Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

MEDITAZIONE E DEPRESSIONE

Rinchiudersi in se stessi può avere due valenze opposte. Scopriamo il rapporto tra meditazione e depressione.

Cos'è la depressione

Per depressione si intende solitamente una condizione di tristezza profonda che assume, nelle forme più gravi, le caratteristiche di un disturbo psicotico. Soffre l'animo, afflitto da un sentimento di inadeguatezza e sfiducia dovuto a una serie di motivi individuali, familiari, sociali.

Ma soffre anche il corpo. A livello fisiologico, la depressione potrebbe derivare da un alterato equilibrio delle azioni di certi neuromediatori sui ricettori e di questi nella traduzione del messaggio. In particolare, risulterebbero coinvolti i sistemi della serotonina, della dopamina, e della noradrenalina, sostanze implicate nella regolazione del piacere, della ricerca e della novità.

Tante e diverse sono le cause dello stato depressivo. Tra le più comuni, ci sono sicuramente fattori esterni (licenziamento, separazione, divorzio, lutto), elementi ereditari (disposizione genetica alla depressione) e malattie o disturbi fisici (anemia, disturbi ormonali, condizioni di immobilità, carenze vitaminiche, scarsa attività della tiroide), senza dimenticare la nota depressione post-partum. Cosa può fare la meditazione contro la depressione?

 

Meditazione contro la depressione

La negazione della depressione non fa che peggiorare l’intensità del disturbo, mentre accogliere questa condizione come un dato di fatto è il primo passo per ritrovare se stessi e cominciare a vivere. Questo è già un primo passo.

Un altro passo può essere rappresentato dal praticare una forma di meditazione contro la depressione o, meglio, la distimia, che presenta sintomi analoghi alla depressione, ma meno gravi per intensità e più persistenti nel tempo. In generale, il movimento o compiere un'attività aumenta l’autostima e aiuta a combattere stati d’animo negativi. Non ci sono dunque solo farmaci e psicoterapia dunque.

Quale forma di meditazione adottare? La meditazione buddhista ben si presta a combattere la depressione, perché aiuta a gestire meglio i pensieri ricorrenti e soprattutto quelli positivi. La respirazione, modalità di base della meditazione, consente benefici sul sistema nervoso centrale. Numerosi studi testimoniano i benefici della meditazione contro ansia, stress e depressione.

 

LEGGI ANCHE
I rimedi omeopatici contro la depressione

Malattie del cuore e depressione delle donne

 

Immagine | 40187826

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: