Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

OLII ESSENZIALI

OLII ESSENZIALI

Olio essenziale di melissa, proprietà e benefici

L'olio essenziale di melissa è ricavato dalla Melissa officinalis, una pianta della famiglia delle Labiate. Conosciuto per le sue numerose proprietà, è digestivo, sedativo e riequilibratore, utile anche per la pressione, la digestione e per calmare l'ansia. Scopriamolo meglio.

>  Proprietà dell'olio essenziale di melissa

>  Descrizione della pianta

>  Uso e consigli pratici

>  Controindicazioni dell'olio essenziale di melissa

>  Cenni storici

Melissa per l'olio essenziale

 

Proprietà e benefici dell’olio essenziale di melissa

Riequilibratore del sistema ormonale, impiegato per le problematiche legate alla menopausa.

Digestivo, assunta dopo i pasti la melissa aiuta la digestione, sollecitando l’attività gastrica e rilassando le pareti dello stomaco.

Sedativo, esercita un’azione rilassante sul sistema nervoso, calma la tensione e l’ansia e tutte le manifestazioni di natura psicosomatica collegate a queste condizioni, come le palpitazioni, la cefalea, la gastrite.

Cardiaco, la sua energia solare tonifica il cuore, regola pressione, seda gli stati di ansia e stress e quindi i loro effetti sul sistema circolatorio.

 

Descrizione della pianta

La melissa è una pianta erbacea perenne dalle foglie rugose simili a quelle della menta dal gradevole profumo di limone. I fiori sono bianchi o rosa a calice tuboloso bilabiato. La Melissa è originaria dell’area mediterranea, ma ormai cresce spontaneamente in tutta Europa.

 

Parte utilizzata

Le foglie e le sommità fiorite

 

Metodo di estrazione

Distillazione in corrente di vapore

 

Nota 

Nota di cuore e di testa: profumo fresco, citrato, leggermente erbaceo

 

L'olio essenziale di melissa tra i rimedi naturali per l'ansia: scopri gli altri

Ansia, rimedi naturali

 

Uso e consigli pratici sull'olio essenziale di Melissa

Ad uso digestivo: 2 gocce di olio essenziale in un cucchiaino di miele da sciogliere in una tisana o in una tazza d’acqua calda, da bere dopo i pasti.

Per l’insonnia: 2 gocce in un olio vettore da massaggiare sulle tempie e sull’addome per calmare, rilassare e indurre al sonno. Ottimo anche in diffusore nella camera da letto.

Per le vampate: aggiungere 2 gocce alla boccetta della tintura madre di salvia da assumere regolarmente per placare le vampate di calore da menopausa.

 

Controindicazioni dell'olio essenziale di Melissa

La melissa presenta alcuni effetti collaterali. Se ne sconsiglia l’uso in caso di terapie a base di ormoni tiroidei, potrebbe portare effetti paradosso con stati di agitazione.

 

Cenni Storici

Il nome Melissa in greco significa Ape. In antichità questi insetti avevano una valenza sacrale legata all’energia produttiva del miele. Secondo la tradizione anche la Melissa partecipava a questo processo di trasformazione.

Era considerata pianta medicinale in grado di sostenere il cuore, il sistema nervoso. Paracelso l’aveva definita elisir di lunga vita. I Carmelitani Scalzi nel XVII secolo avevano elaborato un distillato di melissa che chiamavano Acqua Antiisterica indicata per sedare gli stati ansiosi, l’isteria, sostenere il sonno.

 

LEGGI ANCHE
L'olio essenziale di melissa tra i rimedi naturali contro le vertigini

 

Altri articoli sull'olio essenziale di melissa:

>  Tra i rimedi naturali per curare la milza, anche l'olio essenziale di melissa
>  L'olio essenziale di melissa tra gli oli collegati al quarto chakra

L'olio essenziale di melissa contro i sintomi della depressione

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy