Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv

I BENEFICI DEL MASSAGGIO THAILANDESE

Chi pratica yoga percepisce le profonde connessioni benefiche che vi sono con il massaggio thailandese, un mondo fantastico tutto da esplorare: eccone delineati i vantaggi, i benefici e anche le controindicazioni.

Le basi del massaggio thailandese

Il massaggio thailandese, noto anche come massaggio thai, è un antica pratica legata al Buddhismo, risalente ad almeno 2500 anni fa, che viene ancora oggi tramandata di generazione in generazione presso le famiglie locali.

Chi pratica yoga e riceve un massaggio thai, sente che c’è qualcosa che lega le due cose: infatti il massaggio thailandese ha origine proprio nell’India buddhista e i suoi principi si legano a quelli dello yoga thai o buddhista stesso. 

Sostanzialmente si basa su una serie di pressioni, compressioni e digitopressioni che vanno a lavorare sui meridiani del corpo secondo i principi dei dieci Sen (i meridiani del massaggio thai appunto), realizzati attraverso gesti e manovre precisi, posizioni ben note e movimenti che sembrano una danza a tutto corpo attorno alla persona che riceve il massaggio. 

Lo scopo di questo tipo di massaggio è quello di risvegliare e riattivare la circolazione energetica, del sangue e linfatica, facendo leva sulla capacità di autoguarigione dell’organismo. 

 

Leggi anche Le energie sottili e l'autoguarigione >>

 

Benefici e vantaggi del massaggio thailandese

Il massaggio thailandese si pratica sdraiati su una superficie morbida, sia essa a terra, come vorrebbe la tradizione, o su un lettino, partendo in posizione prona.

Un panno caldo e umido viene solitamente messo sulle gambe, per riscaldare il corpo. Non si usano infatti normalmente oli o lozioni, ma si cerca di lasciare coperto il ricevente così da mantenere il corpo caldo.

Come visto, si tratta di un massaggio energico e intenso, che può risultare a tratti deciso e insieme delicato, ma mai doloroso, e che a sua volta libera energie, favorendo una buona circolazione all’interno dell’organismo e liberando le tossine.

Tutto il corpo viene preso in considerazione nel massaggio thai. 

 

I piedi

massaggio-thai-piedi

 

I polpacci

massaggio-thai-polpacci

 

Le mani

massaggio-thai-mani

 

Il viso

massaggio-thai-viso

 

Il trucco è lasciarsi andare alle mani esperte di chi lo esegue, assecondando e lasciandosi accompagnare in ogni movimento, stiramento, torsione, evitando di opporvi resistenza.

Solo così si riescono davvero a percepire a fondo i benefici, che porteranno a un profondo ed estatico rilassamento finale

 

Per chi è indicato il massaggio thailandere

Molto indicato per chi soffre di insonnia o ha problemi d’umore e depressione, è un vero e proprio tonico per i nervi. Anche chi patisce i sintomi di ansia e stress ne trae enorme beneficio.

Il massaggio thai è importante anche per riallineare una postura scorretta e per aiutare chi ha mal di schiena o problemi di cervicale. La mente si libera, i pensieri diventano leggeri, i muscoli si rilassano e ciò che resta è un profondo benessere diffuso.

 

Controindicazioni del massaggio thai

Il massaggio thailandese non viene praticato in gravidanza, non si esegue in caso di ernia iatale o ipertensione arteriosa, ictus cerebrale, disturbi cardiaci, fratture, ferite o infiammazioni o patologie più gravi in corso.

Può risultare un po’ “invadente” anche per chi soffre di patologie autoimmuni che colpiscono ossa e articolazioni, come l’artrite reumatoide, oppure per chi soffre di osteoporosi.

Dove si pratica il massaggio thailandese? Sono diversi i centri dove viene praticato questo tipo di massaggio, da spa a centri estetici o veri e propri luoghi preposti solo a questo tipo di massaggio.

Il consiglio è di affidarsi a punti specializzati, dove solitamente sono le donne thai a lavorare e a portare avanti pratica e tradizione.

Altrettanto numerosi sono i corsi di massaggio thailandese, presenti nelle maggiori città italiane.

Libri di riferimento:
> "Il massaggio thailandese" di Asokananda;
> "Buddhist yoga: a comprehensive course" tradotto da Thomas Cleary

 

Leggi anche Le diverse tipologie di massaggio >>

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy


Ti potrebbe interessare anche: