Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

ERBE E PIANTE OFFICINALI

ERBE E PIANTE OFFICINALI

Vischio, proprietà e uso

A cura di Maria Rita Insolera, Naturopata

 

Il Vischio è una pianta officinale piuttosto versatile nell’ambito terapeutico, perchè utile in caso di ipertensione e problemi gastrointestinali, ma anche agente immunoterapico contro il cancro. Scopriamolo meglio.

>  1. Proprietà e benefici del vischio

>  2. Modalità d'uso

>  3. Controindicazioni del vischio

>  4. Descrizione della pianta

>  5. L'habitat del vischio

>  6. Cenni storici

Vischio

 

Proprietà e benefici del Vischio

Il Vischio è una pinata con importanti proprietà terapeutiche, tra le quali la più nota è quella antitumorale. Questa pianta, infatti, avrebbe la capacità di agire come agente immunoterapico contro il cancro.

Tuttavia, il vischio è conosciuto anche per gli effetti che produce sulla regolazione del sistema circolatorio.

Il vischio è utile contro l’ipertensione arteriosa, perché è in grado di migliorare l’irrorazione sanguignadel cervello e del cuore e stimola la diuresi.

Il vischio è utile anche per alleviare i problemi gastrointestinali, ridurre lo stress, e risolvere i casi di affezioni respiratorie. Ha proprietà sedative, perché calma le palpitazioni e il nervosismo.

Il vischio è considerato un buon rimedio contro l’arteriosclerosi, perché riesce ad arginare la formazione delle placche aterosclerotiche, le quali possono restringere o ostruire le arterie. Perciò è indicato nei pazienti che hanno avuto trombosi o embolie cerebrali per prevenire altri episodi. 

Il vischio svolge un'azione emostatica utile in caso di irregolarità del ciclo, mestruazioni abbondanti ed emorragie uterine.

Il vischio ha un'azione antinfiammatoria utili per ridurre i dolori reumatici e contro la sciatica. La pianta contiente anche molte sostanze utili per la salute, come mucillagini, ammine, tannini, antiossidanti e acido caffeico. 

 

Modalità d’uso

Del Vischio si utilizzano sia le bacche che i rami della giovane pianta per ottenere tisane o gemmoderivati. 

  • La tisana al vischio di prepara facendo bollire una tazza d'acqua alla quale verrù poi aggiunto un cucchiaino di erba officinale. Tenere la tazza coperta lasciando in infusione per circa 10 minuti, poi filtrare e concumare caldo. È possibile consumare 2-3 tazze al giorno, lontano dai pasti, evitando di superare la dose consigliata. 
  • Il Viscum album MG è il gemmoderivatao, da assumere da 1 a 3 volte al giorno nella dose di 30-50 gocce diluite in un po’ d’acqua.

 

Il vischio tra i rimedi fitoterapici contro l'ipertensione: scopri gl altri

Ipertensione

 

Controindicazioni del Vischio

Il vischio presenta alcune controindicazioni sia in caso di eventuale ipersensibilità accertata verso alcuni componenti della pianta che quando si assumono farmaci anticoagulanti, immunosoppressori e antidepressivi. È perciò consigliabile consultare un medico prima di assumere questo prodotto. 

Inoltre il vischio possiede anche una certa tossicità, per cui le dosi devono essere sempre controllate, tenendo conto che le bacche sono più tossiche rispetto alle foglie e agli steli. Le bacche, infatti, se ingerite in abbondanza, possono provocare vomito e diarrea.

 

Descrizione della pianta

Il Vischio (Viscum album) è una pianta parassita appartenente alla famiglia delle Loranthaceae. Questa pianta si sviluppa sugli altri alberi (soprattutto le latifoglie come la quercia) avvinghiandosi alle loro ramificazioni, invadendo la loro corteccia e assorbendo le sostanze nutritive della pianta che la ospita.

In questo modo il vischio danneggia in maniera grave la pianta provocando deformità nella sua struttura. Il Vischio è caratterizzato da foglie oblunghe e coriacee della larghezza di circa 2 cm poste a due a due lungo il ramo. Il vischio ha i fiori gialli e frutti dalle bacche sferiche bianche o giallastre translucide e con l'interno gelatinoso e colloso.

 

Habitat del Vischio

Il vischio è frequente in collina fino a un'altitudine di 1100-1300 m. Si sviluppa sui rami legnosi di diverse specie di Quercus, Castanea sativa e Olea europea. Ampiamente diffuso, può essere trovato dal Portogallo all’Iran, dalla Penisola Scandinava alla Sicilia.

 

Cenni storici

Secondo una leggenda celtica il vischio teneva lontano le disgrazie e le malattie. Ancora oggi è considerato simbolo di buon augurio durante il periodo natalizio ed è diffusa infatti l’usanza di salutare l’arrivo del nuovo anno baciandosi sotto uno dei suoi rami.

 

Il vischio tra i rimedi fitoterapici contro il diabete: scopri gli altri

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy