Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
Medicina olistica

I QUATTRO TEMPERAMENTI IPPOCRATICI

Ippocrate, padre fondatore dell’Ars Medica, introdusse un sistema interpretativo-diagnostico che considerava l’uomo integrato nella natura e nelle sue leggi. A lui si deve la teoria umorale e dei quattro temperamenti ippocratici che, strappando la pratica medica alle credenze superstiziose, ha tracciato linee guida atte a giustificare i disequilibri e le malattie all’interno di una concezione olistica.

Di Elisabetta Milani 11163 Speciale

La teoria umorale di Ippocrate

Un tempo tutto nella natura era un segno, la natura stessa aveva un significato che ognuno nel suo intimo percepiva. Avendolo perso l’uomo oggi la distrugge e con ciò si condanna” [Claude Levi-Strauss].

Nel corso dei secoli per la nostra civiltà occidentale si è andata perdendo la capacità di leggere in termini analogici la realtà da cui siamo circondati. I popoli più antichi e saggi invece avevano una visione della natura fondata sulla comunione ed interazione di tutti gli esseri viventi e sulle forze archetipiche da cui tutto dipende.

Ciò che cade sotto i nostri sensi si presenta in quattro forme possibili: forma solida, liquida, gassosa o eterea. La Scienza ne ha individuato gli elementi chimici che rappresentano i costituenti base: Carbonio, Ossigeno, Azoto, Idrogeno. Questi a loro volta entrano in relazione diretta con i quattro elementi che per gli antichi formavano il tutto: Aria, Fuoco, Terra, Acqua. Quattro sono anche i punti cardinali, quattro sono le forze che governano i movimenti della creazione: forze centripete, forze intermedio centripete, forze intermedio centrifughe, forze centrifughe.

Noi abitanti della Terra siamo il frutto dell’evoluzione dell’Universo, tutti gli elementi di cui siamo composti sono la sintesi delle trasformazioni che si sono verificate a partire dal Big-Bang iniziale. Siamo davvero un po’ “figli delle stelle” e solo seguendo le leggi universali, i cicli stagionali, lunari e circadiani possiamo vivere in armonia con la Natura. Il pensiero greco aveva introdotto il concetto di physis e con Empedocle si filosofava su come gli elementi Terra, Aria, Fuoco e Acqua ne fossero i costituenti, simboli di forze che determinano le forme fisiche di qualunque essere vivente.

Secondo Ippocrate, medico che visse nel V sec. a.C. dando corpo alla Teoria umorale, il corpo umano sarebbe formato dall’unione dei quattro elementi e dalla qualità di ognuno di essi: il freddo, il caldo, il secco e l’umido. Quando si manifestano nell’essere umano diventano temperamenti. In “Della Natura dell’Uomo” Ippocrate spiega “ll corpo umano comprende in sé: sangue, flemma, bile gialla, bile nera. Questo è quello che costituisce la natura del corpo e che crea la salute e la malattia. Vi è invero la salute quando questi umori sono in giusto rapporto di mescolanza, di forza e di quantità e quindi il miscuglio è perfetto”.