Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

COS'È IL NERVO DEL TRIGEMINO

Cos'è il nervo del trigemino? Quali sono i sintomi? Come si può migliorare attraverso la naturopatia?

Oggi volevo parlare del nervo del trigemino, quinto nervo cranico più grande della testa.
Il nervo ha 3 branche che trasmettono sintomi sensoriali della parte inferiore, mediana e superiore del volto.
La branca superiore del volto, il nervo oftalmico, porta le sensazioni al cuoio capelluto, alla fronte e alla parte anteriore della testa.


La branca di mezzo, il nervo mascellare, attraversa la guancia, laparte superiore della mascella, il labbro superiore, i denti, le gengive e il lato del naso.

La branca inferiore interessa il nervo mandibolare, mascella, denti, gengive e il labbro inferiore. A volte la causa deriva da un danno della guaina mielinica che avvolge i nervi: questo deterioramento fa sì che il nervo mandi segnali anomali al cervello.

Il disturbo causa improvvisi e sporadici dolori, molto intensi che possono durare alcuni secondi come minuti. Il dolore colpisce sia livello fisico che mentale.

Spesso un attacco può essere innescato dalla stimolazione di aree specifiche del volto, come delle vibrazioni dovute alla masticazione, dallo spazzolari dei denti, la rasatura, uno scatto improvviso nel girare il volto o uno sbalzo di temperatura.


I sintomi

  • dolore improvviso e lacinante con la sensazione di bruciore;
  • lampi di dolore simili a scosse elettriche quando si tocca la guancia;
  • a volte l’intensità del dolore interessa anche la metà del viso;
  • Acufeni;
  • dolore nella msticazione;
  • dolore oculare;
  • fotofobia;
  • spasmi muscolari;

Non è facile identificare l’infiammazione del nervo del trigemino, in alcuni casi si tende ad associare il sintomo come ad uno stato d’ansia, stress e nervosimo.

Spesso, con i miei clienti, si cerca di arrivare alle origini del dolore per capire da dove partire per poter, attraverso i trattamenti specifici arrivare al miglioramento e all’attenuazione del dolore.

Uno dei trattamenti che spesso applico in questo caso è la riflessologia plantare mirata o la stimolazione di determinati punti del volto che portano ad un deciso miglioramento dello stato acuto del dolore.

La soluzione omeopatica è data dalla Kalmia Latifolia 7 CH quando la sensazione di formicolio e il dolore lacinate si dirige dall'alto verso il basso oppure da utilizzare il sale di Schussler Kalium Phosphoricum D6. Essendo il sale del sistema nervoso periferico, trova utilizzo in tutti i dolori che coinvolgono i nervi periferici.

Nei casi in cui il nervo del trigemino s’infiammi è meglio rivolgersi ad un esperto naturopata per capire come trovare la via giusta di miglioramento con trattamenti e prodotti naturali, o rivolgersi al proprio medico di fiducia per identificare quale strada prendere.

 

Leggi anche Mal di testa e denti, come sono collegati >>

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: