Questo sito contribuisce alla audience di DeAbyDay.tv
TUTTE LE GUIDE

ERBE E PIANTE OFFICINALI

ERBE E PIANTE OFFICINALI

Manna, proprietà e uso

A cura di Maria Rita Insolera, Naturopata

 

La manna è una sostanza estratta dalla linfa che sgorga dalle ferite del tronco del frassino, molto conosciuta per le proprietà lassativa, espettorante, emolliente e sedativo della tosse. Scopriamola meglio. 

>  1. Proprietà e benefici della manna

>  2. Modalità d'uso

>  3. Controindicazioni della manna

>  4. Descrizione della pianta

>  5. L'habitat della manna

>  6. Cenni storici

Manna

 

Proprietà e benefici della Manna

La manna è un lassativo naturale dalle diverse proprietà terapeutiche, essa è infatti utile come espettorante, contro la tosse, decongestionate, contro bronchiti e faringiti. 

La Manna è conosciuta anche per il suo uso nella cosmesi naturale, poiché è emolliente e antirughe. 

La manna pura contiene: 

  • la mannite, che ha un’azione lassativa;
  • acqua e oligoelementi;
  • acidi organici utili contro l’acidità del sangue;
  • glucosio e fruttosio dall’azione nutriente;
  • mucillagini, utili per la flora batterica intestinale;
  • resine e composti azotati, per la salute e la bellezza della pelle. 

Tale composizione è molto complessa e dipende da numerosi fattori (il suolo, l’età della pianta, la sua esposizione ecc.). Tutte queste proprietà della manna sono accentuate dal fatto di essere facilmente assimilabile dall’organismo e quindi di pronto utilizzo.

In particolare, la mannite, le mucillagini e gli acidi organici contenuti nella manna sono utili per regolare il peso corporeo in quanto contribuiscono all’eliminazione di scorie e grasso in eccesso. Inoltre la manna, essendo ricca di antiossidanti, aiuta l’organismo a depurarsi.  

 

Modalità d’uso

La manna ha un leggero potere dolcificante pertanto può essere usata al posto dello zucchero in infusi, o essere assunta semplicemente con l’acqua.

Va consumata per più giorni e la dose di assunzione deve essere viariata in base agli effetti via via ottenuti (regolarità e consistenza delle feci). 

La manna migliore è la frassino cannolo, bianca e a forme di stalattite di almeno 3 cm di lunghezza. 

Ecco come usare la manna:

  • 10-15 g di manna pura per favorire la digestione e regolare l’attività dell’intestino. Va assunta per più giorni, dopo i pasti.
  • 15-20 g di manna sciolta nel tè o nel latte come lassativo. Va assunta la mattina.
  • 30 g al giorno per un’azione purgativa

 

Puoi approfondire le proprietà e l'uso della mannite, zucchero ricavato dalla manna

 

Controindicazioni della Manna

La manna è generalmente bene tollerata. Come tutti i lassativi, però, è controindicata nelle occlusioni intestinali. In alcune persone sensibili, può provocare nausea e flatulenza.

 

Descrizione della Manna

La manna è un prodotto ottenuto da alcune specie di piante del genere Fraxinus (frassini), in particolare Fraxinus ornus (orniello o frassino da manna).

Il Fraxinus ornus, o orniello, è un albero che può crescere fino a 10 m di altezza. 

 

Habitat della Manna

Il frassino da manna è coltivato in Sicilia, nelle zone di Castelbuono, di Pollina e di Cefalù.

Preferisce quindi un clima mediterraneo, suoli argillosi o calcarei e una altitudine compresa fra i 200 e gli 800 metri sul livello del mare.  

 

Cenni storici

La manna era conosciuta agli arabi già dal nono secolo e venne importata in Italia dalla Persia, prima di essere prodotta direttamente sulla penisola.

La manna migliore, tuttavia, era quella prodotta in Sicilia a partire dal 1700. 

 

Le proprietà, l'uso e le controindicazioni del frassino

 

Immagine | Avventurenelcibo

 

Iscrivendoti accetti le condizioni d'uso e l'informativa sulla Privacy