Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

L'EFFETTO MAHARISHI: LA MEDITAZIONE PUÒ MODIFICARE LA REALTÀ?

Un fenomeno davvero interessante che non smette di dividere la comunità scientifica: l'effetto Maharishi. Un appassionante dibattito che coinvolge la meditazione, la società e le più recenti scoperte della fisica.

Maharishi Mahesh Yogi è una nota e per alcuni controversa figura che occupa un posto chiave in quel processo, tuttora in atto, che vede lo yoga e la filosofia indiana crescere sul territorio occidentale. Egli, come molti sapranno, è il padre della Meditazione Trascendentale così come, per i suoi detrattori, rappresenta il prototipo del guru glam a misura di star.

Qualunque sia la considerazione che abbiamo di questo maestro è certo che egli sia stato un personaggio fondamentale per quel che riguarda la diffusione del pensiero e della tradizione del subcontinente. Ci occuperemo in questo articolo di un fenomeno che porta il suo nome e che risulta davvero sorprendente: l’effetto Maharishi.

 
Un fenomeno soprendente dietro al quale agiscono leggi molto complesse e dibattute

Innanzitutto ricordiamo che la meditazione trascendentale è una tecnica mentale che vede il suo epicentro nella ripetizione di un mantra. Questa tipologia di meditazione è stata oggetto di numerosi studi scientifici fin dagli anni ’70, conta diverse milioni di seguaci (alcuni molto noti), una fondazione patrocinata dal famoso regista David Lynch e varie scuole e università che l’hanno inserita nei loro programmi.

Passiamo ora a spiegare l’effetto Maharishi al quale è necessaria una piccola premessa: noi ci limiteremo a descrivere il fenomeno nella sostanza informando però il lettore che dietro di esso agirebbero complesse leggi di fisica quantistica che, secondo i suoi sostenitori, contribuiscono ad avvalorarlo. Non essendo fisici, non possiamo dare una valutazione di merito, anche perché il dibattito nella stessa comunità scientifica è tuttora aperto.

 

Sapevi che la Meditazione è anche il miglior metodo scaccia ansia?

 

Dunque, in parole semplici, in un certo numero di persone, quantificato come la radice quadrata dell’1% della popolazione del territorio preso in esame, che ha praticato la meditazione trascendentale, sono stati riscontrati dei cambiamenti sociologici all’interno della stessa comunità, ovvero: minore criminalità (furti, omicidi), meno incidenti stradali e meno morti in generale rispetto a altre città o territori simili ma senza meditatori.

Se il numero delle persone che medita aumenta, i benefici non sono più solo a livello locale, ma globale: minore conflittualità tra stati in guerra, rialzo dei mercati azionari, etc…

La connessione tra il miglioramento della qualità della vita e una comunità di meditatori abbastanza ampia che lo determina è alla base del cosiddetto effetto Maharishi.

Effetto Maharishi: una speranza in attesa di conferme

Detto così, l’effetto Maharishi sembra quasi una magia. In realtà, fisici, psicologi e sociologi ne hanno dato (o provato a dare) delle spiegazioni ma, come sempre, non mancano coloro che ritengono sia un enorme bluff e che le ricerche scientifiche in merito siano parziali, lacunose o insufficienti.

Il nostro approccio è sempre quello di non avere reazioni emotive rispetto a questi fenomeni almeno all’apparenza straordinari. Onestamente sarebbe davvero meraviglioso se fosse indiscutibilmente e unanimemente vero: una comunità abituata a meditare (o anche la radice quadrata dell’1% di una comunità) rappresenta, senza dubbio, un insieme di persone che mira a una diversa e, auspicabilmente, più profonda concezione dell’esistenza, il che è senza dubbio un bene.

Purtroppo, ad oggi, non esistono prove inconfutabili della sua validità e siamo costretti, nostro malgrado, ad mantenere delle riserve nella speranza di avere il prima possibile qualche conferma ufficiale.

 

Anche nei bambini la meditazione può dare degli ottimi risultati

 

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: