Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

L'OLEOLITO DI CURCUMA: A COSA SERVE E COME FARLO

Facile da preparare, in una settimana potrete già usarlo per ringiovanire la pelle e far splendere i capelli, ma non solo: ecco come fare il prezioso oleolito di curcuma, il must delle donne indiane e dell'ayurveda

L'oleolito di curcuma è un olio vegetale preparato con la curcuma in polevere e molto usato nella cosmesi naturale. Utile contro rughe e forfora, l'oleolito di curcuma è un valido alleato anche in caso di pelle screpolata e dermatiti. Scopriamolo meglio.

 

Curcuma, un tesoro per l'organismo

La curcuma è un vero tesoro per la salute dell'organismo: almeno due cucchiaini di curcuma al giorno aiutano a stare bene sia dentro che fuori.

Sì perchè la curcuma si può utilizzare tanto in cucina per insaporire le pietanze, come risotti, secondi piatti, verdure, quanto per farne prodotti ad uso cosmetico per la pelle e per i capelli, apprezzati soprattutto per le proprietà antiossidanti, o prodotti di cure naturali come la tintura madre di curcuma.

In più l'oleolito è uno speciale macerato che, grazie all'olio vegetale, estrae tutti i preziosi principi liposolubili della droga e si può utilizzare con effiicacia in diversi modi.

Quando si parla di oleolito di curcuma si parla anche di un prodotto facilmente realizzabile a casa propria con solo due ingredienti e pochi strumenti reperibili. Vediamo come prepararlo, come conservarlo e a cosa serve.

 

Come fare l'oleolito di curcuma

Ingredienti:

Procedimento: versare l'olio di sesamo in un barattolo di vetro con chiusura ermetica, precedentemente pulito e disinfettato con alcol a 95°, unirvi la curcuma in polvere e mescolare il tutto.Lasciare macerare per una settimana, scuotendo il barattolo di tanto in tanto, almeno una volta al giorno. Passata una settimana, travasare l'oleolito così ottenuto, senza agitarlo ulteriormente, in una bottiglia di vetro scuro, senza muovere la curcuma che si è depositata sul fondo.

Per conservare l'oleolito il modo migliore è anzitutto quello di utilizzare perviamente utensili e strumenti ben asciutti e puliti. Secondariamente bisogna avere cura che non si formi acqua nell'olio, eliminandone eventuali presenze; in questo caso non se ne dovrebbe formare, essendo la curcuma in polvere essiccata, non fresca. Se si desidera si può aggiungere al preparato un paio di gocce dell'olio essenziale preferito. La bottiglia si conserva al buio per circa sei/dodici mesi. Al posto dell'olio di sesamo, ideale anche per massaggi e lieve per la pelle, si può provare ad usare l'olio d'oliva o l'olio di riso.

 

La curcuma in medicina ayurvedica e medicina occidentale

 

Usi dell'oleolito di curcuma

  • Come prodotto antirughe, se ne usa qualche goccia la sera e la mattina, massaggiando delicatamente la pelle del viso e del collo. Si può usare anche in combinazione con cera d'api naturale e acqua distillata alla rosa per farne un delizioso balsamo nutriente.
  • Come impacco antiforfora o per rendere più forti i capelli, basta mettere un cucchiaino di oleolito di curcuma in 200 ml di shampoo naturale delicato, senza parabeni o siliconi, e un paio di gocce di tea tree oil, massaggiare e risciacquare.
  • Per regolare l'eccesso di sebo sulla pelle, quindi come maschera seboregolatrice, purificante e anti punti neri. La ricetta ideale si compone di un cucchiaino di oleolito di curcuma, 2 cucchiaini di polvere di legno di sandalo, 2 cucchiaini di olio di mandorle dolci, due cucchiai di farina di ceci o di argilla verde ventilata. In un recipiente mescolare tutti gli ingredienti, aggiungendo poca acqua così da ottenere una pasta. Applicate sulla pelle del viso inumidita leggermente o delle zone da trattare e lasciate agire per 10-15 minuti. Strofinate bene con entrambe le mani sulla pelle esercitando una leggera pressione e rimuovete l’impacco risciacquando con acqua fredda.
  • In caso di pelle screpolata, dermatiti o prurito grazie alle proprietà lenitive. In questo caso basterà aggiungere qualche goccia di oleolito di curcuma a un olio vettore, come l'olio di mandorle dolci, e massaggiare a lungo la zona da trattare fino al completo assorbimento.


Curiosità: la curcuma è il vero segreto di bellezza delle donne indiane è proprio la curcuma: a casa propria producono una specie di pasta a base di curcuma da spalmare sulla pelle per mantenerla giovane e in salute e per proteggerla dai raggi solari. Le donne in India la usano anche per ritardare la ricrescita dei peli!

 

Quanto costa e dove si compra la curcuma

 

Per approfondire:
>  Proprietà, uso e controindicazioni della tintura madre di curcuma

>  Le calorie della curcuma

>  Le proprietà, l'uso e le controindicazioni dell'olio essenziale di curcuma

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: