Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
20658
Piante officinali

Le piante officinali sono quelle che, una volta introdotte nell’organismo, svolgono un’azione farmacologica, seppure blanda. Utilizzate per preservare la salute e il benessere di uomini e animali, possono essere impiegate tali e quali in cucina, come spezie per aromatizzare o nella preparazione di tisane; oppure possono essere lavorate con procedure chimiche e usate per la produzione di liquori, integratori alimentari, cosmetici e farmaci. Un decotto di timo, ad esempio, è un formidabile antisettico, mentre il cataplasma di fico favorisce la maturazione degli ascessi e la cicatrizzazione delle ferite.

 

GUIDE Consigliate di Piante officinali

Articoli in evidenza di Piante officinali

Chi sono i co-operatori?

Chi sono i co-operatori?

CO-OPERATORI | Piante officinali

Articoli più recenti

Salvia salvatrix natura conciliatrix si recitava alla Scuola Medica Salernitana. Anche Plinio il Vecchio utilizzava il termine salvia per indicare la pianta che sana. La Salvia Officinalis è una piccola pianta sempreverde le cui foglie profumano in maniera inequivocabile. E’ ricca di olio essenziale, terpeni, tannini e flavonoidi. In realtà esistono circa 900 specie di salvia, alcune utilizzate come piante ornamentali, altre in cucina, altre in ambito fitoterapico. Ve... »

Di Elisabetta Milani

L’aloe vera è una pianta molto conosciuta che viene utilizzata per le sue molteplici proprietà curative. Infatti i benefici di questa pianta sono numerosi ed è conosciuta nella medicina popolare sin dai tempi antichi. L’aloe vera contiene: > vitamine quali la A, C, E, e molte del complesso B;> sali minerali come zinco, manganese, magnesio, potassio, sodio;> aminoacidi;> enzimi vegetali.  In commercio possiamo trovare presso un vivaio la pianta... »

Di Mira Tonioni

Con il nome paparina si indica il papavero o rosolaccio, fiore spontaneo che cresce nei luoghi incolti e nei campi di grano. Il papavero trova impiego in erboristeria, in cucina e per la bellezza. Cos’è la paparina e dove si trova Paparina è uno dei nomi dialettali del papavero rosso o rosolaccio, il cui nome scientifico è Papaver rhoeas. Il papavero è una pianta spontanea annuale della famiglia delle Papaveraceae, la stessa famiglia della celidonia e del pa... »

Di Tatiana Maselli

Il nome botanico del Lentisco è Pistacia Lentiscus e appartiene alla famiglia delle Anacardiacee. Si tratta di un arbusto cespuglioso che può raggiungere anche i 3 metri di altezza ed è originario del bacino Mediterraneo. La caratteristica interessante di questa pianta è l’essudazione di una resina oleosa dal suo tronco che viene impiegata in campo fitoterapico e definita Mastice di Chios, nome derivante dall’isola greca da cui proviene la produzione o... »

Di Elisabetta Milani

Il tarassaco è una pianta spontanea comune nei prati e nei campi e acquistabile in erboristeria. Il tarassaco si usa soprattutto come diuretico e per i disturbi digestivi: vediamo nel dettaglio quando usare il tarassaco.   Il tarassaco, descrizione e costituenti attivi della pianta Il tarassaco (Taraxacum officinale) è una pianta erbacea perenne della famiglia delle Compositae. La pianta di tarassaco può raggiungere i 40 centimetri e presenta una rosetta di foglie ba... »

Di Tatiana Maselli

Come bere l'assenzio Erba magica, Fata Verde che teneva lontano i demoni, antica madre di tutte le piante, l'assenzio o Artemisia Absinthium ( diverso da Artemisia Vulgaris) è da sempre considerato il rimedio delle donne, usato soprattutto per regolarizzare il ciclo mestruale. La sua azione tonificante per l'organismo è molto importante, a maggior ragione se si pensa quanto vada a stimolare le funzioni legate allo stomaco e alla digestione. Il principio amaro di quest'erba,... »

Di Valeria Gatti

Il timochinone è una molecola che si trova nei semi di cumino nero, detto anche “Nigella Sativa”. È una sostanza dotata di proprietà benefiche ed efficacia sia per la nostra bellezza che per la nostra salute. Vediamo nel dettaglio cos’è il timochinone.   Che cos’è il timochinone: la chimica La medicina Ayurvedica e Ippocrate già utilizzavano Nigella Sativa (il nome latino del Cumino Nero) per i disturbi digestivi e soprat... »

Di Monia Farina

Immancabile sulla pizza e nella gran parte dei nostri piatti "alla pizzaiola", l’origano ci riserva grandi sorprese non solo gastronomiche. Infatti l’origano (Origanum vulgare) non è soltanto una semplice erba aromatica da utilizzare in cucina, ma un vero e proprio medicinale naturale a cui ricorrere sia come prevenzione per mantenere in buona salute il nostro corpo, sia in caso di alcuni disagi e malesseri. Abbiamo cercato per voi le principali proprietà "curative" ... »

Di Monia Farina

Sono molto più famosi di quanto il loro nome lasci credere! Li conoscete eccome, anche se non vi potreste propriamente vantare di questa “conoscenza”. Parliamo degli alcaloidi, sostanze di origine vegetale con effetti importanti e imponenti sull’organismo umano, sia dal punto di vista biologico che nella sfera mentale-comportamentale. Vediamo un po’ cosa sono allora questi alcaloidi!   Cosa sono gli alcaloidi? Dal punto di vista chimico, gli alcaloidi sono ... »

Di Monia Farina

L’amla è una pianta che produce frutti utilizzati come rimedio naturale nella medicina ayurvedica da oltre 5000 anni in India. Il nome tradizionale indiano è Amalaki mentre il suo nome scientifico botanico è Emblica officinalis. In India viene considerata una pianta essenziale per avere benessere nella propria vita tanto che è contenuta nel 50% delle ricette curative della medicina ayurvedica ed è uno degli ingrediente essenziali per gli elisir di lung... »

Di Mira Tonioni

Lo conosciamo forse dal mondo del sushi, oppure da quello delle tisane col limone, oppure dai biscottini speziati natalizi, o dai canditi digestivi dopopasto. Lo zenzero ormai è diventato abbastanza comune sulle nostre tavole, per il suo sapore particolare e i suoi benefici sulla digestione. Sono forse meno note altre sue proprietà: antidolorifiche, antiossidanti. Ma lo zenzero fa bene anche per la pressione alta? Vediamo.   Zenzero e pressione alta: quale legame c’&e... »

Di Monia Farina

La pianta tulsi è conosciuta anche con il nome di basilico sacro o santo proprio per le sue innumerevoli proprietà benefiche per il nostro organismo. Il suo nome scientifico è Ocinum sanctum o anche Ocimum tenuiflorum e appartiene alla famiglia delle Labiateae come il basilico e la menta. E' un'erba aromatica ricca di principi attivi tanto che è soprannominata "la regina delle erbe" e sin dall'antichità in India è utilizzata nella medicina tradizional... »

Di Mira Tonioni

Cos’è l’erigero  Erigeron Canadensis è il suo nome botanico e appartiene alla famiglia delle Composite o Asteracee; si tratta di una pianta infestante con un fusto “peloso” che può arrivare fino a un metro e mezzo o due di altezza. Come indica il nome stesso, la pianta è originaria dell’America settentrionale e successivamente fu importata anche in Europa, Italia inclusa, dove la si vede crescere fino a 1000 metri di altezza. ... »

Di Valeria Gatti

L'Echinacea angustifolia è una pianta erbacea che appartiene alla famiglia delle Asteraceae (conosciute anche come Compositae), il genere Echinacea comprende anche altre specie delle quali solo altre due hanno interesse fitoterapico: Echinacea purpurea ed Echinacea pallida. Le tre specie presentano un fitocomplesso attivo molto simile per composizione dunque sono spesso utilizzate per gli stessi usi terapeutici. L'echinacea è originaria del Nord America, gli Indiani ne facevano... »

di Dr. Livio Chiesa Farmacista

Se vogliamo trovare analogie tra coriandolo e prezzemolo dobbiamo fare riferimento alle loro foglie, la cui forma può essere facilmente confondibile, ma in realtà solo quella, perché per il resto pur facendo parte della stessa famiglia, le Apiaceae, le indicazioni differiscono per proprietà.   Prezzemolo… ovunque Se ci siamo abituati al concetto di “prezzemolo” come sinonimo di presenzialismo, questa erba aromatica si presta ad essere il com... »

Di Elisabetta Milani

1 di 6

Scarica flash player