Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

UN DATABASE PER GLI STUDI SCIENTIFICI SULL'OMEOPATIA

Grazie alla FIAMO adesso abbiamo la possibilità di consultare online una banca dati ricchissima di studi in campo omeopatico, un lavoro tutto italiano di ricerca e accorpamento di 70 anni di studi.

Ma lo sapete che in rete abbiamo a disposizione il "Database Omeopatia” fruibile da tutti? Più di 1000 studi sui rimedi omeopatici che sono stati pubblicati dal 1949 ai giorni nostri.

Grazie alla FIAMO, la Federazione Italiana Associazioni e Medici Omeopati è stata creata una vera e propria banca dati dove è possibile fruire delle ricerche più importanti in materia di omeopatia, indipendentemente dai risultati conseguiti.

Sono raccolti e indicizzati 1087 studi e revisioni sui medicinali omeopatici reperiti da diverse banche dati medico scientifiche e riunite in un unico grande strumento di consultazione libera.

La struttura del Database

Il Database Omeopatia è strutturato in 9 sezioni per tipo di studio:

1. agro-omeopatia con riportati gli effetti biologici dei medicinali omeopatici in pianticelle sperimentali;
2. ricerche sulle proprietà chimico-fisiche delle soluzioni omeopatiche;
3. studi preclinici in vivo e in vitro sull’applicazione di medicinali omeopatici;
4. studi RCT: una collezione di studi randomizzati in singolo o a doppio cieco rispetto a rimedi placebo o allopatici;
5. studi clinici con osservazioni sugli effetti della somministrazione omeopatica a lungo termine;
6. raccolta di casi clinici trattati con rimedi omeopatici;
7. revisioni sistematiche qualitative dei rimedi omeopatici;
8. revisioni sistematiche con meta-analisi per strutturare statistiche;
9. studi dell’omeopatia applicata in ambito veterinario.

L’indirizzo a cui loggarsi per accedere alla consultazione degli studi così strutturati è  databaseomeopatia.alfatechint.com.

È possibile rintracciare gli articoli d’interesse applicando i filtri di ricerca a disposizione come anno di pubblicazione, autore e parole chiave.

 

Il significato di un database dell’Omeopatia

Un database così strutturato della ricerca omeopatica è un grande strumento che ci fa capire come, malgrado le tante discussioni in merito all’efficacia di questi rimedi cosi diluiti, ci siano interessi scientifici che in maniera analitica muovono a studi di questa medicina e ai relativi effetti, con l’applicazione di metodi scrupolosi e seri.

L’intento è quello di un’analisi oggettiva di questa branchia con il contributo di tutti i ricercatori che, dagli anni '50 ad oggi, vi si sono dedicati, con risultati più o meno di successo.

Il fatto che sia un database “italiano” è un forte segnale di apertura verso questo approccio alla cura della persona e non solo della malattia, che lascia ben sperare alla possibilità di uscire da stretti protocolli e personalizzare il più possibile l’approccio terapeutico in un percorso di integrazione: Similia Similibus Curantur.

 

Leggi anche Omeopatia: l'AIFA riconosce nuovi prodotti >>


Foto: lightpoet / 123RF Archivio Fotografico

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: