrane cellulari inizia un processo di destrutturazione con danni a livello funzionale

Un altro attacco alle strutture lipidiche è la perossidazione delle lipoproteine plasmatiche (LDL), la cui ossidazione le porta ad essere aterogeniche e quindi a formare la placca aterosclerotica, responsabile delle malattie cardiovascolari.

Con meccanismi analoghi, il danno da radicali liberi coinvolge strutture proteiche, glucidiche, e acidi nucleici.

 

Dove si trova il coenzima Q10

Il Q-10 nel nostro organismo deriva principalmente dalla sua biosintesi endogena. La via biosintetica parte dalla tirosina e coinvolge numerose reazioni biochimiche che richiedono almeno 7 vitamine: tiamina, riboflavina, niacina mine, piridoxina, acido folico, cobalamina e acido pantotenico.

Si trova in piccole quantità in alcuni cibi, fra cui le carni rosse, e in certi tipi di pesce come sardine e sgombri, la soia, i frutti oleosi e il germe di grano.

Il deficit potrebbe essere causato da un limitato apporto dietetico e da un limitato apporto di vitamine e cofattori necessari alla sua biosintesi endogena.

Un’ulteriore  causa della rallentata biosintesi endogena di Q10 dipende dalle statine, potenti farmaci anticolesterolo. 

 

LEGGI ANCHE
Le proprietà delle arachidi, fonte di coenzima Q10

 

Immagine | Blog.masmusculo.com

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy