Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

TANTRALIFE, UN MODERNO METODO TANTRICO, DI TARISHA C. CASTALDO

TANTRALIFE, UN MODERNO METODO TANTRICO di Tarisha C. Castaldo - (Pubb. da Re Nudo gen-feb. 2007) Intervista a Radha C. Luglio, autrice del libro “Tantra, Un modo di vivere e di amare”, Ed. Tecniche Nuove, e creatrice del metodo Tantralife (www.tantralife.com), ispirato alla visione di Osho.


D.: Radha, che cos'è il Tantralife?
R.: Come è noto, il Tantra è un metodo per espandere la propria consapevolezza.
Ho voluto chiamare il mio lavoro Tantralife per distinguerlo dalle tradizioni Tantriche
antiche e per dargli una connotazione più moderna, facilmente praticabile da tutti e che
porti dei cambiamenti in tutti campi della vita quotidiana.

D.: In che senso cambia la vita?
R.: Prima di tutto cambia la qualità della vita.  E' come se finora avessimo vissuto una vita
al minimo. E' come se avessimo visto la vita guardando dal buco della serratura. Tantralife
permette di aprire la porta. E dietro quella porta c'è una visione più vasta dell'esistenza.
Con questo metodo si impara a vivere in maniera più intensa, a gioire e trarre godimento
da ogni cosa (a partire dal contatto con il nostro corpo), aumenta la nostra autostima e
abbiamo molta più energia da utilizzare nel lavoro, nella creatività, in ogni cosa!

D.: Il tuo metodo è descritto nel tuo libro “Tantra, Un modo di vivere e di amare”?
R.: Non esattamente. Nel libro ho voluto raccontare la mia esperienza. Ho avuto la fortuna
straordinaria di iniziare il mio percorso spirituale quando ero molto giovane, con Osho, e
ho voluto raccontare questa parte della mia vita nel libro. In effetti è da questa radice che
nasce il mio lavoro. Nel libro comunque, ci sono anche delle bellissime meditazioni
tantriche che è possibile praticare a casa. Però per imparare il Tantra la prima cosa è
sperimentarlo attraverso i corsi Tantralife.


D.: In che cosa consiste questo metodo?
R.: Fondamentalmente è un percorso di conoscenza di se stessi che parte dalla relazione
che abbiamo con il nostro corpo per farci accedere a livelli sempre maggiori di
consapevolezza. Il nucleo centrale del mio lavoro è il Tantralife Training, un percorso in più
tappe in cui il praticante ha la possibilità di avvicinarsi in maniera graduale e via via più
profonda al proprio potenziale. I primi passi si fanno già nel corso “La Sessualità
Meditativa”, il Corso Base, e consistono nel riavvicinarsi al corpo: facendo amicizia con
esso e accettandolo totalmente per riuscire a capire come il corpo sia il principale veicolo
per trovarci qui-e-ora... Il corpo non mente! Passiamo poi ad espandere i nostri sensi,
cominciando ad aprirci ad una visione più ampia della realtà: i sensi sono la porta verso il
piacere che ora riusciamo a trovare in noi stessi e anche intorno a noi. E poi lavoriamo
sullʼespansione dellʼenergia: si parte dal corpo per comprendere poi che non siamo fatti di
sola materia ma esiste unʼessenza spirituale in noi che ha bisogno di esprimersi. Questi
sono ovviamente solo i primi passi...


D.: Ma in pratica che cosa si fa nei corsi?
R.: Il mio approccio è molto dolce, sensuale, giocoso, non invasivo. In pratica utilizzo
tecniche meditative, danza, respiro, bioenergetica, esercizi di ruolo...E poi meditazioni che
si possono fare da soli o in coppia con un partner.


D.: Ai corsi Tantralife quindi è possibile venire sia in coppia che da soli?
R.: Assolutamente si. Anzi, di solito consiglio anche a chi è in coppia di partecipare
individualmente ai corsi di gruppo. Il Tantra, infatti,  non va inteso come metodo per riunificare le coppie, o per migliorare le prestazioni sessuali, anche se ovviamente questi
possono essere piacevoli effetti collaterali. Come dicevo prima, Tantralife è un percorso di
crescita personale e se partecipiamo ad un corso con lʼobiettivo di conoscere meglio noi
stessi, sarà molto più facile farlo se non saremo distratti, preoccupati o inibiti dalla
presenza del partner.


D.: C'è anche il sesso nei corsi Tantralife?
R.: Non è previsto il sesso esplicito ma andiamo a smuovere l'energia sessuale che anche
in chi fa sesso tutti i giorni è comunque assopita. Risvegliando questa energia anche tutto
il resto si risveglia. Eʼ la famosa porta che si apre. Questa energia ha bisogno di essere
esplorata e liberata dai tabù e dalle repressioni che ci sono state imposte. Eʼ questa
stessa energia che, una volta liberata, può trasformarsi in fonte di salute, vitalità e gioia
che possiamo applicare a tutti i campi della nostra vita. Se impariamo ad onorare e
rispettare questa energia, capiremo anche come utilizzarla per essere più consapevoli e
svegli, più meditativi. E a sua volta la meditazione ci dà il supporto per contenere questa
energia che è così potente.


D.: Sentendo parlare di meditazione, viene naturale il paragone con altre tecniche
meditative. In che cosa Tantralife è diverso da metodi tipo lo Yoga, per esempio?

R.: Lo Yoga implica una disciplina assoluta. Eʼ molto rigoroso e utilizza lo sforzo e la
concentrazione come metodo verso un traguardo, un obiettivo. Il Tantra è all'opposto.
Insegna a distaccarsi dall'idea di un traguardo. Insegna a rilassarsi nel momento, a godere
del "qui e ora". Ovviamente la sessualità è il momento in cui siamo maggiormente e
naturalmente qui-e-ora. Ecco perchè il Tantra parte dal sesso, usa lʼenergia sessuale.
La difficoltà maggiore nel Tantra consiste nel fatto che purtroppo nel nostro tipo di cultura
abbiamo portato il concetto di traguardo, di obiettivo, anche nellʼatto sessuale. Per questo
molte scuole di Tantra non insegnano altro che tecniche per vivere una sessualità più
rilassata e libera dallʼobiettivo dellʼorgasmo. Nel mio approccio però questo è solo il primo
passo, lʼABC, e ci arrivo in maniera non tecnica, non yogica.


D.: In che cosa dunque Tantralife è diverso da altre scuole di Tantra?
R.: Il mio background è basato sulla visione di Osho. Avendo vissuto per 20 anni accanto
a lui, non ho potuto fare a meno di assorbire la sua visione e la sua qualità, la sua
“fragranza”. A differenza di altre scuole, nel percorso Tantralife lʼaccento non è tanto sulle
tecniche sessuali ma sulla sensualità, sullʼenergia. Quindi non insegno pratiche sessuali o
posizioni, tipo catena di montaggio del sesso... Uso invece la naturale sensualità che è
presente in ogni partecipante. In un certo senso il partecipante viene “sedotto” dalla
propria energia, assaggiando, forse per la prima volta, una qualità nuova dentro di sè. E
questo porta naturalmente e senza sforzo ad un rilassamento piacevole e ad uno stato
meditativo, anche e non solo nella sessualità. Ricordo che Osho diceva che lʼorgasmo è
un momento di illuminazione spirituale, dove scompaiono i confini, dove non cʼè tempo e
non cʼè spazio. Eʼ proprio questo che voglio far sperimentare ai partecipanti dei miei corsi,
facendo loro comprendere che è possibile estendere questi momenti di estasi il più
possibile nella vita quotidiana... vivendo una “Tantra-life”.

 

LEGGI ANCHE
La meditazione tantrica e i suoi benefici

 


PER INFORMAZIONI SUI CORSI TANTRALIFE CON RADHA:
tel. 347 0187761 - info@tantralife.com - www.tantralife.com 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: