Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

LA MISURA DEL DISPENDIO ENERGETICO CON L'HOLTER METABOLICO

La misura del dispendio energetico totale giornaliero, in molti casi, può risultare utile per dare una oggettiva consapevolezza di quanto consumiamo, rispetto a quante calorie ingeriamo (mangiando e bevendo) ogni giorno. Oggi, con l'holter metabolico, è possibile misurare il nostro stile di vita, quante calorie consumiamo, le nostre abitudini del sonno, in modo oggettivo, reale e periodico.

Uno dei principali fattori modificabili su cui possiamo agire per favorire il nostro benessere è l’attività motoria. Se il divano di molti potesse parlare, chiederebbe di certo un po' di tregua, visto che la forma del sedere del proprietario è ancora lì a testimonianza della sua sedentarietà. Quante volte capita a noi nutrizionisti di sentire dai nostri pazienti che sono costretti a stare sempre a dieta perché ingrassano anche solo respirando l'aria, o non perdono un etto, malgrado la palestra e l'attività fisica? Di certo, bisogna valutare il loro stile di vita, le loro abitudini relative all'alimentazione, sonno, attività quotidiane, attività motorie varie, prima di poter giungere a errate conclusioni. 

Oggi, con un semplice test l’ “holter motorio-metabolico” si può misurare lo stile di vita, quanto attivi o inattivi siamo, quante calorie consumiamo, quali sono le nostre abitudini del sonno, tenendo tutto sotto controllo periodico con una quantificazione OGGETTIVA, REALE di come viviamo e di come possiamo modificare tutto questo per vivere meglio, in forma e in salute.

Gli studi scientifici confermano da tempo che l'attività fisica influenza il bilancio energetico, l'equilibrio corporeo tra massa magra e massa grassa e lo stato di salute, ma ci dice anche che l'attività fisica deve essere "dosata", calibrata opportunamente, per evitare possibili eccessi. In Europa i due terzi della popolazione adulta non raggiunge i livelli di attività fisica raccomandati. Le principali motivazioni sembrano essere: mancanza di tempo e di interesse; sensazione di inadeguatezza; difficoltà logistiche per fruire degli impianti sportivi; scarsa sicurezza dei luoghi pubblici in cui si potrebbe praticare attività fisica; sensazione di spossatezza al punto da preferire di dedicare il tempo libero al riposo; errato senso di sufficiente attività (senza esserlo, in realtà). 

Il risultato finale di questa complessa situazione è che l’inattività fisica è causa di mortalità, obesità e malattie cronico-degenerative (patologie cardiovascolari, diabete, tumori ecc.). L’attività fisica per la salute è quella attività di moderata intensità che accelera il battito cardiaco e che accresce il metabolismo a riposo da 3 a 6 volte (3-6 equivalenti metabolici o METs*). Dunque è importante valutare questa componente all’interno dello stile di vita complessivo del soggetto in esame. Grazie a dei sensori presenti sull’holter metabolico l'analisi del consumo calorico, del profilo motorio e dello stile di vita esce fuori dal criterio della soggettività per diventare una nuova opportunità di valutazione, di monitoraggio e di verifica.

La misura del dispendio energetico totale giornaliero, in molti casi, può risultare utile per dare una oggettiva consapevolezza di quanto consumiamo, rispetto a quante calorie ingeriamo (mangiando e bevendo) ogni giorno. Questo prezioso strumento, di piccole dimensioni e che pesa pochissimo, usato in centri medici e sportivi, centri di ricerca, si indossa in tutta serenità sotto i vestiti e si tiene per una media di 3 giorni (fino a 15 giorni). I dati vengono poi letti da un software e possono essere stampati e archiviati. Per la corretta procedura d'uso, interpretazione, onde evitare errori grossolani, è opportuno rivolgersi a nutrizionisti esperti che traducano le informazioni dell'holter in consigli nutrizionali e di stile di vita mirati al singolo caso. 

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: