Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

IL CALCIO: IL MINERALE DELLE OSSA

Farsi le ossa a forza di calcio? Gli oligoelementi sono i catalizzatori delle funzioni biologiche dell'organismo, tra questi, quello riconosciuto essenziale per le ossa è il calcio

In oligoterapia s’impiega il calcio per le ossa nel trattamento dei disturbi della fissazione del calcio e del metabolismo osseo, nell’osteoporosi, nell’osteomalacia.

Il calcio gioca un ruolo fondamentale nel processo di mineralizzazione del sistema osteo-articolare, in molte attività enzimatiche ed in numerose fasi della coagulazione del sangue.

Gli oligoelementi sono dei biocatalizzatori capaci di attivare le reazioni chimiche e metaboliche, indispensabili alla vita. La loro carenza induce alterazioni strutturali e fisiologiche, somministrati a giuste dosi prevengono e guariscono gli stati di carenza. Essi sono presenti in quantità infinitesimali in tutti gli organismi viventi (nelle piante, negli animali e nell'uomo). Vengono assimilati facilmente, in quanto possiedono una forma molecolare che non provoca accumuli nell’organismo, per cui non sono come i farmaci di sintesi che sostituiscono parzialmente un funzionamento deficitario.

I farmaci vengono abitualmente eliminati attraverso gli organi emuntori (fegato, reni, polmoni e pelle), mentre gli oligoelementi entrano nel tessuto cellulare, riportando il corpo allo stato di equilibrio funzionale.

 

Le ossa: caratteristiche e funzioni

Le ossa sono organi particolarmente duri, con forma, densità e dimensioni variabili in base alle funzioni assolte. Nel loro insieme, partecipano alla formazione del sistema scheletrico, una struttura apparentemente inerte, ma viva e dotata di numerose, importantissime, funzioni.

La particolare struttura del tessuto che le compone, conferisce alle ossa quattro caratteristiche importanti, eccezionali perché difficilmente coniugabili: leggerezza, resistenza, durezza ed elasticità.

Tra funzioni svolte dal sistema scheletrico, quella principale è di sostegno per l’intero organismo; consente il movimento del corpo tramite le contrazioni muscolari; svolge un’azione di protezione degli organi vitali e delle altre parti molli; e rappresenta un supporto per l'attacco di muscoli e tendini.

A queste funzioni va aggiunto un importante ruolo emopoietico e metabolico: nel midollo osseo avviene la produzione di cellule ematiche; e le ossa nel loro insieme costituiscono un'importante riserva di minerali.

 

Scopri anche quali sono gli alimenti ricchi di calcio

 

L’oligoelemento calcio e la sua azione sulle ossa

Per le ossa il calcio svolge un’azione indispensabile alla loro crescita e alla loro salute, poiché ne assicura la densità e l’elasticità.
 É il minerale più abbondante del corpo umano, contenuto quasi interamente nelle ossa e nei denti, sotto forma di fosfato di calcio.

La sua assunzione è indicata per combattere la tendenza alla carie; prevenire e curare l’osteoporosi e la decalcificazione in menopausa; scongiura il fenomeno del rachitismo durante la crescita del bambino; e aiuta la calcificazione dopo fratture ossee. Inoltre è indicato per problemi alle unghie, reumatismi, eczemi. Il calcio è necessario al corretto sviluppo muscolare, previene i crampi e le contratture. Inoltre stimola il metabolismo cellulare, l’assimilazione delle sostanze nutritive e la produzione di energia.

È indicato durante la gravidanza e l’allattamento quando l’organismo materno lo perde in funzione della produzione del latte.
 Fondamentale per l’equilibrio del sistema nervoso, è necessario per mantenere normale il battito cardiaco, la contrazione muscolare e la conduzione nervosa.
  il calcio abbassa il colesterolo, stabilizza il ritmo cardiaco e regolarizza la coagulazione e il PH del sangue. Calcio e vitamina A: un’ottima associazione per mantenere una pelle sana e prevenire la formazione degli eczemi.

 

Il calcio e la sua assunzione

Il calcio per le ossa, e il loro buon funzionamento, è reperibile innanzitutto negli alimenti (latte, alghe, cereali, legumi, cavoli, semi oleosi) e nelle piante come l’equiseto, la maca e la spirulina.

Negli adulti il fabbisogno è di 800-900 mg al dì, mentre in gravidanza e durante l’allattamento è di 1,5-2 g al giorno.

 

Non solo latte: 4 fonti vegetali di calcio

 

Per approfondire:
>  Cause, sintomi e rimedi contro la carenza di calcio

Gli integratori naturali di calcio: quali sono e quando assumerli

 

Immagine | Tetsumo


Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: