Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

SEMICUPI: QUANDO E COME SI FANNO?

Problemi intimi, ma anche insonnia e gambe affaticate si contrastano con un metodo semplice e un po' antico, il semicupio: come si fa, quando, a cosa fa bene? Ecco qualche indicazione

Cos'è il semicupio?

Usato tanto dai nostri nonni, il semicupio è una vasca corta di forma rotonda, più piccola della classica vasca da bagno, mobile e con spalliera; viene utilizzata per il bagno parziale del corpo, che si fa stando seduti e immergendo nell’acqua solo il bacino.

Fatto in materiali diversi, come alluminio, ceramica o maiolica, oggi è caduto in quasi totale disuso, ma conserva una sua nicchia di mercato soprattutto per le persone anziane, per chi ama l'antiquariato e vuole averne per sfizio uno in casa, o chi semplicemente trae reale beneficio dal suo uso.

Con lo stesso termine di semicupio si indica infatti anche il bagno fatto in tale vasca, una delle tante applicazioni pratiche dell'idroterapia.

 

Come funziona il bagno nel semicupio?

L'acqua usata nel semicupio può essere ferma o corrente e a temperature variabili secondo le necessità. Viene utilizzato per fare ammolli salutari con oli essenziali per curare cistite, emorroidi, infezioni vaginali o uretrali.

Oltre a curare disturbi di carattere ginecologico o gastrointestinale, il semicupio è una buona abitudine per chi soffre di gambe affaticate, ritenzione idrica, congestione nasale, insonnia, ragadi anali.

Infatti calma i nervi e rilassa, tonificando il corpo, in particolare addome o glutei: i semicupi favoriscono la microcircolazione, grazie all'alternanza di bagni freddi e caldi, distendono le terminazioni nervose, esercitando così un effetto calmante sull'ipereccitabilità nervosa, e infine stimolano il rilassamento muscolare.

 

I tre tipi di semicupi

  • Il semicupio freddo: consiste nell'immersione del bacino in acqua fredda, si è accovacciati in una bacinella ogni sera per circa cinque minuti per cicli di una settimana. Per effettuare questi semicupi, non si deve essere in fase digestiva; si tratta di una tecnica che causa un  aumento del tono dei tessuti in quella zona, genitale e pelvica, con un conseguente miglioramento lento della circolazione locale. Risulta utile in tutte le patologie edematose dell'apparato intestinale, delle infiammazioni genitali, come la candida, del circolo venoso e degli arti inferiori. Si è dimostrato efficace anche nella enuresi (pipì a letto) infantile, nella congestione nasale, in casi di costipazione e nell'eiaculazione precoce. Se è di breve durata (4 minuti circa) è eccitante del sistema nervoso, mentre ha effetto calmante se prolungato per 10-20 minuti. 
  • Il semicupio caldo: si esegue come quello freddo, ma dura circa 10/15 minuti ed è utile nelle infiammazioni ginecologiche, cistiti, ragadi anali, prostatatiti ed uretiti.
  • Il semicupio tiepido: è calmante e può essere utilmente impiegato per diminuire la congestione e i dolori nelle in chi soffre di emorroidi; il semicupio tiepido con acqua corrente può essere inoltre utile per lenire i fastidiosi pruriti intimi.

Si possono fare anche semicupi alternati di acqua calda e fredda, come quello indicato di seguito, e utilizzare gli oli essenziali adatti per l'igiene intima, una decina di gocce circa per semicupio, in particolare: olio essenziale di lavanda (calmante), olio essenziale di malva (rinfrescante ed emolliente), olio essenziale di salvia (lenitivo e anti prurito), l'olio essenziale di camomilla (protettivo e lenitivo), l'olio essenziale di carota (decongestionante e tonificante), l'olio essenziale di limone (antisettico e antinfiammatorio), l'olio essenziale di timo (antimicrobico) l'olio essenziale di tea tree o malaleuca ( antisettico e immunostimolante); e ancora gli oli essenziali più "forti", come quelli di  bergamotto, di ginepro, di mirto, di eucalipto, di mirto e di sandalo che sono ideali per combattere la cistite.

 

Consigli per l'igiene intima femminile

 

Come fare un semicupio a casa

Prendere un paio di catini o bacinelle capienti; riempire uno dei due con acqua molto fredda e l'altro con acqua molto calda. Utilizzare il bagno caldo per primo, rimanendo in acqua per 3-4 minuti prima di passare al bagno freddo per 30 secondi.

Questo passaggio di bagni caldi-freddi può essere ripetuto fino a quattro volte. Si può fare mettendo in ammollo anche i piedi, quando si passa da un catino all'altro, in acqua fredda se si è seduti in quella calda e viceversa.

Questo passaggio alternato può risultare utile per chi ha spesso le caviglie gonfie o infezioni del piede. Si raccomanda sempre di consultare il proprio medico prima di utilizzare un semicupio, specialmente in condizioni di salute particolari, come per chi soffre di malattie cardiache o ipertensione.

 

Prova l'idroterapia, la ginnastica in acqua!

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: