Logo

Rimedi naturali

QUALI SONO I MIGLIORI FERMENTI LATTICI?

Conosciamo da vicino i differenti ceppi dei probiotici e le funzioni svolte nell'organismo umano, per poter scegliere i migliori fermenti lattici

Quali sono i migliori fermenti lattici?

I migliori fermenti lattici per l'organismo umano sono integratori naturali contenenti batteri vivi, il cui compito è quello di potenziare il numero dei microrganismi buoni, comunemente chiamati i probiotici. Per svolgere appieno il loro compito è necessario che i microrganismi oltre ad essere vivi, siano biochimicamente attivi; resistenti all'azione dell'acido gastrico e aderire all'epitelio intestinale; e capaci di produrre sostanze antibatteriche (acido lattico) e antibiotiche (acidofilina).

Infatti, quando stress psico-fisico, abbassamento delle difese immunitarie, disordini alimentari e assunzione di farmaci alterano l'equilibrio tra batteri buoni e quelli nocivi che convivono nella microflora, diventiamo più vulnerabili all'attacco di patogeni responsabili di infezioni vaginali, allergie, problemi digestivi, stanchezza e malattie autoimmuni.

 

I probiotici: tra passato e presente

Il primo a usare il termine probiotico (dal greco "a favore della vita") fu il ricercatore inglese Roy Fuller (Probiotics in man and animals, 1989) che definì "probiotico un microrganismo vivente che esercita un effetto positivo sulla salute dell'ospite, con il risultato di rafforzare l'ecosistema intestinale".

 

Tuttavia chi diede l'avvio a l'interesse per questi microrganismi e iniziò le prime ricerche sui probiotici fu il biologo russo Élie Metchnikoff che nel 1882 condusse studi sul latte fermentato, evidenziandone l'azione benefica sulla flora batterica dell'intestino. In particolare, lo scienziato ossevò l'inconsueta longevità dei contadini bulgari, che facevano largo consumo di latte acido. Metchinkoff mise in relazione la presenza del Lactobacillus Bulgaricus nel latte acido, con l'annientamento dei batteri nocivi, responsabili di numerose patologie.

Oggi in fitoterapia, l'uso integratori alimentari che apportano i benefici dei fermenti lattici è la pratica più comune, quando ci si trova a dover fronteggiare disturbi di varia natura come infezioni del tratto uro-genitale femminile, recidive, dopo trattamenti antibiotici, per regolarizzare la funzionalità del sistema gastroenterico in caso di diarrea o stitichezza.

 

I migliori fermenti lattici 

I probiotici in quanto microrganismi vivi e vitali esercitano numerose funzioni benefiche nell'organismo e ogni ceppo si è specializzato nel corso dell'evoluzione in attività differenti. In generale i ceppi dei Bifidobatteri e Lattobacilli sono i migliori fermenti lattici per le funzioni importanti che svolgono nel corpo umano. Questi preziosi "micro-alleati" regolano la motilità intestinale, producono acido lattico, rendendo l'ambiente acido e garantendo così l'integrità dei tessuti di tutto il tratto gastroenterico. Vediamone alcuni tra i più importanti e più comuni in commercio.

 

  • Lactobacillus Acidophilus: ripristina lo squilibrio della flora intestinale (disbiosi), migliora la digestione, favorisce l'assimilazione dei nutrienti dal cibo, contrasta la formazione di gonfiore e meteorismo. La sua presenza è fondamentale nella digestione di latte e latticini, nel controllo del colesterolo e per l'assimilazione delle vitamine del gruppo B.
  • Lactobacillus Bulgaricus: insieme all'Acidophilus è utile in caso di vaginiti, cistiti, candida, acne e infezioni cutanee e disturbi della pelle. Questo ceppo produce un antibiotico naturale il bulcarican in grado di inibire una vasta gamma di batteri patogeni.
  • Lactobacillus Rhamnosus: ha la capacità di produrre acido lattico nell'intestino, rendendolo adatto al ceppo dei lattobacilli, ma inospitale per i batteri patogeni. Indicato un caso di enterocolite acuta e in caso i dermatite atopica.
  • Bifidobacterium Bifidum: si trova nell'intestino crasso e nel colon, soprattutto nei bambini allattati al seno. Favorisce l'assorbimento delle vitamine del gruppo B e del calcio ed è un importante coadiuvante delle malattie autoimmuni.
  • Lactobacillus casei: svolge un'azione antibiotica perciò è particolarmente utile durante e dopo terapie antibiotiche e nel trattamento della diarrea, contro stitichezza, meteorismo e gonfiore.

Immagine | Wikimedia