Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
Pressione alta

Cioccolato amaro per abbassare la pressione

21/09/2012 | Fonte: Ansa

Chi ama il cioccolato, adesso ha una ragione in più per apprezzarlo: quello amaro è utile per combattere l'ipertensione, favorire la dilatazione delle coronarie e abbassare i livelli di colesterolo. Tanto che l'Efsa (l'agenzia europea per la sicurezza alimentare) sta valutando l'indicazione di un prodotto nutraceutico a base di cacao e flavonoli per ipertensione e angina. A spiegarlo è stato oggi Cesare Sirtori, presidente della Società italiana di nutraceutica (Sinut), al suo congresso nazionale a Milano. ''Questo prodotto - precisa Sirtori -, che dovrebbe arrivare sul mercato a gennaio 2013, contiene 10 grammi di cacao e 200 mg di flavonoli: basta prenderlo una volta al giorno per tenere a bada la pressione alta''. La conferma dei benefici del cacao è nota da anni, grazie agli studi fatti sulla popolazione Kuna, al largo di Panama, che consuma grandi quantità di cacao e ha una mortalità per malattie cardiovascolari molto più bassa di quella dei cittadini panamericani. ''I benefici però sono solo del cioccolato amaro - continua - quello al latte e bianco invece da questo punto di vista non fa niente''.

 

Altro alimento su cui si stanno concentrando diversi studi per i suoi benefici sulla salute è il lupino. ''Una leguminosa che rispetto alla soglia - osserva Anna Arnoldi, docente di Chimica degli alimenti dell'università degli Studi di Milano - ha una maggiore flessibilità nella preparazione dei prodotti, e ha effetti benefici non solo su colesterolo e diabete, ma contiene elementi proteici che in futuro potrebbero portare a pillole per l'ipertensione''. Uno studio recente condotto da Sirtori presso l'ospedale Niguarda di Milano su barrette dietetiche con proteine di lupino, ha riscontrato un calo del 4,2% del colesterolo già dopo un mese rispetto al gruppo di persone che aveva assunto barrette alla caseina. E' bene comunque tener presente che i prodotti nutraceutici ''non si sostituiscono ai farmaci - conclude Sirtori - ma servono per la prevenzione e il trattamento di patologie moderate".

 


la notizia in rete »