Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

UNIVERSO YOGA

Tantra yoga

Il Tantra Yoga, pratica utile per estendere la coscienza umana, aiuta a migliorare l’umore e diminuisce lo stress. Scopriamolo meglio.

>  Il significato del Tantra Yoga

>  Origini e filosofia del Tantra Yoga

>  La pratica

>  I benefici del Tantra Yoga

>  I maestri e le scuole

Tantra yoga

 

Significato di Tantra yoga

La parola sanscrita Tantra è traducibile con il termine “ordito” o “trama” ed è composta dalla radice Tan = estendere, moltiplicare, e il suffisso Tra = strumento. Il significato del termine Tantra Yoga è dunque quello di strumenti (pratiche, rituali) per estendere la coscienza umana.

L’immagine evocata è quella del tessuto, prodotto con il telaio attraverso l’intreccio di trama e ordito, metafora dell’unione della coscienza individuale con quella universale, e del maschile con il femminile.

 

Origini e filosofia del Tantra Yoga

Sotto il vessillo del Tantra yoga rientrano le forme di yoga più conosciute in occidente: il Kundalini yoga, l’Hatha yoga, il Raja yoga, il Laya yoga e il Mantra yoga. In tutte queste scuole di yoga tantrico la precedenza viene data a pratiche e rituali di tipo soprattutto fisico.

La filosofia tantrica ha radici sia nel buddismo che nell’induismo arcaici, ma si ritiene che sia stato l’induismo ad ereditare il tantra dal buddismo, e non viceversa, poiché i più antichi Tantra (testi filosofici di riferimento) sono di compilazione buddista e risalgono al 350 d.C.  

Al centro del pensiero tantrico vi è l’universo manifesto, considerato come espressione fisica e sensoriale dell’immanifesto: da qui l’idea che, attraverso l’immersione nel primo, si possa giungere a realizzare la piena unità con il secondo.

Per giungere a questo è necessario seguire una disciplina molto rigida che, però, varia a seconda del livello di coscienza del praticante. Tutti i livelli hanno tuttavia in comune il lavoro sull’armonizzazione dell’energia maschile e femminile, Shiva e Shakty – che ricordano lo Ying e lo Yang taoisti –.  Il fine di questo lavoro è risvegliare e canalizzare in modo appropriato l’energia Kundalini, depositaria del segreto dell’illuminazione. 

 

La pratica

Nel cammino tantrico vengono ben distinte le vie cosiddette “della mano destra” e “della mano sinistra”: a quest’ultima appartengono le note pratiche che prevedono l’unione intima tra uomo e donna come parte integrante del percorso spirituale.

Nelle scuole della mano destra i precetti che spingono all’unione del principio maschile e femminile sono interpretati come una metafora dell’unione a livello energetico, mentre nelle vie della mano sinistra sono interpretati letteralmente. Da qui ha origine il maithuna – il rituale segreto dell’amore – che non è tuttavia una pratica centrale, malgrado il Tantra sia oggi comunemente associato a questo. Al contrario il maithuna è ritenuto uno dei più alti e ultimi stadi che lo yogi deve affrontare perché solo i veri yogi – gli eroi, in gergo tantrico – possono permettersi di praticarlo come tecnica di meditazione

Asana, mantra, pranayama, meditazione e retto agire, sono le componenti veramente fondamentali del Tantra Yoga, e sono questi gli elementi che vengono miscelati nelle diverse scuole. Ogni scuola si diversifica dalle altre perché sposta l’accento su l’uno o sull’altro elemento.

Fondamentale comunque, perché una via o un insegnamento possano definirsi tantrici, è l’approccio devozionale che enfatizza, nelle cose come nelle persone, la parte spirituale: da qui, ad esempio, l’adorazione del Dio e della Dea – Shiva e Shakti - come forze impersonali. 

 

Scopri anche la meditazione tantrica e i suoi benefici

Meditazione

 

I benefici del Tantra yoga

In campo fisico i benefici del Tantra yoga sono quelli specifici di ogni altra forma di yoga, e variano a seconda di quali elementi la scuola predilige.

Se si tratta di scuole che privilegiano l’aspetto fisico (Hatha, Iyengar, Power etc.) i benefici maggiori si avranno a carico della colonna vertebrale, dell’apparato muscolo-scheletrico, dell’allungamento dei tendini e della scioltezza delle articolazioni.

Se si tratta di scuole che privilegiano l’aspetto meditativo-energetico (Kundalini) i benefici coinvolgeranno la dimensione psicologica con netto miglioramento dell’umore, diminuzione dello stress, contenimento di stati depressivi.

Volgendo lo sguardo alla dimensione intima della pratica, senza dubbio l’approccio tantrico contribuisce ad alleviare le tensioni di coppia, portando benefici in caso di problemi nel rapporto intimo, quando questi hanno radici psicologiche. Il tutto grazie all’approccio rilassato e non competitivo al rapporto intimo dove decade ogni tensione da “ansia da prestazione”.  

 

I maestri e le scuole

Abhinavagupta

Personaggio storico. Nato e vissuto nel Kashmir a cavallo dell’anno 1000 d.C. questo maestro dalla personalità eclettica ancora esercita una grande influenza sul pensiero filosofico indiano. Il suo testo Tantraloka (Luce dei Tantra) è un trattato completo su tutti gli aspetti della via tantrica.

Shri Param Eswaran

Maestro contemporaneo. Iniziato alle pratiche dello yoga tantrico dal Maestro Swami Sivananda, nel corso della sua vita Shri Eswaran ha privilegiato l’aspetto devozionale di questa filosofia. I suoi insegnamenti vertono su pratiche di sound healing (mantra), meditazione, massaggio tantrico e sull’adorazione del femminile sacro, quello che lui chiama “la Dea vivente”.

Daniel Odier

Maestro contemporaneo. Discepolo diretto di alcuni dei più importanti Lama Tibetani e Yogi Kashmiri (tra cui una yogini donna), Daniel Odier fonda nel 1995 il centro Tantra/Chan a Parigi. Successivamente, sciolto il centro per incoraggiare la pratica indipendente, si dedica a diffondere le sue conoscenze in tutto il mondo. Il suo insegnamento si fonda su una particolare danza estatica, tecniche di meditazione e massaggio. I suoi libri sono testi di riferimento per il tantrismo moderno.

Elmar e Michaela Zadra 

Maestri contemporanei. Formati presso ashram induisti e monasteri buddisti sui diversi aspetti della tradizione tantrica, integrati successivamente con materie più moderne (bioenergetica, PNL, sessuologia), Elmar e Michaela Zadra propongono un approccio al Tantra indirizzato principalmente alle coppie

 

LEGGI ANCHE

Che cos'è il tantra e per chi è pensato?

 

Altri articoli sul tantra yoga:
>  La natura integrata dello yoga e il contributo dei tantra

>  Yoga e amore

Introduzione al tantra: i benefici della pratica

> Come praticare il tantra

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy