Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

PROFILI PROFESSIONALI

Il Reiki Master

Il Reiki Master è nella pratica un trasformatore di energia, un veicolo che capta le onde elettromagnetiche presenti nell'aria e le mette in dialogo col corpo del ricevente. Scopriamolo meglio.

>  Che cosa fa il Reiki Master

>  I tre livelli per diventare Reiki Master

>  Come avviene il trattamento

>  Risorse utili per il mestiere del Reiki Master

Reiki

 

 

Cosa fa il Reiki Master

Per capire esattamente come opera un Reiki Master (Shinpiden), dobbiamo partire da un presupposto di base, presupposto che non è teorico o fondato su un vago afflato spirituale: noi siamo percorsi da energia. La riceviamo, la diamo, la prendiamo dall'universo; lo scambio è continuo.

La parola Reiki sta ad indicare l’Energia Vitale Universale. Viene definita come quella forza che opera e vive in tutte le cose della creazione. La parola è di origine giapponese e si compone di due parti. La sillaba Rei descrive l’aspetto universale illimitato di questa energia. Mentre Ki è una parte del Rei, è la forza vitale della vita che scorre attraverso tutto ciò che vive. Sembra, con queste affermazioni, di entrare in un versante estraneo alla scienza. In realtà, la stessa fisica moderna conferma questa prospettiva. Ogni cosa si carica di energia e tende a rilasciarla. 

Il nostro corpo racchiude bilioni di cellule, ciascuna delle quali contiene circa 100.000 diversi geni, formati, a loro volta da lunghe catene di DNA, a forma di spirale. Il Reiki Master lavora sul pacchetto di energia che abbiamo e crea un "ponte" tra il nostro "serbatoio" energetico e quello immenso di cui dispone l'universo. Questo perché ogni corpo, vivente o meno, emette onde elettromagnetiche dalla lunghezza d'onda facilmente calcolabile; noi emettiamo onde elettromagnetiche nello spettro degli infrarossi a frequenza centrale di 9,4 micrometri.

In pratica, il corpo del Reiki Master si comporta come un trasformatore di energia, che capta le onde elettromagnetiche presenti nell'aria di frequenza molto alta (ad esempio quelle comprese nella gamma degli ultravioletti e nella luce visibile) trasformandole in onde con frequenza più bassa ma che penetrano più facilmente i corpi. Tali onde vengono incanalate attraverso la testa e le braccia, per uscire dalle mani in una frequenza compresa tra quelle biocompatibili, la stessa frequenza degli organi sottostanti le mani.

Non si sta parlando di una pratica esoterica o mistica: il Reiki e la scienza procedono sullo stesso binario interpretativo applicato su realtà di cui non si può negare l'esistenza per il solo fatto che la ricezione non si basa sull'impatto retinico.

 

Tecnica, benefici e controindicazioni del Reiki

 

I tre livelli per diventare Reiki Master

Il Reiki giunto in occidente grazie al dott. Hayashi ed alla signora Takata era inizialmente strutturato in tre livelli e ancora oggi permane questa tripartizione. Vediamo brevemente fase per fase:

Reiki I° Livello
Il primo livello fornisce la possibilità di effettuare trattamenti base composti da una serie di posizioni delle mani sul corpo del ricevente. L'auto trattamento, sempre con le mani a contatto del corpo ed infine il trattamento veloce, chiamato anche di pronto soccorso. Il programma di base proposto contempla la storia del Reiki, la teoria sull'energia secondo la fisica quantistica e un approccio alla malattia come disequilibrio.

Reiki II° Livello
L'aspirante Reiki Master arricchisce il modo di operare con l'energia, in quanto grazie all'ausilio dei simboli, riesce a operare il trattamento a distanza, il trattamento mentale, la pulizia energetica degli ambienti e molte tecniche come la Tecnica dello Sguardo fisso (Gyoshi ho), la Tecnica del Soffio (Koki ho).

Reiki III° Livello
A seguito di una maturata esperienza, un lavoro di purificazione personale, l'aspirante guaritore apprende ulteriori tecniche di radicamento, pulizia. Dopo una cerimonia di attivazione di carattere molto sacro, diventa, di fatto, Reiki Master.Il raggiungimento del livello di Master non è un punto d'arrivo, ma viene visto come il primopasso di un lungo cammino.

 

Come si svolge il trattamento Reiki

In un trattamento Reiki, la persona che riceve la terapia si sdraia o si siede da vestita. Il Reiki Master posiziona le mani sul paziente, con i palmi rivolti verso il suo corpo. Il terapeuta utilizza di solito posizioni che attinge da una rosa di tecniche stabilite che ne comprende circa 12 o 15. Ogni posizione viene mantenuta per un intervallo di tempo che può variare dai 2 ai 5 minuti, ma in generale la durata è variabile, dipende dalla sensazione che il Reiki Master riesce a captare in base al flusso energetico. Il numero di sessioni varia a seconda della condizione psicofisica del cliente che si sta curando.

Mentre la possibilità di eseguire sedute di Reiki a breve o media distanza è praticata e praticabile, stanno sorgendo molti dubbi intorno alle sedute Reiki on line, trattamenti fatti attraverso il computer e a pagamento. I motivi del giudizio scettico che circonda le sedute on line di Reiki sono dovuti all'ostacolo fondamentale che è lo schermo; di fatto, il tatto o la vicinanza sono condizioni necessarie per il trasferimento dell'energia. C'è da aggiungere che, anche nei casi tradizionali di sedute Reiki, a volte, una persona in difficoltà distingue a fatica tra un atteggiamento apparentemente dolce e consolatorio dietro cui si nasconde assoluta incompetenza e una vero guaritore consapevole del proprio stato energetico, umile, onesto. Ciò non toglie che esistano ottimi professionisti in grado di fare buoni lavori anche a distanza.

 

Trattamenti Reiki: istruzioni per i pazienti

 

Risorse utili per aspiranti Reiki Master

  • Un'esaustiva introduzione al Reiki sul sito del National Center for Complementary and Alternative Medicine (NCCAM);
  • Associazione Italiana Reiki: tante informazioni, aggiornamenti sui seminari tenuti da Reiki Masters impegnati nella diffusione etica della pratica energetica. Trovate anche indicazioni sulle sedi distribuite su tutto il territorio, oltre al regolamento interno all'associazione; 
  • Studi scientifici controllati sull'efficacia del Reiki;
  • Interessante studio effettuato dal Clinical Trials sugli effetti del Reiki nei casi di diabete e probelmi cardiovascolari. 

 

Come scegliere un operatore Reiki in piena tranquillità?

 

Altri articoli sul Reiki:
>  Esperienze di energia creativa con Reiki
>  Shoden, il primo livello del Reiki
>  Quanto costa un trattamento Reiki

 

Supervisione a cura di Milena Melone Piccioni, Reiki Master - Certified Instructor, presso Universal Oneness Usui Reiki


Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy