Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
20695
Terapie del movimento

Movimento e terapie: il corpo le richiede. Nelle varie fasi della vita, il movimento deve essere una costante e le terapie, allo stesso modo, devono accompagnare l'esistenza in forma di prevenzione o, in caso di disturbi, in una modalità attivache vada alla radice del problema. L’interazione tra il corpo e la mente è la base fondamentale di molte tecniche terapeutiche che includono il movimento come componente fondamentale per disinnescare meccanismi mentali o abitudini posturali errate, entrambi aspetti dannosi per la persona stessa che li pone in essere.

GUIDE Consigliate di Terapie del movimento

Articoli in evidenza di Terapie del movimento

Chi sono i co-operatori?

Chi sono i co-operatori?

CO-OPERATORI | Terapie del movimento

Non ci sono co-operatori per Terapie del movimento. Clicca qui per candidarti come co-operatore.

Articoli più recenti

Unendo le diverse esperienze maturate negli ambiti del movimento corporeo, della gestione vocale (in quanto cantante), della danza classica (insegnante diplomata Royal Academy), dell’ascolto musicale attivo e della pratica di discipline olistiche, ho creato un metodo che ascolta il linguaggio corporeo, insegnando al praticante a riconoscerne i segnali, utili strumenti di buona vita. Con la pratica di questa disciplina le contingenze quotidiane dell’esistenza e i suoi ritmi verrann... »

di Studio Rebecca Naturopatia ... Naturopata Floriterapeuta Insegnante di Danza Classica Master ReiKi Tarologa Cantante Professionista Esperta in tecniche di gestione energetica Ideatrice del Metodo Stretching Olistico

E’ bene chiarire innanzitutto le priorità e i risultati che si vogliono ottenere con questa pratica: il movimento e le reazioni istintive del corpo sono gestite da quell’area del cervello chiamata Rettiliano (brain stem); nello specifico il Rettiliano entra in azione quando il soggetto è sotto stress psicofisico o, per dirla in parole povere, quando è messo “con le spalle al muro”. Normalmente in questo stato l’individuo reagisce istintivamen... »

di Giorgio Scepi Insegnante di Tecnica Alexander

ATB è l’acronimo di Awareness Through the Body che significa appunto risvegliare la Coscienza Attraverso il Corpo.  Questo metodo è un programma composto da numerosi esercizi, attività e giochi che hanno come finalità quella di aumentare la consapevolezza e la percezione di noi stessi. L'obiettivo che l’ATB si pone è quello di aiutare lo sviluppo dell’attenzione, della concentrazione, del rilassamento e dell’auto-consapevolezza. ... »

Di Mira Tonioni

“Ognuno di noi incontra momenti difficili nella vita. Che fare? Pillole bianche, pillole rosse, pillole blu? Interminabili psicoterapie? Non fare niente e sperare che tutto passi? Siamo liberi di scegliere, fra queste e decine di altre possibilità. Io cammino” (Guido Ghidorzi)   Dietro al termine “camminoterapia” si nasconde una delle azioni imprescindibili per l’essere umano, che svolge dall’età di circa un anno per il resto della sua vi... »

Di Cloe Mirenda

Avevamo sentito parlare di studi relativi al miglioramento dello stato di salute di bambini obesi con la pratica del ping pong, e ora, di recente, ecco che questo sport diventato olimpionico in realtà non da troppo tempo, si rivela un potente sostegno e mezzo di miglioramento delle condizioni cognitive e psicofisiche anche per chi convive con l'Alzheimer. Scopriamo in che modo, attraverso le ricerche e gli studi della Saef (Sport and Art Educational Foundation).     Il p... »

Di Elisa Cappelli

Francesco ha una grande esperienza di educatore e lo si vede nei modi, calmi, pacati. Ha anche una visione lungimirante che gli deriva dal tempo speso a insegnare risorse, funzioni del corpo umano. Diplomato ISEF, nel 1998 si diploma in Massofisioterapista e, nel 1999, consegue il D.O. in Osteopatia presso l'ECOFORUM for PEACE (U.S.A.), nel 2003 diventa Massaggiatore Sportivo e nel 2005 consegue la Laurea in Fisioterapia presso l'Università di Siena. Nel 1996 frequenta il cor... »

Di Elisa Cappelli

Durante un incontro teorico-pratico con gli studenti del master in Sistemi Sanitari Medicine Tradizionali e non Convenzionali ho presentato una lezione teorica sulle Terapie Coreutiche dando poi spazio alla DanzaMovimentoTerapia, la mia formazione e su cui potete leggere nel portale alcuni articoli. La tematica mi ha permesso di avvicinarmi ad un vasto mondo, fatto di diversi approcci metodologici, secondo i diversi sistemi di cura, tradizionali e non convenzionali, e di vita.  Ho centra... »

di "Lo Spazio" di Fossati Elen...

Come alternare bagni freddi e bagni caldi  La pratica dell'immersione in acqua fredda (12-15°C) è pratica diffusa tra molti atleti professionisti. Difatti è un metodo di recupero veloce e uno strumento per ridurre i dolori articolari e muscolari, specie dopo le sessioni di pratica fisica intensa. Affrontiamo tutti i casi in cui è bene alternare i bagni caldi e freddi, in quali casi prediligere solo una temperatura e quanto immergersi in acqua. Vediamo alcuni esem... »

Di Elisa Cappelli

Di recente mi pare di intuire che comprendere significhi unire. Ricercare familiarità, anche. Ricercarla come un nutrimento quando si ha fame. Apprendere riguarda lo svuotamento e la pienezza. La prontezza a riempirsi senza impienarsi in eccesso (e anche di questa eventualità ha cura chi trasmette).   In molte aree di questo globo che abitiamo si è compreso che apprendere è anche allenare qualcuno all'apprendimento stesso. Molti psicologi e docenti hanno ... »

Di Elisa Cappelli

La fluidità nel movimento  Se pensiamo alle onde, riusciamo a immaginarle nel corpo? Luce e suono sono onde con frequenza e lunghezza specifiche. I movimenti messi a punto da Milton Trager generano vibrazioni che si propagano portando rilassamento e leggerezza che influiscono positivamente su tutto l'equilibrio psicofisico. Visti da fuori, sono tutti accomunati da una caratteristica: la grazia. Il corpo, direte voi, è vincolato dallo scorrere dle tempo. Vero. Ma se l'esperi... »

Di Elisa Cappelli

Immaginate di svegliarvi, fare una bella colazione collettiva e poi... sensibilizzazione ritmica, orchestrazione generale. Pranzo con alimenti a km zerissimo (vengono dall'orto sinergico che potete esplorare appena girate l'angolo del casale) e dopo la digestione, drum circle e orchestrazione ritmica afrocubananica. Cenetta deliziosa, ché creare suono fa venir fame, e di nuovo drum circle sotto la luna.  Non serve essere percussionisti di professione. "Ma posso partecipare anche i... »

Intervista a Lorenzo Rompato

Come il training autogeno può aiutare a rilassarsi e distendersi, con semplici esercizi. Training autogeno: la commutazione organismica globale e le formule Partiamo dall'idea di "commutazione organismica globale", fulcro del training autogeno. Non spaventatevi. Allora, andiamo per gradi. Attraverso un allenamento regolare si raggiunge questa "commutazione" che altro non è che un rilassamento psicofisico che si sperimenta attraverso un esercizio costante. In sintesi, si prende ... »

Di Elisa Cappelli

Ci sentiamo più giovani, più belli, più magri. O tutto l'opposto. Ci sentiamo dritti come fusti e siamo afflosciati come rametti bagnati. O, al contrario, ci percepiamo totalmente storti e invece basterebbe solo riprendere contatto con le scapole e il respiro. Indaghiamo le modalità in cui ci percepiamo e conosciamo meglio il concetto di propriocezione applicato alle pratiche di movimento del corpo e non solo.    La percezione di sé Partiamo da un ... »

Di Elisa Cappelli

Usciamo dall'Italia per approdare in Ungheria, Budapest, nello specifico, dove c'è chi lavora con morbidezza e apertura su temi che possono arricchire molto il bagaglio di numerosi terapeuti del movimento o soggetti che lavorano in ambito interculturale. Voleremo in Ungheria a Luglio, per un workshop intensivo di confronto e formazione per gli adulti concentrata su sessualità, corpo, genere e disabilità. Si tratta di BODY, un progetto multilaterale Gru... »

di Elisa Cappelli Insegnante Pilates e Qi gong

Via Skype puoi comunque vedere quando una persona incarna qualcosa, nella fattispecie un percorso legato al movimento nel senso esteso. Nonché la persona, dall'altra parte dello schermo, si debba mettere a ballare davanti a te, no. Lo vedi quando parla ed è come se andasse via, a un certo punto, come se andasse in quel luogo lì, dove la ricerca è continua e passa per il respiro e i movimenti non portati, ma che portano.  Jyoti de Gregorio inizia l'indagine su ... »

Intervista a Jyoti de Gregorio

1 di 3

Scarica flash player