Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

MELATONINA, ZINCO E MAGNESIO CONTRO I DISTURBI DEL SONNO

Una brutta qualità del sonno si traduce in una brutta qualità della vita. La melatonina, soprattutto se combinata con zinco e magnesio, può aiutare a combattere l’insonnia

I disturbi del sonno notturno hanno conseguenze, anche gravi, sulla qualità della vita di chi ne soffre: sonnolenza, ansia, irritabilità e difficoltà di concentrazione sono alcune delle problematiche più comuni correlate all’insonnia.

Esistono fattori che nell’insieme costituiscono la cosiddetta igiene del sonno e che possono favorire un riposo notturno adeguato ed efficiente mediante la creazione di un ambiente rilassante e il mantenimento di ritmi sonno-veglia regolari.

Viceversa, ci sono fattori che possono ostacolare il sonno: dolore fisico, stress, ansia, rumore, alcune malattie, disturbi psichiatrici specifici, ospedalizzazione, assunzione di alcuni farmaci, uso o abuso di sostanze stupefacenti... 

A volte i disturbi del sonno sono temporanei e si risolvono senza particolari interventi, altre volte durano a lungo e necessitano di una cura. 

 

I disturbi del sonno e la melatonina

Un rimedio naturale ed efficace contro i disturbi del sonno è la melatonina.

La melatonina non è un sonnifero e quindi agisce con meccanismi diversi rispetto a questi farmaci. È un ormone derivato dalla serotonina e prodotto dall’ipofisi che, grazie alla sua azione centrale sulla sincronizzazione della ciclicità ormonale, ricostituisce un fisiologico regime di riposo; contribuisce, cioè, a risolvere l’insonnia ricreando la naturale periodicità e ciclicità del sonno.

Quando viene combinata con magnesio e zinco la sua azione è ancora più efficace. Al solito, ci raccomandiamo di avere particolare cura nel valutare insieme a un esperto il dosaggio.

 

Scopri cos'è e a cosa serve il magnesio supremo e le eventuali controindicazioni

 

Melatonina con zinco e magnesio: uno studio clinico

Un recente studio su melatonina e zinco condotto da un equipe medica dell’Università di Pavia e intitolato The Effect of Melatonin, Magnesium, and Zinc on Primary Insomnia in Log-Term Care Facility Residents in Italy: A Double-Blind, Placebo-Controlled Clinical Trial ha valutato l’effetto sui disturbi del sonno di melatonina, zinco e magnesio su un gruppo di 43 pazienti geriatrici con insonnia primaria.

22 pazienti hanno ricevuto, ogni giorno, per 8 settimane, un’ora prima di andare a dormire, un integratore composto da 5 mg di melatonina, 225 mg di magnesio e 11,25 mg di zinco in 100 grammi di polpa di pere; gli altri 21 pazienti hanno ricevuto placebo (100 grammi di polpa di pere).

La qualità del sonno è stata valutata con l’aiuto di diversi questionari per la valutazione del sonno ampiamente riconosciuti dalla comunità scientifica; tali valutazioni sono state effettuate al basale (cioè alla visita prima di cominciare lo studio) e dopo 60 giorni.

Nei pazienti che avevano ricevuto l’integratore naturale per dormire con melatonina, zinco e magnesio è stata evidenziata una qualità del sonno significativamente superiore rispetto a quelli che avevano ricevuto placebo, suggerendo quindi che il trattamento aveva avuto effetti benefici.

 

Un minerale contro la depressione: il magnesio

 

Per approfondire:

> Gli integratori naturali di magnesio: quali sono e quando assumerli

> Gli integratori naturali di zinco: quali sono e quando assumerli

 

Immagine | nerdcoregirl 


Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: