Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
Stage Bagno di Romagna, Forli-Cesena

RESPIRANDO VERSO ORIONE - I PASSI MAGICI DI CARLOS CASTANEDA

Dal 06/01/2017 al 08/01/2017

Indirizzo: Monteguidi

Email contatto: kilian.erthran@gmail.com

Web: http://wp.me/p1hvTh-LE

Di Kilian Erthran, Facilitatrice Tensegrity® in Sciamanesimo

Costo: -

Allegato: schiaritaOK.png

Date e orari

Inizia alle 17 di venerdì 6 e termina alle 16 di domenica 8.

A chi si rivolge

Adulti

Insegnanti e relatori

Kilian Erthran e Nino Wang

Descrizione e Programma

Respirando verso Orione - I passi magici di Carlos Castaneda

Il sognare è una porta per l’infinito … l’arte sofisticata di spostare la percezione dalla sua posizione abituale, per aumentare e allargare le possibilità percettive”  Don Juan Matus


Gli antichi erano silenziosi e profondamente ancorati in oceani di sensazioni fisiche ed energetiche, essi riuscivano a connettersi con i cicli della terra, della luna, del sole, delle stelle e dell’Infinito in generale. Vivendo creativamente la vita, ispirati dalla terra e dalle sue meraviglie, quei veggenti partecipavano alle emanazioni della terra, nuotavano tra le sue correnti, ricevendo e sentendo la sua spinta energetica. Il silenzio e la percezione che gli esseri umani avevano un tempo verso il mondo circostante e gli altri, la compassione e la collaborazione, sembrano invece ai giorni nostri essere stati sostituiti da un linguaggio che sottolinea il confronto, il disaccordo, il giudizio e lo sviluppo della separazione. Incapaci di esercitare la nostra attenzione con strategia e scopo viviamo immersi in una ‘cultura della distrazione’ che frammenta in continuazione la nostra energia e le nostre vite. Per Carlos Castaneda i veggenti del Messico sapevano che l’uomo moderno potrebbe ritrovare il silenzio, l’abilità di focalizzare l’attenzione e riattivare il sognatore che gli appartengono per diritto di nascita, ed essi lo usano ancora, nel loro tempo attuale, per vedere l’immensità oltre la meraviglia. Secondo Carol Tiggs siamo amore, infinito, semplice e puro. Abbiamo fatto un accordo per venire qui, per fare un viaggio di consapevolezza, e mentre espandiamo la nostra consapevolezza in ciò che i veggenti chiamano il Tonal, o mondo del nostro accordo quotidiano, la consapevolezza dell’infinito si espande. Possiamo così tenere chiari, equilibrati bilanci riguardo a dove siamo stati, e dove vorremmo andare. In questa Pratica Intensiva tracceremo un elenco degli eventi che hanno caratterizzato le nostre vite nell’ultimo anno, praticheremo i passi magici e l’agguato per scovare dove abbiamo allocato la nostra energia in specifiche aree delle nostre vite, e come tutte quelle decisioni siano correlate, e prenderemo ciò che avremo così appreso per intentare specifiche azioni per un gioioso anno nuovo. Praticheremo le tecniche dei passi magici, dell’agguato e del teatro dell’infinito intentando il cambiamento che dal silenzio interiore maggiormente sogna il nostro cuore. All’inizio dell’anno come in tutti i momenti di passaggio è possibile intentare dei cambiamenti radicali, quei cambiamenti che più desideriamo portare nella nostre vite. A questo scopo praticheremo il respiro di connessione alla Nebulosa di Orione, come ci ha recentemente trasmesso Carol Tiggs, un ammasso di nuove stelle in continua formazione la cui energia ci permetterà di sviluppare la parte sconosciuta di noi, permettendo al nostro veggente interiore di tracciare nuove strategie e creare un nuovo inizio per la nostra essenza luminosa. Recupereremo così luce ed energia, avremo la possibilità di focalizzare e intensificare la nostra attenzione e il nostro corpo sognante tornerà ad esprimersi.

*  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *

La PRATICA sarà condotta dai Facilitatori di Tensegrity® Kilian Erthran e Nino Wang*. 
http://www.cleargreen.com/teachers/level-i-tensegrity-facilitators  
* Nino, Wang Ching Chang, nato in Cina, risiede e lavora in Italia. Ha praticato arti marziali divenendo istruttore qualificato di uno stile tradizionale di karate coreano. Ha studiato e praticato il Qi Gong cinese, ed ha conoscenza approfondita di diverse discipline energetiche. Da alcuni anni conduce Classi di Tensegrity® nella città di Parma divenendo così Facilitatore certificato di Livello I.


*  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *  *

La TENSEGRITY® di CARLOS CASTANEDA:

La Tensegrità è la versione rielaborata di alcuni movimenti chiamati passi magici che furono sviluppati dagli sciamani messicani fin da epoca precolombiana, un gruppo di uomini e donne veggenti che intraprese un viaggio per accrescere la conoscenza espandendo i limiti della percezione umana. Essi scoprirono tutta una vasta serie di posizioni corporee per ripristinare l’energia all’interno della sfera luminosa del corpo energetico, producendo nuovi e inconcepibili stati di benessere e consapevolezza. Carlos Castaneda, Taisha Abelar, Florinda Donner-Grau, e Carol Tiggs, insieme al suo gruppo e agli Istruttori di Cleargreen, crearono la Tensegrità. Una struttura energetica, sobria, fluida e dinamica, che racchiude ogni insegnamento ricevuto e si espande in ogni direzione. Non c’è più un lignaggio di un gruppo di guerrieri, ma moltissime e svariate persone, guerrieri navigatori di questa era moderna che continuano il viaggio verso la consapevolezza. Tutti i passi magici sono efficaci, risvegliano l’energia dei tendini, il tendere e rilasciare, l’azione e l’abbandono, tensione ed integrità, ed ogni passo o forma ha uno specifico intento. Praticandoli si ridistribuisce l’energia nella sfera luminosa, si muove il punto di assemblaggio e possiamo percepire nuove informazioni e nuovi sogni, entrare nella seconda attenzione, migliorando noi stessi.  I passi magici portano alla consapevolezza che ogni cosa, invece di essere una catena ininterrotta di oggetti è una corrente, un flusso. Siamo abituati a percepire nella vita quotidiana il mondo come qualcosa di scontato che si muove come si muove una catena ininterrotta di esseri con una consistenza materiale che ci sono, esistono, inspiegabilmente, senza connessione, e senza spiegazione. Viviamo immersi in un mondo di materia dove gli oggetti sono una catena ininterrotta che ha o, solo lo scopo di soddisfare le nostre esigenze o, non ha senso alcuno. La pratica dei passi magici ci porta alla consapevolezza non solo che non è così ma anche che sta cambiando il nostro modo di percepire. Non siamo circondati da una catena ininterrotta di oggetti in sè inspiegabile o insignificante. Questa percezione di un flusso o armonia tra gli esseri che compongono questo universo può essere un primo passo verso la seconda attenzione. Gli strumenti chiave della pratica di Tensegrity® sono:

  • Magical Passes®: la versione moderna di movimenti e posizioni del corpo e respirazioni, scoperti dai veggenti del Messico antico in stati di consapevolezza chiamati sognare, che aiutano a sintonizzare il proprio corpo energetico; ed a ripristinare un sano flusso fisico ed energetico nel proprio essere.
  • Ricapitolazione: rivedere le proprie esperienze di vita con il supporto dell’attenzione e del respiro. Questo viene fatto per recuperare l’energia vitale lasciata nelle proprie interazioni e per assumersi la responsabilità della propria vita senza giudicare.
  • Theater of Infinity™ (Il Teatro dell’Infinito): è strettamente legato ai Passi Magici, in particolare a quelli che evocano la consapevolezza di altre forme di vita. Nel ‘Teatro’ inteso come una pratica di consapevolezza, mettiamo in atto scene della nostra vita. Questa coscienza dà maggiore contesto alla nostra esperienza umana, ed aiuta a rompere la certezza e il giudizio sui ruoli che abbiamo assunto nella vita; ci aiuta a vedere e a liberarci anche di quei ruoli che potremmo aver preso da altri, portandoci una più profonda empatia ed una maggiore libertà di scelta.
  • l’Arte di Sognare è l’arte di essere presenti: è l’arte di riconoscere nuove possibilità e di lavorare con il proprio veggente interiore ― la nostra bussola interiore, che è collegata all’intelligenza dell’infinito.
  • il Silenzio interiore è una pratica quotidiana in cui facciamo una pausa… ci sediamo o ci sdraiamo per ascoltare il nostro veggente interiore.

Nella pratica di queste tecniche siamo guidati dalla premessa che ‘L’Affetto è la forma più alta di intelligenza‘. Affetto verso sé stessi, per gli altri, per la straordinaria bellezza di questo mondo. L’affetto per questo momento.” www.cleargreen.com