Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

FRUTTA

Platano: proprietà, benefici, come si mangia

Il platano è un frutto dalla buccia verde ricco di vitamine e amidi. Utile per chi soffre di problemi legati alla vecchiaia, è di aiuto anche per gli sportivi, per rimettersi dopo una malattia e per i celiaci. Scopriamolo meglio.

>  Descrizione del frutto

>  Platano, alleato di

>  Calorie, valori nutrizionali e proprietà del Platano

>  Controindicazioni del Platano

>  Curiosità

>  Come si mangia il Platano

Platano

 

Descrizione del frutto

Tutti i frutti che chiamiamo banane appartengono alle piante del genere Musa, palme originarie della zona geografica che va dal Sudest asiatico al Pacifico, tra i quali rientra anche il platano. Ad una semplice prima occhiata ciò che distingue il platano dalla comune banana, dai bananiti e dalle meno comuni banane rosse è: colore verde della buccia, buccia più fibrosa, polpa soda e asciutta, maggiori dimensioni.

A piena maturazione ingiallisce per poi annerire con molta velocità, ed è l'unico modo per poterlo gustare da fresco. Infatti, la caratteristica che distingue maggiormente il platano dalle più comuni banane è relativa alla modalità di consumo: il platano non maturo viene utilizzato per numerose preparazioni culinarie mentre il frutto fresco è, ad eccezione del suo breve momento di maturazione, particolarmente astringente al punto da sembrare completamente acerbo.

Pur essendo un frutto asiatico è coltivato anche in Africa, in Sud America e nei Caraibi, mentre da noi comincia ad essere importato sempre con più regolarità.

 

Platano, alleato di

Chi ama lo sport, chi deve rimettersi dopo una malattia, chi è ancora piccolo e deve crescere, chi ha particolare cura della propria pelle, chi soffre di celiachia, chi soffre di problemi legati alla vecchiaia.

 

Calorie, valori nutrizionali e proprietà del platano

Il platano contiene 122 kcal ogni 100 g.

Inoltre, 100 g di prodotto contengono:

  • Grassi 0.4 g
  • Colesterolo 0 g
  • Sodio 4 mg
  • Potassio 492 mg
  • Carboidrati 32 g
  • Fibre 2.3 g
  • Zuccheri 15 g
  • Proteine 1.3 g

Il segreto dell'alta considerazione di cui gode il platano in molte aree del mondo è data dalle sue proprietà: pur nutrendo come le comuni banane, apportando quindi vitamine (C e quelle del gruppo B, soprattutto la B6) e soprattutto oligoelementi, tra i quali il potassio, il magnesio e il ferro, i carboidrati del platano sono presenti sotto forma di amido, che conferisce al platano le qualità adatte per sostituire un pasto a base di cereali o tuberi amidosi.

Un pasto a base di platano è quindi nutriente fungendo al contempo da reintegratore. Gli sono attribuite numerose qualità: è prescritto come cibo ideale per contrastare le infiammazioni gastriche e intestinali, aiuta la rigenerazione dell'epidermide e la cicatrizzazione stimolando la produzione di collagene, supporta il cuore e il sistema circolatorio grazie all'apporto di potassio.

 

Il platano tra i rimedi contro la gastrite: scopri gli altri

Gastrite, tutti i rimedi

 

Controindicazioni del platano

Nessuna controindicazione particolare è associata al platano. Per via dell'alto contenuto di glicidi è consigliabile un consumo ben dosato per chi soffre di diabete.

 

Curiosità

  • Si ritiene che il platano sia un ibrido tra la Musa paradisiaca e un incrocio tra Musa acuiminata e Musa balbisiana
  • È il frutto esotico più consumato al mondo, indispensabile in molte aree del mondo per integrare l'alimentazione di molte fasce povere sostituendo di fatto i cereali.

 

Come si mangia il platano

Il platano può essere consumato in un'infinità di modi. Generalmente viene tagliato e fritto (famose le chips a mo' di patatine), o arrostito, o bollito e lavorato come purea.

Viene anche trasformato in farina per farne gallette, puree e per addensare. Il platano può essere aggiunto anche alle minestre e alle zuppe, come faremmo con una comune patata o un altro tubero amidaceo.

Sempre per via del suo alto contenuto amidaceo, in alcune zone dell'Africa è utilizzato per produrre dei liquori. Quando il platano raggiunge l'ultimo stadio di maturazione, gli amidi sono mutati in zuccheri e il frutto diviene molto più dolce della comune banana.

 

LEGGI ANCHE
Le proprietà, i benefici e le controindicazioni della melarosa

 

In collaborazione con Giacomo Colomba 

 

Immagine | Alimentipedia.it

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy