Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

L'OBESITÀ E LA SALUTE DELL'INTESTINO

Diamo un peso al peso, torniamo a parlare di obesità, relazionandola alla sindrome dell'intestino irritabile, alle disfunzioni gastrointestinali. Insieme ai recenti studi sul legame tra obesità, cancro e genetica

In questo articolo vogliamo raccogliere e ricordare alcuni dati importanti legati all'obesità, dal momento che l'Italia ha il primato della popolazione più sovrappeso d'Europa. L'obesità causa 300.000 morti all’anno e rappresenta, dopo il fumo, la seconda causa di morte prevedibile. L'adipe in eccesso si collega a numerose e gravi condizioni fra cui le patologie cardiovascolari, oncologiche, gastrointestinali e osteoarticolari.

L'intestino soffre, il rischio di cancro aumenta, l'insorgenza del reflusso gastroesofageo è dietro l'angolo. Vediamo una ad una queste patologie collegate. 

 

L'obesità e la sindrome dell'intestino irritabile 

La sindrome dell'intestino irritabile è caratterizzata da dolore addominale e da alterazioni della defecazione (stipsi, diarrea o alternanza dei sintomi). E’ sulla tipologia dell’alvo intestinale che si individuano quindi tre varianti di questa patologia: a variante diarroica, a variante stitica ed, infine, quella ad alvo alterno.

Meteorismo, costipazione e diarrea sono sintomatologie chiare e studi scientifici dimostrano quanto nei soggetti obesi siano accentuate.

 

Obesità, calcoli biliari e incidenza di altre patologie

I calcoli biliari sono “sassolini” del diametro di 5-10 millimetri che si formano nella colecisti a seguito della precipitazione nella bile di sostanze in essa contenute come colesterolo, pigmenti biliari e sali di calcio. A volte, possono occupare il canale che dalla colecisti arriva all’intestino.

L’incidenza dei calcoli alla colecisti aumenta proporzionalmente all’innalzamento dell’indice di massa corporea, va da sé che l'accumulo non controllato di adipe e la tendenza al sovrappeso sono fattori correlati a questo disturbo.

Se il 40%  di obesi sono sparsi in molti Paesi Europei, il 66% si trova negli Stati Uniti, molti dei quali sono bambini. Nei soggetti obesi l’incidenza della sindrome dell’Intestino irritabile è 3 volte maggiore, come abbiamo visto. Il cancro del pancreas è 20 volte più frequente, il carcinoma del fegato è 5 volte più frequente, mentre l'incidenza del cancro al colon si quadruplica. In particolare, recenti studi che collegano il cancro al colon all'obesità passano anche per la genetica: che  un gene associato all’obesità è anche una delle cause del cancro al colon lo ha rivelato uno studio condotto dai ricercatori dell’Università dell’Alabama di Birmingham e pubblicato sulJournal of American Medical Association (Jama). Infine, l’insorgenza del reflusso gastroesofageo è 3  volte più frequente negli obesi, aumentando il rischio di tumore all’esofago. 

Ricordiamo che in Medicina Tradizionale Cinese l'obesità si collega a Vuoto di Qi della Milza, Fuoco dello Stomaco, e, nella donna, può essere ricondotta a stasi di Sangue ed energia. La terapia di agopuntura per l'obesità è molto efficace e si può associare a coppettazione e auricoloterapia. 

Immagine | Tobyotter 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: