Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

PERSONAGGI

Sebastian Kneipp

Sebastian Kneipp

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sebastian Kneipp, padre dell'idroterapia, si appassionò alla ricerca nel campo delle cure naturali spinto dai suoi problemi di salute cagionevole. Iniziò studiando i metodi per curarsi da solo mediante le terapie con l'acqua fredda, immergendosi nelle acque del Danubio. Strutturò il sistema di cura detto idroterapia e si dedicò anche all'approfondimento di dimensioni legate al movimento e all'alimentazione.


Sebastian Kneipp (Ottobeuren, 17/05/1821 – Bad Wörishofen, 17/06/1897)

Sebastian Kneipp nasce in una famiglia di origini umili e sin da giovanissimo è costretto a fare i conti con la tubercolosi, che lo debilita e lo costringe in casa. Nella solitudine della sua stanza, Kneipp legge i testi sacri e matura la decisione di seguire la sua vocazione religiosa. All'età di 23 anni, grazie all'aiuto del cappellano Merkle, Kneipp entra in seminario con la determinazione di chi ha fatto il garzone per potersi pagare gli studi e con la passione innata per le lingue classiche. Presto Kneipp incontra un'altro religioso che si rivelerà una sorta di "faro" nella sua vita: il parroco locale della chiesa evangelica riformata di Grönenbach e botanico Koeberlin che lo introduce alla fitoterapia.

In seminario le sue condizioni di salute peggiorano, ma il destino mise tra le sue mani un libro di Siegmund Hahn sul potere curativo dell'acqua. Il libro lo interessò molto e da lì Kneipp prese lo spunto per lottare contro le aspettative di vita che i medici gli avevano lasciato sul collo, come una spada di Damocle. Iniziò a bagnarsi con una certa frequenza nelle acque del Danubio e piano piano la sua salute ne giovò. Nel maggio 1855 Kneipp divenne padre confessore nel monastero delle Domenicane a Wörishofen, dove portò innovazione nei metodi di cura, amore per l'agricoltura, attenzione per il corpo e la salute. Alla fine del 1893, Kneipp fu nominato monsignore da Papa Leone XIII, dal quale ottenne in regalo una medaglia d'oro in segno di gratitudine per i trattamenti idroterapici che Kneipp aveva introdotto anche presso la santa sede.

 

Kneipp e l'idroterapia

Nel 1886 Kneipp pubblicò La mia cura dell’acqua, un libro scritto in sole sei settimane e diviso in due parti, una dedicata all'idroterapia, l'altra ispirata ai principi della fitoterapia. Il libro ebbe un successo straordinario per l'epoca: fu stampato in 18 edizioni e tradotto in tutte le lingue europee nell’arco di soli quattro anni.

In questo libro padre Sebastian Kneipp spiega nel dettaglio i benefici dell'idroterapia, sistema terapeutico basato sull´alternanza ritmica tra acqua calda e fredda. La gamma di applicazioni del metodo Kneipp è molto vasta e prevede: getti, frizioni, fasciature, bagni a temperatura crescente, decrescente, neutra (tra i 36,7° e i 37,2°), bagni completi e parziali (il semicupio, il bagno da seduti, i pediluvi, i bagni delle braccia). altre forme applicabili sono i bagni di sudore (russo, turco, bagno in cabina), le docce, la cui efficacia sta sia nella temperatura dell’acqua sia nella pressione del getto. In tutti questi casi ciò che si ottiene è un rafforzamento del sistema cardio-circolatorio a effetto della vasodilatazione periferica e un beneficio anche a livello neuro muscolare.

La cura di base del metodo Kneipp non si fonda sulla sola idroterapia, ma include anche regole che contemplano l'attività fisica, l’alimentazione, le erbe, lo stile di vita. Kneipp era fermamente convinto che l'insorgere della malattia si legasse a un disequilibrio tra questi cinque aspetti. Kneipp aveva studiato a fondo l'importanza del movimento rispetto alla salute generale dell'individuo ed era solito ripetere: l'inerzia indebolisce, l'esercizio rafforza, il sovraffaticamento nuoce.

A tre anni dalla pubblicazione di La mia cura dell’acqua, Kneipp concluse un altro libro intitolato Così dovreste vivere, in cui affronta l'importanza dello stile di vita come elemento funzionale al potenziamento l’aspetto più strettamente terapeutico del suo insegnamento.

 

L'eredità di Kneipp

Una gita a Bad Wörishofen potrebbe essere una buona occasione per vedere la prima casa di cura o visitare il primo studio di Sebastian Kneipp, dove tutto è rimasto esattamente com'era ai tempi in cui lo studioso iniziava a strutturare l'idroterapia. I libri di Kneipp hanno raggiunto tirature di milioni di copie e vengono pubblicati ancora oggi. Nel 1920 Wörishofen fu insignita del predicato Bad che significa "stazione termale". Oltre a Bad Wörishofen in Germania esistono numerosi altri luoghi di cura Kneipp. La medicina Kneipp e la cura Kneipp oggi sono riconosciute anche dalla medicina tradizionale e utilizzate come terapie ausiliarie.

In Germania, in occasione del centenario della morte (1997) a Kneipp è stato dedicato un francobollo. Attualmente esistono circa sessanta centri di cura che usano il metodo Kneipp e l'Associazione Kneipp (Kneippbund) sono iscritti circa 120.000 soci e si contano almeno 600 associazioni culturali presenti quasi in ogni città tedesca che ricadono sotto il nome dell'Associazione e si ispirano all’insegnamento di Kneipp che pose in primo piano l'importanza della prevenzione della malattia e della stimolazione dei processi naturali di guarigione.

 

Immagine | Kneipp Ostbevern

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy