Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

OLII ESSENZIALI

OLII ESSENZIALI

Olio essenziale di santoreggia, proprietà e benefici

L'olio essenziale di santoreggia è ricavato dalla Satureja, una pianta della famiglia delle Labiate. Conosciuto per le sue numerose proprietà, è antibiotico e antibatterico, e utile contro colite, candidosi, stanchezza. Scopriamolo meglio.

>  Proprietà dell'olio essenziale di santoreggia

>  Descrizione della pianta

>  Uso e consigli pratici

>  Controindicazioni dell'olio essenziale di santoreggia

>  Cenni storici

Olio essenziale di santoreggia

 

 

Proprietà e benefici dell’olio essenziale di Santoreggia

  • Immunostimolante e tonico: aiuta a rafforzare il sistema immunitario e sollecita le ghiandole surrenali, contrastando casi di astenia e ipotensione. Stimola le funzioni cerebrali, utile nei momenti di forte stress per contrastare la stanchezza fisica e mentale. Pare che eserciti un’azione stimolante sulle ghiandole sessuali maschili.
  • Coleretico, stimola la produzione di bile, facilita la digestione. Svolge anche un’azione carminativa, contrasta fenomeni di meteorismo e fermentazioni intestinali. E’ un efficace antidiarroico.
  • Antisettico e antibiotico: l’olio essenziale di Santoreggia può essere utilizzato per il trattamento della candidosi, di varie forme di micosi, virus e batteri. Può essere utilizzato direttamente sulla parte senza pericolo di irritazione. E’ un efficace disinfettante intestinale, utile in caso di viaggi esotici può essere utilizzato in via preventiva.
  • Antinfiammatorio e antispasmodico, da adottare in caso di nevralgie, come il mal di denti, infiammazioni del cavo orale. Attenua dolori addominali e dolori mestruali. Efficace in caso di colite.

 

Descrizione della pianta

La santoreggia da cui si ricava l’olio essenziale è la Satureja Montana, una pianta erbacea perenne a crescita cespugliosa, caratterizzata da piccole foglie lineari opposte e da fiorellini color  lilla. E’ una pianta spontanea, perenne dall’aroma pungente, che cresce su terreni calcarei aridi e può arrivare ad un’altezza di circa 50 cm.

 

Parte utilizzata

Pianta fiorita

 

Metodo di estrazione

Distillazione in corrente di vapore

 

Nota dell’olio essenziale di Santoreggia

Nota di base, profumo intenso e speziato

 

La santoreggia tra i rimedi naturali per i crampi: scopri gli altri

Crampi, tutti i rimedi

 

Consigli pratici e uso dell'olio essenziale di Santoreggia

In caso di stomatiti e gengiviti è utile effettuare dei gargarismi con l’olio essenziale di Santoreggia: in un bicchiere d’acqua 12 gocce di o.e.

Per il mal di denti dovuto a carie è possibile apporre una goccia di olio essenziale direttamente sulla parte.

Massaggio in caso di gonfiore di pancia: in un cucchiaio di olio vettore da massaggio come olio di sesamo o di mandorle dolci aggiungere 3-5 gocce di olio essenziale di santoreggia e massaggiare la parte in senso circolare orario, dopo i pasti.

 

Controindicazioni

Non sono state segnalate tossicità. In ogni caso se ne sconsiglia l’uso in gravidanza e durante l’allattamento.

 

Cenni Storici

Il nome Santoreggia potrebbe derivare dal greco satiro, figure mitologiche metà uomini metà capre , e fin dall’antichità questa pianta era considerata afrodisiaca. Oppure potrebbe derivare dal latino saturejum, salsa, o da saturare, nell’accezione di saziare. Era in ogni caso conosciuta presso entrambe le civiltà e entrambe l’avevano consacrata al dio Bacco.

Nel Medioevo entrava di diritto negli erbari dei monasteri come erba curativa per problemi digestivi, intestinali e per curare la gotta. Successivamente la valenza afrodisiaca della Santoreggia ne impedì la coltivazione in questi luoghi di culto. Mentre per la stessa ragione fu largamente apprezzata dal Re Sole.

 

LEGGI ANCHE
Quali sono gli oli essenziali per il massaggio

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy