Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

LE TISANE CONTRO LA FAME NERVOSA

I fiori d'arancio, la melissa, ma anche l'eleuterococco e la passiflora: ecco gli ingredienti segreti per delle ottime tisane contro la fame nervosa!

Come sostengono molti dietologi, la fame nervosa può essere causata da molti fattori, tra cui sensazioni particolari, emozioni, situazioni di vita quotidiana. Tra questi fattori scatenanti vi sono appunto percezioni come ansia, tristezza, senso di vuoto, rabbia, paura o noia.

Di fronte a queste sensazioni, l’istinto del corpo è quello di “riempire”, di andare a colmare un vuoto, una paura, una sensazione negativa attraverso una sensazione rassicurante come quella dello stomaco pieno.

Un bilanciamento fisico ed emotivo che trova la sua spiegazione nelle prime fasi di vita del bambino, quando la madre offrendo il latte al bimbo che piange, anche se la fame non è il vero motivo del pianto, crea in lui confusione tra lo stato di fame e lo stato di richiesta di affetto o altro. Ma non abbiatene timore, anche qui ottimi rimedi naturali ci vengono in aiuto!

 

3 tisane per te e il tuo metabolismo

 

Tisane per combattere la fame nervosa

Uno dei rimedi per ovviare alla fame nervosa è bere, non mangiare! In particolare acqua certamente, oppure tisane.

Esistono in particolare alcune erbe che sono in grado di placare questo senso di vuoto, che riescono a colmare un’ansia inspiegabile o una tristezza immotivata.

Tra le piante che meglio si prestano a tranquillizzare l’organismo quando si presentano attacchi di fame nervosa vi sono:

  • il tiglio, la melissa, l’angelica e la passiflora, così come la camomilla, la rodiola, l’agnocasto e i fiori d’arancio. Sono erbe che aiutano a calmare gli stati d’ansia, in quanto  sono ottimi sedativi blandi e naturali, risultano utilissime per spezzare la fame ansiosa;

Le tisane anti stress sono particolarmente importanti per questo scopo. Un sistema nervoso tonico ma rilassato evita anche che dal cervello si sviluppino i segnali del falso appetito emotivo.

Il momento ideale per prepararsi una buona tisana è proprio quando sopraggiungono i primi segnali di questa fame non sana. Magari abituandosi a prenderne una il pomeriggio e una la sera, prima di coricarsi. Affidatevi dunque al vostro erborista di fiducia e, insieme a lui e a seconda del vostro tipo di fame nervosa, mettete insieme delle tisane che aiutano a sconfiggerla.

Curiosità: non buttate i baccelli dei fagioli! Il baccello del fagiolo è usato infatti per preparare tisane calmanti, efficace come blando ipoglicemizzante è anche un regolatore del glucosio ematico.

 

Anche lo yoga può essere d'aiuto: scopri gli asana contro fame nervosa

 

Immagine | Spaceodissey


 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: