Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

EFFETTI COLLATERALI

Gli effetti collaterali del Ribes nero

Il ribes nero (Ribes nigrum) è una pianta addomesticata, che si trova anche allo stato selvatico, originaria delle zone montuose dell’Eurasia. Molto conosciuto per la sua azione antinfiammatoria e antistaminica, in passato fu usato per guarire pestilenze e febbri, mentre oggi risulta utile contro congiuntivite e allergia. Scopriamo le caratteristiche e gli effetti collaterali del ribes nero.

Ribes nero

 

Ribes nero: caratteristiche e proprietà

Il ribes nero è un arbusto deciduo, con foglie grandi e picciolate, fiori di colore verde-biancastro raccolti in racemi pendenti e frutti neri globosi, ricchi di semi. Rispetto al ribes rosso, è diverso non solo per il colore, ma anche per aroma e sapore. 

Il ribes nero è utilizzato in tutte le sue parti e ha diverse azioni terapeutiche: 

  • stimola le ghiandole surrenali per produrre cortisolo
  • contrasta ogni tipo di stress o lesione, 
  • stimola la conversione di proteine in energia, 
  • elimina le infiammazioni,
  • inibisce temporaneamente l'azione del sistema immunitario contro le allergie,
  • favorisce l’eliminazione dell’urea, 
  • riduce i livelli di colesterolo nel sangue,
  • ha un’azione astringente, vasoprotettrice e rinfrescante

Per questo motivo, il ribes nero è utile in caso di asma, riniti, bronchiti, laringiti, dermatiti e congiuntivite, per fragilità capillare e couperose.

 

Gli effetti collaterali del Ribes nero

Il Ribes nero può avere diversi effetti collaterali come

  • aumento di pressione,
  • interazione con anticoagulanti e psicofarmaci,
  • reazioni allergiche.

In caso di gravidanza e allattamento se ne sconsiglia l'uso.  

 

Ti potrebbero interessare anche:

>  Stop alle allergie con il ribes nero

>  Ribes nero: pianta dall'azione simile al cortisone

 

Immagine | Gobotany.newenglandwild.org

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy