Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
Online Caltanissetta

MENTAL COACH

Il 13/05/2014

Indirizzo: Online

Email contatto: marialazzara@outlook.it

Web: http://marialazzara.wix.com/maria#!-Mental-coach/c1u4h/2A22F11F-8936-4FD6-8DE2-1A4D63823133

Di Maria Lazzara, MENTAL TRAINER Scienze della formazione in Armonizzazione psicosomatica

Costo: € 150,00

Allegato: tesina Psicologia Sport.docx

Date e orari

A discrezione dello studente

A chi si rivolge

Sportivi e non in cerca di autostima e traguardi da realizzare

Attestati e diplomi

Attestato di Mental trainer conseguito dalla Psicologa Gerinbirsa Maria di Psymedisport. Ai richiedenti su richiesta verrà rilasciato Attestato di frequenza.

Insegnanti e relatori

Maria Lazzara

Descrizione e Programma

Mental coach

Gli obiettivi da perseguire nell’ ambito della Psicologia dello Sport, sono i seguenti:

- Facilitare l’adattamento psicologico richiesto da ogni disabilità;

- Aiutare il paziente ad adattarsi e a compensare le sue limitazioni;

-Infondere nell’allievo un senso di responsabilità per il suo futuro;

-Migliorare la forza fisica, l’equilibrio, la coordinazione, la flessibilità e la sicurezza;

-Insegnare delle attività ricreative;

-Migliorare la comprensione di una disabilità, con i suoi punti forti e i suoi punti deboli.

Abbastanza semplice risulta mettere su carta un programma per organizzato, altrettanto non risulta essere metterlo poi in pratica; nascono così di continuo degli ostacoli anche in presenza di ottimi propositi. E’ necessario ricordare che attività e programmi variano secondo l’età, il posto, la disabilità, il sesso, il personale, le strutture e le relazioni interdipartimentali. Per riuscire nell’intento di aiutare un ragazzo disabile a trarre benefici da un programma terapeutico, è necessario un comitato di diversi operatori. L’istruttore farà da coordinatore a tutto il comitato, il cui obiettivo principale è quello di indicare le linee per un programma di educazione fisica speciale in una scuola o in un distretto scolastico particolare. Dovrà innanzitutto stabilire il numero di ragazzi da comprendere nel programma ed il tipo di disabilità da trattare. L’infermiere scolastico, invece, dovrà indicare i ragazzi che hanno dovuto sospendere temporaneamente la frequenza delle lezioni per sopravvenuti problemi medici; segnalare i problemi di postura, di obesità e di debolezza generale. L’insieme dei dati raccolti vanno presentati al sovrintendente della scuola e/o al consiglio per l’educazione e dovranno contenere, comunque, tutte le informazioni che possono essere utili al programma. Il programma risulterà avvantaggiato se coloro che vi partecipano sono in possesso di un titolo di formazione professionale (il master’s degree),