Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

LA DIETA PER COMBATTERE I CALCOLI RENALI

Mettere ko i calcoli renali con la dieta è possibile! Un grande aiuto arriva da tanta acqua, limone, poco sale e...un'erba spaccapietre!

I calcoli renali o calcolosi renale, chiamata anche nefrolitiasi, è una patologia caratterizzata dalla formazione di calcoli nei reni, ovvero di piccole masse costituite da cristalli di sali di calcio, magnesio o ammonio o da acido urico.

Questi si formano nei reni (ma anche nella vescica) perché non vengono adeguatamente eliminati i sali minerali attraverso le urine.

 

La dieta incide sui calcoli?

Non è molto chiaro il ruolo della dieta sulla formazione dei calcoli. Sicuramente una corretta alimentazione contribuisce a un miglioramento dello stato di salute dei reni e dell'organismo in genere.

C'è anche da dire però che oltre all’introduzione o eliminazione di certi alimenti, entrano infatti in gioco altri fattori, come predisposizione individuale oppure assorbimento di ossalati differente da persona a persona; peraltro il contenuto di questi negli alimenti dipende anche da come sono stati coltivati, dalla varietà, dalla lavorazione.

Quindi cosa fare? Se da un lato molti medici spingono per una riduzione dell'assunzione di calcio, altri non sono d’accordo. Non è molto chiaro nemmeno il ruolo della vitamina C, anche se molti concordano nell’affermare che gli agrumi, il limone in particolare, sia da annoverarsi nella lista dei rimedi naturali contro i calcoli renali. Il limone sarebbe infatti in grado di contrastante il processo di nefrolitiasi, quindi viene spesso consigliato di berne almeno mezzo bicchiere di succo al giorno.

I no! Tutti concordano invece sull'opportunità di una riduzione del sale da cucina, che aumenterebbe la concentrazione di calcio nelle urine. Così come gli sportivi dovrebbero evitare il consumo di troppi integratori salini. Anche il consumo di salumi, carni conservate, certi tipi di pesce, come alici, aringhe e sardine e crostacei, farebbe male per chi soffre di calcoli, quindi sarebbero da evitare.

Tra i vari alimenti e bevande da evitare vi sono anche: cacao e cioccolato, caffè, tè e bevande gassate in genere; tra la verdura, particolarmente ricche di ossalati, sono asparagi, barbabietole, bieta, cardi, cavoli, fagioli, fave, lenticchie, piselli, spinaci, rabarbaro, sedano, indivia, scarola, porro; tra la frutta fragole, lamponi, ribes e altri frutti di bosco e la frutta secca. Ovviamente non bisogna abusare di alcolici.

I si! Bisogna invece incrementare il consumo di fibre e di acqua oligominerale o minimamente mineralizzata, anche più di due litri al giorno. Tra gli alimenti "amici" vi sono anche la cipolla, che ha un potente effetto diuretico e favorisce l'eliminazione dell'acido urico; il prezzemolo, che stimola appetito, digestione e favorisce la diuresi, così come il sedano. Anche carciofo, mela, cavolo e ortica aumentano l'escrezione di urina.

 

Tisane con erbe “spaccapietre”

Le erbe contro i calcoli ci sono, esiste davvero l’erba spaccapietre! Questa pianta viene chiamata comunemente così in quanto cresce sulle spaccature dei muri ed anche in virtù delle sue proprietà di disgregante i calcoli dell’apparato urinario. Il suo nome è cedracca, Ceterach officinarum; altri nomi con cui è nota sono: erba ruggine o rugginina, felce ruggine, erba vetraiola, fillanto o Phyllanthus niruri. Chiedete al vostro erborista di fiducia!

 

Come depuraresi con acqua e sale e ridurre il rischio di calcoli renali

 

 

Per approfondire:
>  Alimentazione per calcoli renali: quali cibi assumere e quali evitare

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: