Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

PERCHÈ ASSUMERE I FERMENTI LATTICI VIVI

Immaginate il nostro intestino come un campo di battaglia, dove le truppe di difesa sono i batteri della flora intestinale e il nemico sono gli agenti patogeni. I fermenti lattici vivi rappresentano i nostri “rinforzi” per la difesa della salute del nostro organismo

I fermenti lattici vivi, il cui nome deriva dalla capacità che hanno di ottenere l’acido lattico, per mezzo di un processo enzimatico di fermentazione del lattosio (lo zucchero più abbondante del latte), sono dei microrganismi che esercitano un’azione di sostegno della nostra flora batterica.

Appartengono in larga misura ai generi Lactobacillus, Lactococcus, Leuconostoc, Pediococcusm e alla specie Streptococcus. Alcuni sono già presenti nel nostro intestino, i probiotici; mentre altri li assumiamo dall’esterno con lo yogurt (Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus thermophilus) o altri integratori naturali.

 

La funzione della flora batterica per la nostra salute

Il tratto finale dell’intestino, chiamato colon, è popolato da miliardi di batteri buoni (gli eubiotici) che hanno il principale compito di sintetizzare i residui della digestione (fibre, carboidrati e proteine), mediante processi fermentativi e putrefattivi dei resti di cibo.

La fermentazione dei piccoli frammenti di cibo non digeriti produce anche 500 ml di gas al giorno che, se prodotto in eccesso, provoca meteorismo caratterizzato da crampi e dolori addominali. In presenza di cattiva digestione accade che il normale equilibrio tra batteri buoni, detti eubiotici, e dannosi, detti patogeni, viene alterato a favore di questi ultimi.

I batteri della nostra flora, infatti, rappresentano il 70% delle nostre difese immunitarie e hanno la funzione di produrre immunoglobine, rafforzando così le nostre difese naturali. Gi eubiotici ostacolano lo sviluppo di molti microrganismi dannosi, inclusi i batteri nocivi e putrefattivi, microbi, virus e funghi, prevenendo così le infezioni.

 

Scopri anche quando prendere i fermenti lattici vivi

 

I probiotici: i nostri “rinforzi” sul campo di battaglia della salute

Tra i fermenti lattici vivi distinguiamo la categoria dei probiotici. Tutti di origine umana e resistenti all'azione digestiva dello stomaco, hanno la caratteristica di essere i principali ceppi batterici presenti nella flora intestinale.

Sono presenti nel latte materno con la funzione di "colonizzare" l'intestino del neonato, in cui danno origine alla flora batterica, che qui rimarrà per tutto il resto della vita della persona.

Alcuni ceppi sono anche rintracciabili in grande numero nella flora intestinale dei bambini (Lactobacillus bifidus), altri nella vagina (Lactobacillus acidophilus).

Resistendo alla digestione, sono in grado di arrivare “vivi” sino all'intestino dove possono riprodursi, arricchire e rinforzare i nostri batteri, favorendo processi vitali, indispensabili per lo sviluppo fisiologico del nostro organismo.

Questo giustifica il ruolo primario che è attribuito ai fermenti lattici nella prevenzione delle allergie, e nella cura di infezioni alle vie respiratorie e urinarie, sindromi infiammatorie intestinali e allergie alimentari, perché, come abbiamo detto, se la flora batterica è sana i germi non riescono né a moltiplicarsi, né a diffondersi.

Inoltre contribuiscono a garantire il buon funzionamento del processo digestivo, facilitando la scomposizione degli alimenti e la loro assimilazione: i fermenti lattici vivi sono in grado di sintetizzare principi nutritivi fondamentali come la biotina e la vitamina K, essenziale per la coagulazione del sangue e la protezione delle ossa.

Infine, i probiotici riequlibrano le alterazioni della funzionalità intestinale in caso di stipsi, diarrea e terapie antibiotiche. Quando assumiamo i farmaci antibiotici, purtroppo è inevitabile che, oltre ad agire contro gli agenti infettivi, distruggano anche i nostri batteri buoni, lasciando il nostro organismo senza le sue difese primarie.

 

Scopri quali sono gli alimenti ricchi di fermenti lattici

 

Immagine | Miguel Angel Pasalodos


Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: