Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

CORSI DI RIFLESSOLOGIA PLANTARE: I PRIMI PASSI DA VERI RIFLESSOLOGI

A Saqqara, a sud del Cairo si trova un affresco di una tomba etrusca del 2330 a.C. che ritrae i primi riflessologi egiziani. Ancora oggi potete decidere di ripercorrere le orme di quegli illustri medici e frequentare specifici corsi di riflessologia plantare

Frequentare corsi di riflessologia plantare e diventare riflessologi vuol dire decidere di trattare per mestiere quello specchio del corpo che riposa proprio sull'arco plantare.

Praticata dagli Egiziani e già diffusa in Cina ben 5000 anni fa, la riflessologia plantare fu introdotta in occidente da un otorinolaringoiatra americano, il dottor William Fitzgerald, intorno al primo decennio del '900.

Da quel periodo la riflessologia ha fatto passi da gigante e costituisce un percorso di formazione professionalizzante a tutti gli effetti.

 

Come sono strutturati i corsi di riflessologia plantare

I corsi di riflessologia plantare in Italia solitamente sono strutturati in tre moduli, ciascuno della durata di un anno.

Le scuole che organizzano corsi di riflessologia plantare rilasciano un diploma che ha la validità di attestato di frequenza.

Tra gli argomenti trattati durante il triennio del corso c'è senza dubbio la storia del massaggio, l'evoluzione del massaggio zonale in occidente, oltre ad appunti e dispense di medicina tradizionale cinese ed elementi di fisiologia e diagnosi energetica.

 

La cassetta degli attrezzi dell'aspirante riflessologo 

Ovviamente lo strumento che fa da re nella "casetta degli attrezzi" dell'aspirante riflessologo è la mappa di riflessologia plantare, attraverso cui lo studente familiarizza con i punti Shu antichi, prima di procedere con le tecniche di manipolazione delle zone riflesse di apparato endocrino, locomotore, dierente, urinario, cardiovascolare, linfatico, respiratorio. 

I punti Shu antichi (Wu Shu) sono in numero di 5 per ognuno dei 12 meridiani principali e corrispondono a 5 degli ago-punti di ogni meridiano. 

Si trovano nella parte terminale dei 12 meridiani compresa fra le estremità delle mani o dei piedi e le articolazioni di gomito o ginocchio, cioè nella parte più superficiale del percorso del meridiano, dove l’energia cambia polarità (da un senso Yin a Yang o viceversa). 

Ciascun punto Shu corrisponde a un Elemento e per questo sono conosciuti in occidente come “punti degli Elementi” o “punti di comando”. 

 

Perché diventare riflessologi

Coloro che hanno frequentato corsi di riflessologia plantare sanno trattare sia i punti Shu antichi, sia i punti Shu più moderni del dorso e attraverso l'analisi condotta con pressioni riescono ad avere una percezione dello stato degli organi interni: i punti dunque rivelano i sintomi e tanto più il riflessologo studia e pratica, tanto più si appropria di una certa sensibilità, che è poi ciò fa la differenza nel mestiere. 

Un professionista nel settore della riflessologia plantare, detta anche massaggio zonale, è un esperto di una tecnica oggi molto diversa da quella che era praticata ai suoi albori.

La ricerca, da parte di neurologi e scienziati di discipline correlate, appoggia chiunque voglia intraprendere una carriera del genere: è stato infatti dimostrato come i percorsi nelle fibre neurali e nel cervello, sono stimolati da terapie basate sul contatto fisico, componente fondamentale del massaggio riflessologico. 

A chiunque volesse intraprendere questa carriera, ricordiamo che allo stato attuale, la figura professionale del riflessologo non è regolamentata da alcuna legge, non è quindi una figura professionale la cui attività è esercitabile in campo sanitario sotto la vigilanza del S.S.N., a meno che non si abbiano i requisiti professionali di legge (laurea in medicina, diploma di laurea in fisioterapia, diploma in massofisiokinesiapia,e comunque sempre sotto controllo medico e in strutture a norma di legge in materia di terapie fisiche). 

Piano piano, con il tempo, forse anche in Italia arriverà anche un riconoscimento dal punto di vista sanitario. Vedremo. 

 

Immagine | Blakespot 

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: