Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

RIMEDI NATURALI PER L’ACUFENE

L'Acufene è un ronzio costante che disturba la concentrazione e invade gli spazi di silenzio di chi ne è affetto. E' difficile individuare dei rimedi risolutivi. Indagare sulle cause scatenanti può essere un primo passo per trovare una soluzione che ne attenui la percezione.

Il ronzio alle orecchie è davvero un disturbo fastidioso, con il quale convivere a volte può essere estremamente complicato. Le cause dell’acufene sono di svariata natura e quindi anche la terapia per contrastarne la sintomatologia è di difficile individuazione e non sempre porta a risultati soddisfacenti.

 

Approcci naturali all’acufene

Il tinnito o ronzio che si avverte dall’interno dell’orecchio può essere affrontato con vari rimedi naturali che cercano di correggere o almeno di accostarsi alla causa, perchè purtroppo risolvere disturbi di acufene è davvero difficile:

> Biancospino in Gemmoderivato: è un rimedio che controlla la pressione e la regola in caso ci trovassimo in una condizione di ipertensione. Il Biancospino aiuta a ristabilire i livelli pressorei, riduce forme di ansia, riequilibra i cicli del sonno e nel caso di iperacusia dovuta ad una possibile sollecitazione del sistema cardiocircolatorio può ridurre il ronzio percepito.

> Magnesio: questo importante minerale svolge la funzione di proteggere il nervo acustico da forme di acufene provocate da eccito-tossicità da stress.

Lo stress infatti genera un aumento della produzione di glutammato, un neurotrasmettitore che si occupa di comunicare uno stimolo eccitatorio ai neuroni formando dei legami che a loro volta rispondono dal cervello al nervo acustico e se in eccesso causano acufene.

> Ginkgo Biloba: questo rimedio possiede proprietà antiaggreganti e serve a fluidificare il sangue. Il Ginkgo può essere adottato per il ronzio in caso dipenda dalla microcircolazione, migliorando la permeabilità capillare e riducendo la viscosità ematica.

> Digitopressione cervicale e temporo-mandibolare: in caso l’acufene dipenda da traumi del rachide o da compressione vertebrale può essere molto utile intervenire con trattamenti di shiatsu o tecniche cranio-sacrali atti a correggere la postura, ad allentare tensioni muscolari e a riallineare l’articolazione. La figura dell’osteopata in questo caso è quella più indicata.

> Ossigenoterapia Iperbarica: è un approccio che può dare alcuni risultati se vi si ricorre tempestivamente dall’insorgenza del problema. Gli esperti consigliano nell’arco del primo mese dalla percezione dei primi sintomi. E’ quindi importante contattare un medico otorino che valuti la problematica e se ce n’è la possibilità indirizzi ad un centro di terapia iperbarica in tempi celeri.

 

Leggi anche Acufene e cervicale, relazione e rimedi >>

 

Acufene, di cosa si tratta?

L’acufene è un disturbo cronico che coinvolge una o addirittura entrambe le orecchie. Una sorta di ronzio o anche un tinnito viene percepito dall’udito e il silenzio rende la percezione ben distinta.

In certi casi diventa un disturbo che compromette le capacità di concentrazione. Le cause sono di varia natura: infezione batterica, herpes zoster, stress, pressione alta, disturbi al tratto cervicale, traumi che causano tensioni muscolari.

In una così ampia rosa di possibilità anche le cure spaziano e purtroppo spesso non sono risolutive. In certi casi viene detto a chi ne è affetto di provare a conviverci con soluzioni palliative come l’ascolto di musica soft nei momenti di silenzio, oppure di praticare forme di rilassamento e meditazione, insomma l’acufene non è di facile trattamento.

 

Leggi anche Inquinamento acustico, quali rischi si corrono >>

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: