Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

IL SUPERFOOD DEL 2018? UNICA VINCITRICE: LA MORINGA OLEIFERA

Apprezzata dai medici, dai nutrizionisti e dalla stampa di tutto il mondo, grazie ai suoi 46 antiossidanti, 18 aminoacidi, ferro, vitamine, proteine e sali minerali, è la regina indiscussa dei rimedi naturali.

Chi segue il naturale, chi è attento ai rimedi che la natura ci mette a disposizione, ha sicuramente notato la tendenza degli ultimi anni nel proclamare il superfood più in voga.

Il 2016 e il 2017 hanno visto contendersi lo scettro l’avocado, la curcuma e lo zenzero, soprattutto grazie al loro potere antiossidante.
Per il 2018 non ci sono dubbi.. il superfood dell’anno è la Moringa oleifera!


Ma siamo sicuri di sapere esattamente cosa si intende per superfood?

Una definizione universalmente riconosciuta non c’è ma è possibile definire superfood un alimento multifunzionale che possiede molteplici azioni benefiche per il nostro organismo, grazie all'alto contenuto di micronutrienti e molecole attive.

Ora è tutto più chiaro e, soprattutto, sono più chiare le motivazioni che spingono i mass media a riconoscere nella Moringa tutte le caratteristiche che un “SuperCibo" deve avere.

Eletta «coltura del mese» per il gennaio 2018, dall’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite, la notizia ha fatto il giro del mondo destando l’attenzione di medici, nutrizionisti, blogger e stampa internazionale.

The Guardian, La stampa, Cosmopolitan e il Times non hanno esitato a dedicare alla Moringa pagine e pagine di informazioni esaltandone l’alta presenza di micronutrienti e il forte potere antiossidante, proclamandola Regina indiscussa di questo 2018 e considerandola a tutti gli effetti un nettare degli Dei.

 

Come sceglierla.. c’è Moringa e Moringa

La pianta cresce bene in tutti le aree del mondo che godono di un clima caldo umido, ma non tutta la Moringa è uguale. Si tratta di una pianta molto resistente ma che “cattura” dal terreno tutto quello di cui ha bisogno per crescere rigogliosa.

Questo significa che, in aree particolarmente inquinate o troppo aride, non riesce ad assorbire i nutrienti di cui necessita e tende ad accumulare nelle proprie foglie anche le sostanza nocive presenti nel terreno stesso. La prima regola è quindi scegliere una Moringa di qualità, certificata organica e con una tracciabilità evidente dalla semina alla lavorazione finale.

Inoltre, una brutta abitudine delle aziende che trattano prodotti naturali è quella di “tirare al risparmio” acquistando materia prima vecchia, anche di anni. La Moringa è verde e, anche se essiccata, mantiene un colore ben diverso dal marrone. Pretendete sempre di conoscere l’origine della materia prima e le sue certificazioni altrimenti si vanifica il suo contributo al benessere.

 

A cosa serve?

Il fitocomplesso della Moringa è ricco e diversificato. Analizzando i micronutrienti è, sicuramente, un’alleata del benessere permettendo l’integrazione di vitamine, sali minerali, proteine, ferro, potassio e, analizzando le sue molecole attive, ne deriva il forte potere ipoglicemizzante, ricostituente delle ossa, regolatore del metabolismo. Le applicazioni sono numerose così come sono migliaia gli studi pubblicati a riguardo.

Uno spunto di riflessione.. l’olio di Moringa non irrancidisce. La Moringa ha o non ha un forte potere antiossidante?

 

Leggi anche Pelle matura: radicali liberi, rughe e ricette antiaging >>

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: