Articolo

La Pelosa, la meravigliosa spiaggia di Stintino

In Sardegna, non lontano dall'Asinara, si trova una delle spiagge più belle del mondo, certamente tra le preferite del turismo italiano. Si chiama La Pelosa e mantiene un'identità selvaggia e incontaminata davvero attraente.

Spiaggia La Pelosa

Credit foto
©Alessandro Lai / 123rf.com

Il mito de La Pelosa

Ci troviamo in Sardegna, nella provincia di Sassari, nell’estrema lingua di terra a nord-ovest che si avvicina all’isola di Asinara. Qui, nel comune di Stintino, troviamo una spiaggia meravigliosa conosciuta in tutto il mondo con il nome de La Pelosa

 

Amata per la sua combinazione di acque cristalline, sabbia bianca e rocce vulcaniche, è una delle località turistiche più ambite, considerata una delle tre spiagge più belle dell’intera Sardegna, un vero “must” per chi si ritrova a viaggiare sull’isola. 

 

Anche numerosi sondaggi on-line la incoronano come una delle spiagge più amate dagli italiani. Una volta raggiunta la suddetta penisola di Stintino, nel nord-ovest della Sardegna, dovremo affacciarsi sulla costa est, verso l’Italia, sarà lì che troveremo le limpide acque turchesi de La Pelosa, circa 600 metri di spiaggia che attira turisti letteralmente da tutto il mondo e considerata come una delle più belle spiagge d’Europa, a due passi da isola Piana e isola Asinara. 

 

Dalla spiaggia de La Pelosa si nota la Torre della Pelosa, antica torre di guardia che torreggia sulla spiaggia, usata secoli a dietro come strumento di difesa. 
 

La Pelosa per i turisti

In piena estate, nei mesi di luglio e agosto, sarà difficile trovare sulla spiaggia de La Pelosa un po’ di spazio libero, perché sono tantissimi i turisti che vogliono godere delle sue bellezze, comparabili sono con le spiagge caraibiche o quelle tailandesi

 

Non stupirà scoprire che attorno a questa attrazione sono sorti nel tempo numerosi esercizi commerciali basati sul turismo: resort, ristoranti, hotel, residence. Questi rappresentano un’opportunità per godere di uno dei secondi tesori di Stintino, vale a dire la cucina locale: zuppe di pesce, piatti a base di riccio di mare, formaggi sardi, tonno e bottarga di tonno. 
 

Nei paraggi de La Pelosa

Cosa è possibile fare a La Pelosa e nelle spiagge adiacenti? In realtà ci sono molte attività per chi vuol godere al massimo di una vacanza in questa area.  

 

Snorkeling, diving, windsurgin e kitesurfing sono tutti sport piuttosto popolari da queste parti. Esplorando un po’ scopriremo inoltre altre spiagge che godono di minore popolarità ma pur sempre molto belle.

 

Possiamo citare La Pelosetta, la spiaggia delle Saline, quella di Tamerici e quella di Ezzi Mannu con i suoi sassolini e cespigli di macchia, tutte a pochi chilometri l’una dall’altra. Ideali per praticare gli sport sopra elencati, per godere del miglior jogging mattutino immaginabile, e per mangiare pesce e pizza come non ne troverete altrove. 
 

Da La Pelosa all'Asinara

Da qui è possibile discendere a Sud per esplorare il resto della Sardegna, indiscusso gioiello del Mediterraneo, oppure raggiungere Capo Falcone, ancora parte del Parco Naturale di Stintino, per salpare verso l’isola Asinare, oggi aperta al pubblico dopo lunghi anni di utilizzo come carcere, famosa per i suoi iconici asini bianchi e i fenicotteri rosa che amano riposarsi nello stagno di Pilo.
 

Sei mamma di un bambino dagli 0 ai 10 anni?

Con Cure-Naturali scarica le guide di esperti psicologi in formato ebook e ottieni una consulenza personalizzata offerta da Alleanza Assicurazioni.

 

Clicca qui per il tuo pacchetto omaggio