Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

VITAMINA B12 ALTA E BASSA

Si sente tanto parlare della vitamina B12: facciamo chiarezza sul suo ruolo, su quali sono i valori ottimali e su cosa succede quando la vitamina B12 è alta o bassa.

Cosa è la vitamina B12

La B12 è una vitamina conosciuta anche con il nome di cobalamina, dato che nella sua composizione troviamo un atomo di cobalto.

Si tratta di una vitamina idrosolubile, che quindi può disciogliersi facilmente in acqua. Viene consigliato di bere l’acqua di cottura delle verdure proprio al fine di incrementare l’assunzione di vitamine idrosolubili e sali minerali.

Per il benessere del nostro corpo è stato stimato un fabbisogno giornaliero di 2 o 3 mcg di B12, che possiamo assumere tramite l'alimentazione o gli integratori di vitamina B12.

Gli alimenti ricchi di vitamina B12 sono le interiora, come il fegato e il rognone, i crostacei e il pesce, in particolare ostriche e aringhe. Hanno una buona quantità di B12 anche le uova e le alghe, soprattutto l’alga spirulina. Alcuni prodotti a base di soia o 100% vegetali, venduti in particolare per chi ha scelto una dieta vegana, hanno un supplemento di B12.

 

A cosa serve la vitamina B12

Questa vitamina è fondamentale per la crescita e la maturazione dei globuli rossi. Vitamina B12 e acido folico, insieme ad altre vitamine, agiscono inoltre nella sintesi di DNA e RNA

La vitamina B12 è anche coinvolta nella formazione dei globuli bianchi, che sono i nostri difensori contro gli attacchi esterni di virus e batteri, contribuendo quindi alla salute del nostro sistema immunitario.

Anche il sistema nervoso ha necessità di B12 per la creazione della guaina mielinica che avvolge i nostri nervi. Questa vitamina inoltre è indispensabile per la sintesi dei neurotrasmettitori e ha proprietà antalgiche, oltre che antidepressive e antiallergiche.

Infine, è coinvolta nel metabolismo dell’omocisteina e serve così a mantenere in equilibrio i livelli circolanti di colesterolo, contrastandone il deposito lungo i vasi sanguigni.

 

Leggi anche Riflessioni sul consumo di vitamina B12 >>

 

Valutare i valori di vitamina B12

Per conoscere quanta vitamina B12 è presente nel nostro corpo possiamo ricorrere alle analisi del sangue o al test del capello.

Nelle analisi di laboratorio possiamo valutare la presenza di B12 circolante, di B12 assorbita e B12 utilizzata. Alcuni test valutano invece la quantità di omocisteina e acido folico, che sono in relazione diretta con la vitamina B12.

Un livello normale è compreso tra 100 e 600 pmol/L e tra 130 e 800 ng/L.

 

Vitamina B12 bassa

La carenza di vitamina B12 nel corpo può essere dovuta a molte cause: quelle principali sono lo scarso apporto nella dieta e la difficoltà di assorbimento.

Le diete che non prevedono il consumo di derivati animali, come quella vegana, sembrano più a rischio di carenza di vitamina B12. Vero è che questa è possibile anche con una dieta onnivora, soprattutto a causa di disfunzioni, malassorbimento o altri fattori.

Risulta sempre più comune infatti la carenza di una glicoproteina che lo stomaco dovrebbe produrre proprio per assorbire la B12. Per giunta questo fattore intrinseco diminuisce con l'età, innescando carenze vitaminiche.

I sintomi più comuni della carenza di vitamina B12 sono:

> estrema stanchezza, debolezza e scarsa energia;

> anemia, più o meno forte;

> palpitazioni;

> nausea e vomito;

> digestione difficile;

> costipazione e stitichezza;

> gas intestinali;

> Morbo di Crohn;

> inappetenza;

> problemi al sistema nervoso, come vertiginiperdita di memoria;

> disturbi dell'umore e ansia.

 

Vitamina B12 alta

La vitamina B12 può essere presente anche in eccesso nel nostro corpo, anche se questa è una situazione molto più rara. In questo caso avremo problemi più lievi, come l'acne, ma anche più gravi, come il malfunzionamento dei reni o alcuni disturbi al sistema nervoso.

In generale, i sintomi della vitamina B12 alta sono tremori, sbalzi di umore, insonnia, gonfiori, stati di ansia e nervosismo. Altre possibili manifestazioni sono reazioni allergiche, alterazioni del battito cardiaco o difficoltà nella respirazione. Persino l’apparato gastrointestinale può mostrare disfunzioni, come diarrea e infiammazioni.

A volte le analisi di laboratorio possono riportare alte quantità di vitamina B12, che però presentano una struttura chimica inattiva che non viene processata dal corpo. Questo accade per esempio quando vengono consumate le alghe. 

Per sapere meglio se la B12 presente nel sangue è attiva, quindi, dovremo valutare anche il modo in cui il corpo l'ha utilizzata, leggendo le analisi dell'omocisteina. Infatti, se i valori della vitamina B12 sono alti ma quelli dell'acido folico sono normali e l'omocisteina è in equilibrio, è probabile che la vitamina B12 sia in forma inattiva.

Livelli di B12 alti, infine, sono comuni anche in caso di diabete, obesità, problemi renali ed epatici.

 

Leggi anche Come scegliere integratori adatti a te >>

 

Foto: Viktor Gladkov / 123rf.com


Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: