Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

COME COLTIVARE LA LIQUIRIZIA IN CASA

Ecco qualche consiglio su come coltivare la liquirizia, sul balcone o nel giardino: un po' di pazienza per ottenere i bastoncini dalle grandi proprietà

Se vi sembra così impossibile, in realtà non lo è: coltivare la pianta di liquirizia è più semplice di quanto possa sembrare. Vi servono solo un giardino o un balcone e un po' di terra!

La liquirizia è infatti una di quelle piante rustiche, ovvero che presenta una certa resistenza di fronte alle basse temperature e di fronte a condizioni sfavorevoli per altri tipi di piante, che cresce nei paesi meridionali, come il sud d'Italia, l'Iran, la Turchia, in terreni argillosi e calcarei.

 

Coltivare la liquirizia: da cosa si inizia?

Per iniziare a coltivare la liquirizia, la cosa migliore è prelevare, da una coltura di liquirizia già in atto, rizomi lunghi circa 10 centimetri provvisti di almeno tre nodi.

Il periodo di tempo ideale per la semina della liquirizia è la fine di febbraio o i primi di marzo. Una volta recuperato il rizoma, anche grazie ai numerosi forum di giardinaggio o al passaparola, scegliete un posto adatto alla vostra pianta, assicurandovi che sia ben soleggiato.

La pianta della liquirizia, pur essendo davvero resistente e quasi infestante, predilige infatti il clima mediteranneo delle zone del sud. Una volta trovato il rizoma, va messo subito a dimora sul fondo di un buco profondo 20-30 centimetri circa, in un vaso grande o direttamente nella terra.

La pianta va annaffiata regolarmente, subito dopo l’impianto, ogni volta che il terreno è veramente asciutto, evitando la formazione di pericolosi ristagni idrici, che possono farla morire.

 

Conosci la salmiakki, la liquirizia salata?

 

Come lavorare la radice di liquirizia

Per raccogliere e lavorare le radici della liquirizia è necessario aspettare tre anni dall'inizio della coltivazione. Dopo un po' di pazienza, al terzo anno, si procede con la raccolta, che avviene in autunno, perido durante il quale la pianta inizia ad andare a risposo, e si prelevano le parti aeree delle radici.

Le radici fresche della pianta di liquirizia vengono tagliate in pezzi di media grandezza, lavate e lasciate asciugare al sole oppure in forno a bassa temperatura, non più di 40°. Si possono conservare in vasetti di vetro, lontano da fonti di calore e umidità.

Queste radici possono essere usate per la preparazione di tisane, decotti e per gustarle, come i classici bastoncini per smettere di fumare, così, di tanto in tanto. Una volta macinata molto finemente, si può ottenere anche la radice in polvere, che si presta per la preparazione di classici liquori neri, gelati e altri dolci fatti in casa.

 

Dalla radice alle caramelle

Per l'estrazione industriale del succo nero che andrà a comporre le classiche caramelle, le pastigliette di liquirizia pura e altro, si pervede che vengano tolte le fibre più dure dai bastoncini, vengono poi macinati, pressati e messi a contatto con acqua bollente, 120° circa, per sei ore circa.

La fase liquida viene poi separata da quella solida mediante una pressa idraulica che oltre a separare il succo dalle radici esauste, comprime ulteriormente i residui.

La miscela liquida viene fatta passare poi in un separatore centrifugo per allontanare i residui solidi. Il succo di liquirizia deve essere poi chiarificato e concentrato tramite bollitura per ottenere una pasta nera, densa e profumata, che è fatta passare attraverso macchine che le danno la forma desiderata.

Curiosità. Si tratta di una pianta che fa parte delle Leguminose, si caratterizza per un notevole sviluppo in altezza, formando un arbusto tondeggiante che può raggiungere il metro d'altezza circa.

Come è noto, sono molte le proprietà della liquirizia: emollienti, espettoranti, lassative. Sono un ottimo alleato per chi ha la pressione bassa, da evitare invece nei casi di persone che soffrono di ipertensione, che possono andare incotro a fastidiosi mal di testa solo assumendo una caramella. Per uso esterno è anche un ottimo antinfiammatorio del cavo orale.

 

Liquore alla liquirizia: la ricetta per farlo a casa

 

Per approfondire:

> Le proprietà e l'uso della tintura madre di liquirizia

> Tutte le proprietà della liquirizia

> La liquirizia contro la gastrite

 

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: