Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

JALA NETI, LA PULIZIA DEL NASO CONTRO IL RAFFREDDORE

Jala neti è una pratica antichissima dell'Hatha Yoga, semplice e di grande efficacia; un prezioso alleato per alleviare e prevenire ogni forma di raffreddore e congestione nasale

Come è noto, nell’hatha yoga il respiro riveste un’importanza sacrale. Il raffreddore, in questo contesto, rappresenta dunque una patologia particolarmente fastidiosa perché impedisce, o complica, il passaggio del flusso d’aria all’interno delle narici rendendo la pratica, per forza di cose, più difficoltosa e magari meno intensa.

A livello più generale, il raffreddore è una delle patologie più comuni che esistano. Non grave, esso risulta comunque molesto e può compromettere, anche in modo significativo, la qualità della respirazione.

Durante la fase acuta, nella maggior parte dei casi, si ricorre ai farmaci allopatici che sono in grado di addormentare i sintomi e di alleviare la congestione.

Quello che vi proponiamo ora è invece un metodo di pulizia del naso che, auspichiamo, diventi parte della vostra routine quotidiana, una sana abitudine per la salute del naso: il jala neti, ovvero i lavaggi nasali.

 

Jala neti: cosa occorre?

Jala neti ha origini antichissime e viene praticato tutt’ora nel continente indiano nonché da molte persone in occidente vinte dai benefici e dalla semplicità che caratterizzano questo metodo.

Unico strumento necessario è la lota, cioè un recipiente provvisto di becco, diciamo a forma di piccola teiera. E’ reperibile in molti negozi etnici o di articoli per lo yoga oltre a essere acquistabile online; ce ne sono di vari materiali, colori e fattezze, anche a pochi euro. Qualora però non si volesse spendere soldi, sarà sufficiente una siringa senza ago oppure un contagocce.

All’interno della lota andremo a versare o della soluzione fisiologica (acquistabile in farmacia) oppure ne prepareremo una versione homemade: le dosi variano a seconda delle fonti, ma un cucchiaino di sale per ogni mezzo litro d’acqua dovrebbe risultare appropriato per la maggioranza delle persone. Qualora si avvertisse bruciore all’interno del naso durante il passaggio del liquido, si diminuisca il sale.


Come curare il raffreddore con l'Ayurveda

lota

 

Jala neti: come si fa?

Siamo pronti ora per passare alla fase pratica: si immetterà l’acqua salata in una narice e, grazie all’appropriata inclinazione del capo, la soluzione uscirà dall’altra narice.

  1. Inclinarsi in avanti con il busto e poggiare il beccuccio della lota presso la narice rivolta verso l’alto in modo tale che esso occupi tutta l’area della cavità e non permetta la fuoriuscita dell’acqua.
  2. Respirare con la bocca.
  3. Permettere all’acqua di scorrere verso i seni nasali e poi di scendere dall’altra narice. Aspettiamo che finisca di defluire e eseguiamo dall’altra parte.

Un inconveniente frequente  almeno le prime volte, è che l’acqua scenda nella gola o esca dalla bocca anziché dalla narice: ciò è dovuto, in genere, ad una inclinazione del capo non corretta. Posizionarsi meglio, dunque riprovare.

jala neti

 

Jala neti: benefici e precauzioni

Una volta acquisita manualità con jala neti, non vi prenderà che pochi minuti. Questa salutare pratica di lavaggio nasale si può eseguire tutti i giorni, una volta al giorno a scopo preventivo, più volte in caso di raffreddore.

Molti sono i benefici correlati:

  • rimuove sporcizie e batteri dalle cavità nasali
  • risulta efficace nel trattamento di allergie e sinusiti
  • allevia le infiammazioni alle vie respiratorie
  • concorre al trattamento delle affezioni delle orecchie.

Jala neti può essere proposta a tutti, anche a donne in gravidanza, bambini e anziani. Coloro che soffrono di epistassi (emorragia che si origina all'interno delle fosse nasali) dovranno adottare una particolare cautela e chiedere il parere del proprio medico.

 

Perché sono importanti i lavaggi nasali ai bambini?

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: