Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

PIETRE E CRISTALLI

Zaffiro: tutte le proprietà e benefici

 

 

Zaffiro: descrizione

Classe minerale: ossidi, famiglia del corindone.
Formula chimica: Al2O3 + Fe, Ti
Lo zaffiro è un ossido di alluminio che si forma per metamorfismo regionale o di contatto che agisce su rocce basaltiche alcaline. Appartiene alla famiglia del corindone come il rubino e deve il suo colore blu alle impurezze di ferro e di titanio all’interno del reticolo cristallino.

Lo zaffiro asteria (o stellato) chiamato anche la pietra del destino, a causa della presenza di aghi di rutilo al suo interno presenta il tipico fenomeno dell’asterismo, messo in evidenza da un taglio a cabochon (la stella appare mobile con il mutare dell’incidenza della luce sulla superficie curva).
Lo zaffiro può essere trattato e prodotto sinteticamente e in campo gemmologico occupa un posto di primissimo piano per bellezza, rarità e durezza.

 

Zaffiro: elemento

Acqua: l’elemento acqua riguarda la sfera delle emozioni e della femminilità (amore, guarigione, compassione, riconciliazione, intuizione).

 

Zaffiro: chakra

Quinto chakra Vishudda (“Gola”) e Sesto chakra Ajna (“Fronte o Terzo Occhio”)

 

Zaffiro: mitologia

Il nome deriva molto probabilmente dal greco sappherios, ossia “azzurro”, in latino sapphirus, e fino al XIII secolo identificava il lapislazzuli. Secondo la tradizione è il simbolo della verità e della costanza.
I Greci lo associavano con il dio Apollo e lo indossavano quando andavano a consultare l’oracolo per ampliare la percezione ed espandere la consapevolezza psichica.
I Persiani lo chiamavano lazvard, ossia “che ha il colore del cielo sereno”, e credevano che la terra fosse appoggiata su un enorme zaffiro il cui riflesso blu dava il colore al cielo, perciò è anche chiamato l’occhio del cielo.

 

Zaffiro: effetto sul corpo

Lo zaffiro ha un’azione disintossicante e raffreddante, allevia i dolori e la febbre. Inoltre si rivela utile per i problemi che riguardano l’intestino, il cervello e il sistema nervoso.

 

Zaffiro: effetto sulla psiche

Lo zaffiro contrasta la tendenza alla dispersività, spingendo il soggetto a concentrarsi senza lasciarsi distrarre. Consente di analizzare con obiettività e razionalità la propria vita, di fare chiarezza e di focalizzare i cambiamenti necessari.
Lo zaffiro simbolizza la comprensione reciproca, la lealtà e la fedeltà. Facilita la comunicazione, migliora la memoria e intensifica il desiderio di conoscenza.

Lo zaffiro ha un effetto calmante e dona serenità e fiducia. Aiuta in caso di depressione, mitiga l’ansia e rafforza la determinazione e la forza di volontà, permettendo all’individuo di dedicarsi alla realizzazione dei suoi desideri.

 

Zaffiro: modalità d’impiego

Lo zaffiro può essere scaricato dopo l’uso sotto l’acqua corrente.
Per ottenere effetti visibili sul piano fisico e spirituale si consiglia di portare la pietra con sé a stretto contatto con la pelle anche per lunghi periodi e/o di usarla durante la meditazione.

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy