Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

COSMETICI NATURALI

Oleolito di Arnica, cosmesi naturale

L'oleolito di arnica, ottenuto per macerazione in olio vegetale delle sommità fiorite fresche della pianta, si utilizza soprattutto in caso di contusioni, distorsioni, dolori articolari e muscolari, e reumatismi. Scopriamo anche le proprietà cosmetiche di questo prodotto.

>  1. Descrizione della pianta

>  2. Come si prepara l'oleolito di arnica

>  3. Proprietà dell'oleolito di arnica

Arnica montana

 

Descrizione della pianta

L'Arnica montana è una pianta perenne di montagna della famiglia delle Composite, alta dai venti ai sessanta centimetri che da maggio ad agosto produce fiori giallo scuro con petali “spettinati”.

È possibile trovarla nei pascoli tra i 1200 e 2800 metri di altitudine su Alpi, Appennini, Carpazi, Pirenei. In Italia è vietata la raccolta dei fiori di Arnica montana poiché è una specie protetta a rischio di estinzione.

L'utilizzo dei fiori dell'Arnica è diffuso da molti secoli soprattutto per curare stiramenti muscolari, distorsioni e contusioni, mentre un tempo era uso consumare le foglie essiccate per combattere tosse e bronchiti.

 

Come si prepara l'oleolito di arnica

Ancora oggi, in ambito cosmetico e terapeutico, si utilizza il macerato oleoso di Arnica. Il macerato oleoso o oleolito si ottiene facendo macerare in olio vegetale le sommità fiorite fresche della pianta, mentre la tintura di arnica è un estratto alcolico dei fiori essiccati

I fiori di arnica vengono ricoperti di olio e fatti riposare per circa un mese in un barattolo chiuso esposto ai raggi solari, agitando di tanto in tanto; i fiori forniranno così un concentrato di principi attivi all'olio.

Al termine della macerazione, l'olio viene filtrato per eliminare tutti i residui dei fiori; l'oleolito che si ottiene ha un colore che va dal giallo all'arancione, un profumo leggero e lo si può utilizzare per preparare oli, creme e balsami.

L'olio vegetale di base con cui preparare il macerato può essere olio di girasole, di mandorle dolci, di arachidi o di oliva; in genere si preferisce l'olio di girasole per la preparazione degli oleoliti poiché non ha un odore caratteristico ed essendo un olio stabile non irrancidisce velocemente, a differenza dell'olio di mandorle dolci.

Per ovviare al problema dell'irrancidimento, in fase di preparazione si tende ad aggiungere all'oleolito una percentuale di Vitamina E, un antiossidante naturale.

A seconda dell'olio in cui si fanno macerare i fiori, l'oleolito sarà composto da acidi grassi tipici di dell'olio vegetale impiegato, oltre ai principi attivi dell'Arnica.

Questi ultimi in particolare sono:

  • l'olio essenziale del fiore, contenente timolo e mono e sesquiterpeni con attività antinfiammatoria, antibatterica e antivirale;
  • i lattoni sesquiterpenici con azione antinfiammatoria e analgesica;
  • i carotenoidi, che oltre ad essere responsabili della colorazione dei fiori hanno proprietà antiossidanti e fotoprotettive;
  • i fitosteroli, che migliorano la funzione barriera della pelle e la microcircolazione, inibiscono l'invecchiamento cutaneo, sono antinfiammatori e proteggono dall'azione nociva dei raggi solari.

 

Scopri anche l'Arnica montana come rimedio omeopatico per i traumi sportivi

 

Proprietà dell'oleolito di Arnica

L'oleolito di Arnica si utilizza soprattutto in caso di contusioni, distorsioni, dolori articolari e muscolari, reumatismi, artrosi e problemi legati alla circolazione; viene impiegato anche per curare le infiammazioni della bocca e della gola, nonché in caso di bronchiti.

Grazie ai principi attivi in esso contenuti, l'oleolito di Arnica ha infatti azione antifiammatoria e lenitiva, previene la formazione di lividi e ne facilita il riassorbimento, calma il dolore, stimola la guarigione e la riparazione dei tessuti.

Si inserisce dunque nella formulazione di gel e creme per preparare i muscoli all'attività fisica, negli oli e balsami da massaggio da applicare dopo lo sport e in unguenti di primo soccorso da utilizzare in caso di lividi, distorsioni e contusioni.

Grazie alla proprietà di stimolare la circolazione, l'oleolito di Arnica rientra nella formulazione di gel e creme per gambe pesanti, gonfie e soggette alla formazione di vene varicose.

Sempre per via dell'azione sull'apparato circolatorio, l'oleolito di Arnica montana si presta anche per il trattamento della pelle pallida, quando il pallore è dovuto a problemi circolatori; in questo caso può essere inserito in piccole percentuali come principio attivo nelle creme per il viso.

L'oleolito può essere utilizzato puro, prestando attenzione poiché potrebbe macchiare i vestiti, o miscelato con altri oli vegetali o oli essenziali; ad esempio:

 

 

L'oleolito di Arnica si utilizza solo per uso esterno e mai su ferite aperte o nella zona del contorno occhi. Può dare reazioni allergiche o sensibilizzazioni nei soggetti allergici alle Composite.

 

LEGGI ANCHE

Tutte le proprietà, gli usi e le controindicazioni dell'olio di arnica


 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy