Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

COME CURARE IL COLON INFIAMMATO

Il colon infiammato, o colon irritabile è un disturbo che colpisce molte persone, soprattutto le donne. Le cause sono ancora da indagare a pieno ma spesso legate a molteplici fattori. Alimentazione corretta e rimedi naturali possono venire in aiuto.

Colon infiammato, colon irritabile, casi episodici a volte oppure vera e propria sindrome: la realtà è che sempre più persone ne vengono colpite, soprattutto donne, e le cause sono ancora poco conosciute.

In tempi relativamente recenti è stato dato riconoscimento al microbiota, la nostra flora intestinale, definito anche il “sesto senso”, vero e proprio organo composto da miliardi di cellule, di microrganismi, che quando cambiano composizione o subiscono un’alterazione causando infiammazione al colon e il cibo sta alla base delle modificazioni del microbiota.

 

I sintomi del colon infiammato

Salvo eccezioni particolari i sintomi del colon infiammato sono comuni anche se non sempre tutti compresenti:
> gonfiore di pancia;
> dolori addominali;
> meteorismo e flatulenza;
> irregolarità intestinale;
> alterata consistenza delle feci anche con presenza di muco.

A questi sintomi diretti si aggiungono anche condizioni di malessere associate come cefalee, irritabilità, stanchezza, difficoltà di concentrazione, mal di schiena, sensazione di indigestione.

 

Leggi anche Tisane per il colon infiammato >>

 

Le cause del colon infiammato

Le cause vere e proprie non sono ancora note, nel senso che non si è ancora dimostrato quali siano le sostanze che infiammano l’intestino.

Spesso però i disturbi irritativi del colon si cronicizzano e sono associabili allo stress che riversa e somatizza nell’intestino, il nostro secondo cervello, a facili infezioni in caso di abbassamento delle difese immunitarie, a farmaci che hanno impoverito il microbiota e lo hanno danneggiato, ad alimenti verso i quali si può risultare intolleranti o addirittura allergici.

 

Alimentazione per il colon infiammato

La prima “cura” per il colon infiammato passa dall’alimentazione, perchè se ci pensiamo bene mangiamo almeno 3 o 5 giorni al giorno, beviamo molte più volte e se il nostro cibo diventasse la nostra medicina primaria sarebbe davvero un grande successo.

Ogni soggetto reagisce a sé agli alimenti che possono essere irritanti per il colon, possiamo comunque indicarne alcuni che sono potenzialmente dannosi per chi soffre di infiammazione al colon, colite spastica e sindrome del colon irritabile:
> latte, latticini;
> farine raffinate;
> insaccati;
> frutta (pesche, pere, prugne, uva)
> verdura (carciofi, cipolle, rucola, cetrioli)
> legumi e patate;
> cioccolata;
> caffè, tè;
> bevande gassate.

 

Colon infiammato, cosa mangiare

Premesso che l’alimentazione deve essere formulata da un nutrizionista ad personam possiamo indicare alcuni alimenti che sono tollerabili da soggetti affetti da infiammazione del colon:

> pesce azzurro; 
> carni bianche e rosse, possibilmente provenienti da allevamenti di animali al pascolo;
> cereali integrali (anche il riso integrale da preferire a quello bianco);
> cibi fermentati come crauti e zuppa di Miso;
> verdura (zucchine, cavoli, ravanelli, bieta);
> uova;
> yogurt bianco senza zucchero;
> frutta secca (mandorle e noci).

La frutta purtroppo è un tasto dolente, per quanto faccia bene in generale, nel caso specifico per la sua carica zuccherina può promuovere la produzione batterica e creare fermentazione.

La rosa di frutti consentiti si restringe a quelli acidi come limoni e pompelmi o a quelli grassi come avocado, cocco, banana, e kiwi per il suo apporto di fibre prebiotiche.

Può capitare di essere soggetti celiaci senza saperlo, perché non sono stati fatti approfondimenti in tal senso. Nell’incertezza assumere alimenti gluten free può essere consigliabile: ormai troviamo facilmente pasta di riso integrale o di mais, biscotti integrali, farinacei gluten free che possono essere inseriti nell’alimentazione di chi è affetto da infiammazione del colon.

 

Antinfiammatori naturali per il colon irritato

Possiamo assumere alcuni rimedi naturali per lenire l’infiammazione del colon, favorire il transito e regolare le funzioni intestinali.

Malva
La Malva è ricca di mucillagini, flavonoidi, Vitamine A, C, B1, Sali minerali. La Malva è un vero e proprio antinfiammatorio da utilizzare in caso di colite, poiché agisce direttamente sulle mucose con cui entra in contatto.

Svolge un’attività emolliente e lenitiva sulle pareti intestinali infiammate. Possiamo assumerla in infuso, ne trarrà giovamento anche tutto il tratto digestivo a partire dal cavo orale.


Camomilla
La Camomilla è ricca di flavonoidi, mucillagini, azulene, acido salicilico, acido oleico e lattoni. Possiede proprietà sedative, calmanti, miorilassanti, antispasmodiche e antiflogistiche.

E’ un antinfiammatorio completo in caso di colon irritato, poiché oltre a lenire l’infiammazione svolge un’azione decongestionante, antidolorifica e disinfettante della flora batterica.

Aloe
L’Aloe Vera si presenta ricca di mucillagini dalle proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti. L’Aloe svolge molte azioni da quella antibatterica, a quella antiossidante, antivirale e disintossicante.

Agisce sul sistema gastrointestinale e sul sistema immunitario. Serve a rafforzare il nostro microbiota, a lenire il colon infiammato, ad ammorbidire le feci. E’ bene fare attenzione a quale Aloe si acquista. Deve essere di ottima qualità estratto da gel fogliare, la parte più nobile della pianta di Aloe, privato di aloina, che sarebbe irritante per le mucose intestinali.

 

Probiotici
Probiotici come i Lattobacilli e i Bifidobatteri, che riescono ad arrivare inalterati nell’intestino, sono utili in caso di colon irritato perché svolgono un’azione antinfiammatoria e reintegrante l’epitelio intestinale. Possono essere associati anche ai prebiotici come lo psillio e l’inulina per regolare le alternanze stipsi/diarrea. Aiutano ad aumentare la flora batterica intestinale e a rafforzarla.

 

Leggi anche Colon irritabile, 3 ricette per equilibrare >>

 

Foto: Tharakorn Arunothai / 123rf.com

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: