Articolo

Candida vaginale: il vademecum naturale

La candida vaginale è un’infezione molto comune che si risolve in pochi giorni con le rimedi naturali. Attraverso semplici accorgimenti delle abitudini, inoltre, è possibile evitare situazioni di recidive.

candida-vaginale-rimedi-naturali

Credit foto
©Rui Santos / 123rf.com

Candida vaginale, cos’è e quali sono i sintomi

La candida vaginale, o candidosi, è causata dal fungo Candida albicans. Si tratta di un’infezione molto comune: più del 70% delle donne in età fertile ne ha sofferto almeno una volta nella vita e a volte si possono avere delle recidive.

 

L’infezione da candida provoca un’infiammazione della vagina - o vaginite - caratterizzata da sintomi specifici che comprendono un intenso prurito, bruciore e perdite bianche, dense e inodori.

 

Il canale vaginale è normalmente popolato da microrganismi che in condizioni normali non causano problemi e disturbi. In alcune situazioni, la flora vaginale può subire variazioni importanti e alcune specie di batteri o funghi possono proliferare in modo anomalo, provocando infiammazione.

 

Un abbassamento delle difese immunitarie, l’uso di antibiotici, alterazioni della flora vaginale dovute, ad esempio, a variazioni del pH, possono provocare la crescita incontrollata di alcuni microorganismi, tra cui la Candida albicans.

 

Rimedi naturali per la candida vaginale

La candida vaginale è un’infezione semplice da debellare. In genere la candida viene curata con la semplice applicazione di prodotti antimicotici prescritti dopo la diagnosi del ginecologo.

 

Durante l’infezione è preferibile attenersi alle indicazioni del proprio medico e non ricorrere a cure fai da te. Esistono infatti numerosi rimedi naturali fai da te che vengono consigliati in caso di infezione da candida: tra questi troviamo lavaggi con acqua e bicarbonato di sodio o l'applicazione di olio essenziale di tea tree

 

Questi rimedi naturali si rivelano però meno efficaci di un prodotto antimicotico specifico. L’infezione si risolve infatti nell’arco di pochi giorni e solo in alcuni casi si possono avere recidive.

 

In caso di recidive, è possibile prevenire infezioni future attraverso semplici accorgimenti e comportamenti.

 

In primo luogo è bene curare l’alimentazione e avere uno stile di vita sano. Se si soffre spesso di infezioni da candida, vanno evitati gli indumenti troppo stretti e l’uso di salvaslip perché questi creano le condizioni ottimali di umidità per la crescita di funghi e lieviti. 

 

Meglio non utilizzare deodoranti sulle parti intime e scegliere biancheria in cotone non colorata. L’igiene intima non deve essere eccessiva ed è preferibile non ricorrere a lavande vaginali o a salviettine: meglio optare per un detergente intimo delicato da utilizzare due volte al giorno.

 

Quando si assumono antibiotici, sarebbe opportuno valutare con il proprio medico l’uso di probiotici per ripristinare la flora batterica.